agosto 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Come opera la factory speed italiana nella Motor Valley

Questo percorso è ideale per le auto provenienti dalla famosa Motor Valley italiana. Le auto stradali di Ferrari, Lamborghini, Pagani e altre vengono testate attivamente tra gli ostacoli, ma non sono i motori più aggressivi di queste case automobilistiche, si allineano sulla famosa Via Emilia.

Molti di questi produttori sono, infatti, coinvolti nel motorsport. Qui nel video qui sopra, condividiamo i segreti dietro il design dei loro motori da corsa a due e quattro ruote.

Un obiettivo: la velocità

Proprio come le auto da strada (ricordate quando vi abbiamo mostrato come nascono le supercar?), il design di un’auto di Formula 1 inizia con uno schizzo su carta o su un computer. Tuttavia, a differenza di un modello di produzione, il concetto di sedile unico è più complesso. Non puoi essere completamente controllato perché devi rispettare i rigidi limiti imposti dalle regole e dalle regole aerodinamiche. Quindi, l’auto non deve essere bella, ma soprattutto funzionale e veloce.

Ferrari di Formula 1

Fotografo: Motore1

Per fare ciò, i produttori utilizzano la conoscenza di centinaia di persone provenienti da diversi campi. C’è chi si occupa di design, motore, meccanica e ciclistica. Tuttavia, il filo conduttore di molti di questi processi è la presenza della fibra di carbonio, che è molto più leggera e resistente dell’acciaio.

Questa è la linfa vitale di una monoposto da corsa che va dalla pratica CAT (o foglio di carta) alle prime prove in pista.

Ma non è tutto: proprio come un atleta durante un campionato, un’auto da corsa deve essere costantemente migliorata. Ciò significa che il design deve essere aggiornato sempre meglio.

READ  Più della metà dell'Italia è ora nella "zona bianca" del COVID-19

Non solo Formula 1

Tuttavia, Motor Valley non ha fatto solo Formula 1. Ferrari e Lamborghini si sfidano nei Campionati Speciali Monomarca e nei Campionati Mondiali Endurance Racing. In questa serie, il punto di partenza è l’auto stradale, i cui componenti chiave sono notevolmente modificati. A volte accade il contrario dove modelli speciali, come la Lamborghini Hurricane SDO, provengono in realtà direttamente da auto rivali.

Lamborghini Hurricane Super Trophy EVO2

Lamborghini Hurricane Super Trophy EVO2

Fotografo: Motore1

Dallara propone il telaio per la vettura indie alternativa “americana” alla F1. Senza dimenticare le due ruote Ducati, numero uno da oltre cinque anni.

Insomma, la ricetta della velocità nel motor canyon ha diverse interpretazioni, ma alla base di tutto c’è sempre un interesse e una competenza ingegneristica.