octubre 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Con l’aumento dei prezzi delle azioni, i mercati iniziano a temere minacce incombenti

New York (AFP) – Con l’economia statunitense in forte espansione, i profitti aziendali in aumento e i prezzi delle azioni in rialzo, gli investitori di Wall Street iniziano a porsi una domanda preoccupante: viene tutto da qui?

I mercati finanziari cercano sempre di fissare i prezzi ora dove è probabile che l’economia ei profitti aziendali si trovino in futuro. Sebbene le letture in tutta l’economia rimangano a livelli accattivanti, gli investitori vedono alcune aree di preoccupazione.

Nuove varianti del coronavirus minacciano di indebolire le economie di tutto il mondo. Molti degli sforzi di soccorso in caso di pandemia del governo degli Stati Uniti stanno svanendo. L’inflazione imperversa poiché l’offerta di beni e componenti non è all’altezza dell’aumento della domanda. L’inizio della fine dell’assistenza al mercato della Federal Reserve si avvicina.

Finora, gli investitori hanno ampiamente messo da parte il nervosismo: azioni pubbliche come l’S&P 500 e il Nasdaq Composite hanno raggiunto livelli record. In effetti, le principali medie del mercato azionario sono quasi raddoppiate da quando hanno raggiunto il livello più basso nel marzo 2020.

La ripresa degli Stati Uniti dalla recessione sta andando così velocemente che molti previsori stimano che l’economia si espanderà quest’anno di circa il 7%. Questa sarebbe la crescita dell’anno solare più forte dal 1984.

E anche al di fuori degli Stati Uniti, le economie stanno mostrando una crescita sostenibile. L’economia cinese, la seconda più grande del mondo, ha subito un forte rallentamento rispetto allo scorso anno, anche se Pechino ha dichiarato di essere cresciuta di circa l’8% nel periodo aprile-giugno. Tra i paesi europei che utilizzano la valuta euro, la crescita per il 2021 dovrebbe raggiungere un ritmo veloce vicino al 5%.

READ  Didi, Netflix, MongoDB, PagerDuty e altro

Tuttavia, alcuni movimenti bruschi al di sotto della superficie del mercato azionario e in altri mercati stanno mostrando esitazione e ansia neonate riguardo a potenziali minacce economiche. I rendimenti dei titoli di stato statunitensi a lungo termine, ad esempio, sono diminuiti, mentre sono diminuiti i titoli delle società più strettamente correlate alla forza dell’economia.

Per ora, molte voci a Wall Street vedono la tensione come solo un’immagine passeggera: si aspettano che i rendimenti di azioni e obbligazioni aumentino durante l’anno mentre l’economia e i profitti aziendali continuano a crescere. Ci sono molti fattori dietro i recenti cambiamenti nei mercati, in particolare il forte calo dei rendimenti obbligazionari, inclusi alcuni fattori tecnici che potrebbero peggiorare la volatilità e potrebbero essere di breve durata.

Ma alcuni di quegli stessi analisti hanno anche riconosciuto che i segnali mutevoli nei mercati potrebbero essere un punto di svolta dopo mesi di prestazioni delle bande e di ottimismo furioso. Il timore non è che la crescita economica possa rallentare. Qualsiasi minaccia all’economia smorzerebbe la crescita troppo, troppo rapidamente, e forse addirittura farebbe deragliare la ripresa dalla recessione pandemica e intaccherebbe i profitti aziendali.

“Non lo vediamo in stallo o invertire, ma sta chiaramente invecchiando”, ha detto Rich Weiss, vicepresidente senior di American Century Investments, a proposito della ripresa dell’economia. “Abbiamo questo tema di rallentamento che dice che ‘il meglio deve ancora venire’ non è più il caso. Abbiamo sicuramente raggiunto il picco.”

Alla domanda sul motivo per cui gli investitori sono preoccupati per un rallentamento quando i tassi di crescita sembrano troppo alti per essere sostenibili, Weiss ha suggerito che l’incertezza può spesso portare gli investitori a considerare lo scenario peggiore.

“L’ignoto su ciò che farai è incombente”, ha detto. Abbiamo guidato questa massiccia economia di riapertura e commercio di deflazione. Sì, rallenterà, ma cosa lo rallenterà? Se il mercato del lavoro è ancora debole, stiamo rallentando a qualcosa che va dal 4% al 5% di “crescita economica”, o sta rallentando al 2%? Questa sarebbe una sorpresa negativa che potrebbe disturbare i mercati obbligazionari e azionari”.

READ  Rivian, una startup di veicoli elettrici, rivela importanti perdite nel suo file IPO

Le preoccupazioni sono emerse per la prima volta all’inizio di quest’anno nel mercato obbligazionario, che ha la reputazione di essere più sano e sobrio del mercato azionario.

Il rendimento del Treasury a 10 anni, che si muove con le aspettative di crescita economica e inflazione, era balzato sopra l’1,75% a marzo dopo essere raddoppiato in quattro mesi. Stava crescendo l’ottimismo sul fatto che la vita sarebbe tornata alla normalità con la riapertura dell’economia e l’inizio delle vaccinazioni COVID-19. Ma questo ha anche sollevato preoccupazioni per un forte aumento dell’inflazione.

Nonostante ciò, il rendimento a 10 anni è sceso sotto l’1,25% la scorsa settimana. Il declino durato mesi è arrivato quando gli investitori si sono ritirati ulteriormente poiché la Federal Reserve ha insistito sul fatto che l’elevata inflazione sembrava solo temporanea. La caduta ha accelerato dopo che alcuni rapporti hanno mostrato che la crescita economica è rimasta forte ma non così forte come si aspettava Wall Street.

Il mercato azionario, che è scivolato ai minimi storici, è sceso di quasi l’1% in un giorno della scorsa settimana. Il calo è stato modesto, ma abbastanza da far suggerire ad alcuni analisti che le azioni stanno finalmente iniziando a prestare attenzione al segnale proveniente dal mercato obbligazionario.

Invece, l’S&P 500 ha ripreso rapidamente a stabilire record, l’ultima volta lunedì. Questa è una delle cose confuse su David Joy, chief market strategist di Ameriprise.

Joy ha affermato che se il mercato obbligazionario segnala preoccupazioni per l’imminente crescita economica, è sorprendente che le azioni abbiano registrato buoni risultati. Lo stesso vale per le obbligazioni “spazzatura”, che sono quelle emesse da società con rating di credito scadente. Le obbligazioni societarie dovrebbero offrire più rendimenti dei Treasury di quanto non facciano ora.

READ  Quasi 3.000 ospiti, equipaggio per sbarcare in crociera con Covid Case

“Storicamente, il mercato obbligazionario ha spesso fornito un buon segnale di preallarme”, ha affermato Joy. “Non so se questa volta sia necessariamente così, perché non sappiamo davvero cosa stia facendo scendere i prezzi”.

Oltre alle preoccupazioni per il picco di crescita e le varianti del virus, gli analisti indicano altre possibili ragioni per rendimenti inferiori. Includono l’acquisto di titoli del Tesoro da parte di investitori provenienti da paesi in cui i tassi di interesse sono bassi, i fondi pensione che spostano parte dei loro investimenti dalle azioni alle obbligazioni e commercianti che si affrettano a smettere di scommettere su tassi che continuano a salire.

Sebbene l’S&P 500 sia vicino al massimo storico, alcuni osservatori del mercato affermano che anche i movimenti all’interno del mercato azionario hanno mostrato segnali di preoccupazione. Negli ultimi due mesi, le mosse al rialzo simultanee di molte aree di mercato sono crollate mentre l’ottimismo è fiorito, affermano gli strateghi di Deutsche Bank. Mentre i grandi titoli statunitensi continuano a salire, i titoli più piccoli dell’indice Russell 2000 si sono fermati dal picco di marzo e le prospettive per queste società sono strettamente legate all’economia.