septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Continua il caos all’aeroporto di Kabul mentre i talebani discutono del nuovo governo

Nel tentativo di accelerare l’evacuazione, il Segretario alla Difesa Lloyd J. Austin III ordinò a sei compagnie aeree commerciali di fornire aerei passeggeri per aiutare nella crescente operazione militare degli Stati Uniti. Evacuazione di americani e alleati afgani da KabulLo ha detto domenica il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (Pentagono).

Il signor Austin ha attivato la prima fase della flotta aerea di riserva civile, creata nel 1952 dopo il ponte aereo di Berlino, per fornire aerei per aiutare il trasporto di passeggeri in arrivo alle basi in Medio Oriente dall’Afghanistan, John F. Kirby, un portavoce del Pentagono, Ha detto in una dichiarazione.

READ  182 resti umani in tombe anonime trovate sul sito di un'ex scuola residenziale

L’attuale attivazione di 18 aeromobili: quattro di United Airlines; tre ciascuno da American Airlines, Atlas Air, Delta Airlines e Omni Air; e due Hawaiian Airlines. Gli aerei civili non voleranno dentro o fuori Kabul, poiché il rapido deterioramento della situazione della sicurezza ha ostacolato i voli di evacuazione.

Ferguson ha affermato che la presenza di combattenti talebani attorno al perimetro dell’aeroporto di Kabul e mescolati con le forze britanniche e altre forze occidentali ha creato l’impressione “come un sogno molto strano”. Ha sottolineato che in un istante è stato sparato a malapena un colpo, l’Afghanistan è stato perso, i talebani sono entrati a Kabul e la bandiera bianca dell’Emirato islamico dell’Afghanistan è stata alzata.

Tuttavia, esiste ancora resistenza tra i leader afgani che si sono rifugiati nella valle del Panjshir, una vallata aspra dove i combattenti afgani hanno resistito per anni ai talebani durante la guerra civile in Afghanistan negli anni ’90. Ex funzionari afghani stimano che il numero dei combattenti rintanati oggi nel Panjshir sia compreso tra 2.000 e 2.500 uomini, ma sono isolati e mancano di supporto logistico.

L’ex primo vicepresidente, Amrullah Saleh, che risiede lì, sostiene di essere il “presidente ad interim” secondo la costituzione dell’Afghanistan del 2004 mediata dagli Stati Uniti, perché il presidente Ghani è fuggito dal paese. I panjshiriani hanno affermato che intendevano resistere alla cattura della valle a meno che i talebani non accettassero un governo inclusivo.