noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Cosa ci dice l’epidemia nei campus universitari

Un’epidemia di influenza nei campus universitari probabilmente indica un Brutta stagione influenzale in arrivo, Ma gli esperti dicono che la natura imprevedibile del virus influenzale significa che è troppo presto per sapere con certezza come si svilupperà questa stagione.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie sono Attualmente indagando Focolaio di influenza all’Università del Michigan, dove almeno 528 studenti maschi e femmine È risultata positiva all’influenza dal 6 ottobre. Università della Florida, Florida State University, Rowan University a Glassboro, NJ, e Università del Rhode Island Questo mese si registra anche una forte tendenza al rialzo nei casi di influenza nei campus.

A livello nazionale, il tasso di positività all’influenza è basso, allo 0,3 percento, ma in forte aumento 37 percento presso l’Università del Michigan. Il tasso di positività al Tallahassee Memorial HealthCare, dove si trova la Florida State University, è di circa il 30%, secondo il direttore medico dell’ospedale per i servizi di emergenza, il dottor Alex Ho. Tuttavia, lontano da quelle università, i casi di influenza in tutto lo stato rimangono bassi sia nel Michigan che in Florida.

Non sorprende che le epidemie di influenza all’inizio della stagione inizino nei campus universitari, data la loro natura sociale, ha affermato Alicia Budd, epidemiologa della divisione influenzale dei Centers for Disease Control and Prevention. La differenza quest’anno, ha detto, è che noi» Non ho visto alcuna attività influenzale Ne parliamo da marzo 2020.”

La diffusione dell’influenza a un arresto virtuale Quando la pandemia di Covid-19 è decollata, sono state adottate misure di mitigazione come chiusure, occultamento e distanziamento sociale. Questi non solo fermano la diffusione del Covid, ma fermano anche la diffusione di altri virus respiratori come l’influenza.

READ  Le previsioni della Bay Area di SF mostrano un altro potenziale evento di calore

La stagione influenzale negli Stati Uniti inizia in genere a ottobre, ha detto Budd, ma non raggiunge il picco fino a dicembre-febbraio. Ha aggiunto che, nonostante l’aumento dei casi, «l’attività nazionale è ancora inferiore a quella che abbiamo visto in questo periodo dell’anno nel 2019».

«In tutto il mondo, l’attività influenzale rimane bassa, sebbene sia in lento ma costante aumento», ha detto Budd. «Stiamo andando in questo periodo dell’anno nell’emisfero settentrionale, dove fa più fresco e le persone sono più al chiuso e dove tradizionalmente vediamo aumentare la nostra attività respiratoria. Puoi combinare questo con il cambiamento rispetto a dove eravamo un anno fa in questo momento , dove sono state applicate misure più severe in tutto il mondo per misure Covid come restrizioni di viaggio e occultamento, e ora questo viene revocato in vari gradi.

Il tasso di positività complessivo per la stagione influenzale dell’anno scorso è stato dello 0,15%, rispetto a circa il 17% dell’anno precedente, CDC. dati guardare. Il tasso di ospedalizzazione Era anche significativamente inferiore, a 0,8 per 100.000 casi, rispetto a 66,2 per 100.000 della stagione precedente.

Cattiva razza, oltre a bassi tassi di vaccinazione

Finora quest’anno, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, il 90 percento dei casi di influenza è dovuto al ceppo H3N2.

Questo è un ceppo che potrebbe segnalare una brutta stagione influenzale a venire, ha detto Hu.

«La maggior parte dei casi di influenza non sarà complicata: non ti sentirai bene», ha detto Hu. «Ma quello che abbiamo visto è che durante gli anni in cui l’H3N2 era in circolazione, abbiamo avuto tassi più elevati di ospedalizzazione e morte».

READ  La NASA seleziona un sito di atterraggio sul polo sud della luna per il suo robot di trivellazione del ghiaccio

L’ultima volta H3N2 era il ceppo dominante La stagione influenzale 2017-2018, quando gli Stati Uniti hanno visto 710.000 ricoveri per influenza e 52.000 decessi per influenza, è stata la peggiore da allora Pandemia influenzale H1N1 2009. Anche la stagione influenzale 2017-2018 è iniziata all’inizio di novembre ed è stata una delle stagioni influenzali più lunghe degli ultimi anni.

Ha anche notato che l’H3N2 tende a mutare più velocemente di altri ceppi influenzali. Ha detto che il vaccino antinfluenzale di quest’anno copre una versione di H3N2, ma «c’è la possibilità che cambierà abbastanza da rendere il vaccino meno efficace». «Non lo sappiamo ancora.»

Questo non significa che le persone dovrebbero saltare le vaccinazioni antinfluenzali. All’Università del Michigan, il 77% dei casi finora riguardava studenti non vaccinati, un fattore che ha affermato contribuisce all’epidemia. Ha detto che mentre molte persone vengono vaccinate contro il Covid quest’anno, meno persone ricevono vaccini antinfluenzali.

Tuttavia, esiste la possibilità che il ceppo dominante possa cambiare.

«Mentre il ceppo dominante che stiamo vedendo è l’H3N2 in questo momento, potrebbe non essere per tutta la stagione», ha detto Budd. «L’influenza fa sempre cose insolite e abbiamo visto casi in cui le epidemie di inizio stagione non sono indicative dello stress prevalente per la stagione».

Per ora, sembra che le epidemie di influenza siano state contenute in alcune università, il che rende troppo presto per sapere come andrà la stagione influenzale di quest’anno.

«Al momento non si sa come ciò accadrà», ha detto il dottor Neha Vyas, MD, un medico di medicina di famiglia presso la Cleveland Clinic. «Nei prossimi mesi, e ora che le persone viaggiano per le vacanze e si mescolano di più, questo sarà il grande test».

READ  Un fossile di aquila spaventoso di 25 milioni di anni fa trovato in uno stato incredibile

Continua NBC Salute occupazione Twitter & Sito di social network Facebook.