octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Corte internazionale principalmente schierata con la Somalia nella disputa di confine con il Kenya

L’AIA (Reuters) – Martedì l’Alta Corte delle Nazioni Unite si è pronunciata in gran parte a favore della Somalia nella sua disputa con il Kenya, stabilendo un confine marittimo in una parte dell’Oceano Indiano ritenuta ricca di petrolio e gas.

La Somalia ha affermato che la sentenza è il risultato di “sacrificio e lotta” da parte del paese del Corno d’Africa.

Il nuovo confine tracciato dalla Corte internazionale di giustizia era il più vicino alla linea proposta dalla Somalia, e ad essa attribuiva diverse aree petrolifere offshore rivendicate dal Kenya.

Il giudice Joan Donoghue ha affermato che il confine marittimo rivisto lungo le ZEE delle piattaforme continentali della Somalia e del Kenya “raggiunge una giusta soluzione”.

La corte ha concluso che il Kenya, che si era assicurato un territorio al di fuori dell’ambito della rivendicazione somala, non era riuscito a stabilire un solido confine marittimo tra i due stati, il che gli avrebbe dato una porzione più ampia del territorio conteso.

“Ringrazio Dio per il frutto della lunga lotta che i somali hanno combattuto per impedire al Kenya di rivendicare parte del mare somalo”, ha detto il presidente somalo Mohamed Abdullahi Mohamed in una trasmissione sulla pagina Facebook del suo ufficio.

La sentenza è arrivata dopo che Nairobi ha dichiarato la scorsa settimana di aver revocato il riconoscimento della giurisdizione della corte. Nessuno dal Kenya era ufficialmente presente né in tribunale né tramite collegamento video.

La corte ha affermato che il ritiro del Kenya non è retroattivo e non influisce sulla sentenza di martedì.

La Somalia ha portato il caso nel 2014 alla più alta corte delle Nazioni Unite che si occupa di controversie tra paesi.

READ  La Russia minaccia "misure di ritorsione" dopo che YouTube ha rimosso i canali RT

Il caso della Corte internazionale di giustizia, nota anche come Corte mondiale, riguarda una disputa di confine su oltre 100.000 chilometri quadrati (quasi 40.000 miglia quadrate) di fondale marino rivendicata da entrambi i paesi.

Report aggiuntivo di Stephanie van den Berg, Report aggiuntivo di Abdi Sheikh a Mogadiscio e George Obulutsa a Nairobi.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.