agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Come l’Italia bloccata in sicurezza per avanzare alla finale di Euro 2020

LONDRA – Jorkinho, in piedi davanti a una folla di tifosi italiani, ha tirato un sospiro di sollievo. Ognuno di loro sapeva cosa stava per succedere. Quindi, Unai Simon, il portiere spagnolo, ha spremuto e scintillato di energia nervosa nella sua linea.

Jorkinho e c’è un’inevitabilità sulle multe. Si avvicina alla palla con un trotto gentile. A metà fa un piccolo balzo, una breve balbuzie pensata per indurre il portiere a cambiare gamba. Un movimento quasi incomprensibile, quella piccola contrazione, è ciò di cui ha bisogno Georgino. Sa quale lato della rete il portiere non può raggiungere.

Da lì, è facile. Sicuramente sembra essere sotto tutte le pressioni della semifinale di Euro 2020 di martedì: dopo due ore di sudore, tuoni e tensione, un colpo di palla per mandare in finale la sua squadra, il suo paese. Tranne che non l’ha colpito. Lo affronta. Lo guida. Lo nasconde. Ogni volta è lo stesso. Ma solo perché sai che sta arrivando qualcosa non significa che non puoi farci niente.

L’Italia non ha giocato in modo uniforme nelle ultime tre settimane. È arrivato a un livello interessante a Euro 2020, con 27 partite imbattute, una striscia durata un paio di anni fa, ma non tra i favoriti. Francia, Inghilterra, Portogallo e Belgio erano sotto pressione significativamente più alta. Qualunque cosa accada, il Ct dell’Italia Roberto Mancini giura che sarà “divertente”.

Era buono come la sua parola, almeno per quei primi viaggi. Turchia, Svizzera e Galles furono messi da parte sul proprio territorio a Roma. Alla fine, l’Austria ha vinto nel 16° round. In 15 o 20 minuti un incantesimo strepitoso ha superato la squadra di Mancini superando il Belgio, votato ufficialmente come miglior pagina del mondo. Sollevò l’Italia dallo stress dell’attesa e incoraggiò l’indipendenza.

READ  L'Italia mette in guardia il Regno Unito contro la detenzione di cittadini UE per violazioni delle frontiere - POLITICO PO

Ma non era questo il senso dell’avventura, lo spirito appena insegnato e volutamente coltivato di Gioia de Vivar, che ha permesso all’Italia di compiere il passo finale. In Spagna è in corso anche un remake, che potrebbe richiedere l’esibizione di quelle che tradizionalmente vengono chiamate le più tradizionali virtù italiane: instabilità e irrilevanza, consistenza e astuzia, denti arrostiti e sinevi filtrati.

Può essere considerato il più grande traguardo di Mancini, che ha saputo mantenere quelle qualità durante i tre anni in cui è stato alla guida della nazione, mentre allo stesso tempo l’Italia ha ridotto la sua credibilità con loro. Giorgio Cielini e Leonardo Bonucci, ormai all’inizio della loro carriera, salutano le scene bloccate e le interruzioni borseggiatrici con la stessa gioia innocente e non lavorativa con cui avrebbero potuto celebrare la trappola del fuorigioco ben pianificata da bambini.

Dove Mancini ha vinto, ha fatto la volontà dell’Italia come ultima risorsa, piuttosto che l’intera strategia dell’Italia. La sua squadra, in generale, vuole battere gli avversari. Ma se ciò non è possibile, sono felici di vivere secondo il proverbio di Johann Groof e di non perderlo.

Quindi, anche se questa non è una performance che può ispirare la nuova anima italiana, è quella di cui la vecchia Italia è giustamente orgogliosa. Per tutti quelli che avevano la palla, la Spagna si è limitata a una o due occasioni nel primo tempo. Spesso arrivavano secondi quando la squadra di Luis Enrique inseguiva il primo gol di Federico Cisa; A volte, alla Spagna sembrava che Sielini e Bonucci trovassero buchi abbastanza velocemente da inserirli.

READ  Secro vende portafoglio di magazzini in Italia

Ma la migliore misura della prestazione dell’Italia, forse, è stata l’alto obiettivo raggiunto: un quizzilver tra Alvaro Morata e Danny Olmo in tensione e una conclusione tranquilla e instabile di Morata. Sielini si alzò e gli mise le mani sui fianchi, come per trafiggere il proprio orgoglio. Poi si è buttato via e si è assicurato che non succedesse più.

Di certo no, perché per quanto sia cambiata sotto Mancini, l’Italia è sempre l’Italia. Il suo centrocampo, troppo fluido nelle prime cinque partite del torneo, ha cercato di interrompere il ritmo della Spagna. Raphael Doloy è uscito dalla panchina come un esperto di canottaggio impegnato in una sorta di sfida personale per vedere quanto tempo poteva andare senza ottenere una panchina.

In ogni momento, Sielini, in particolare, sembrava deliziarsi, deliziando questo piccolo viaggio nella memoria. C’erano 60.000 persone all’interno dello stadio di Wembley, la maggior parte dei quali erano italiani che si mangiavano velocemente le unghie; In campo c’erano 22 giocatori, tutti si resero conto che il minimo ace poteva saltare tutto ciò per cui avevano lavorato, e Sielini sorrise e fece un discorso anticipato al suo portiere.

Forse, in una certa misura, questo è un segno di giocosità – per la Spagna, non importa quanto si siano intrufolati e gonfiati, non era niente che non avesse mai visto prima, non aveva ancora lasciato la sua zona di comfort, ce n’era solo uno che finiva sempre. Solo perché sai cosa sta per succedere non significa che non puoi farci nulla.

Se è così, l’Italia era sempre in movimento, perché sotto tutto, per quanto sia cambiata, Cielini è ancora lì, quindi è ancora l’Italia. C’era un ampio sorriso sul volto di Celini mentre lui e il capitano della Spagna Jordi Alba hanno lanciato una moneta per vedere quale squadra sarebbe andata prima ai rigori, e l’Italia ha vinto. Poi un altro, per vedere a che fine li avrebbero portati: l’Italia ha vinto ancora. Sielini entrò nella risata, le grosse bucce della risata genuina, in quel momento, abbracciando stretta Alba. L’Italia ha già vinto due volte. Lui sa come succede.

READ  Questo villaggio italiano ti pagherà per andarci (e anche di più se hai un figlio)

Manuel Locatelly potrebbe aver sbagliato, ma poi Olmo ha fatto lo stesso. Poi, pochi minuti dopo, Morata avanzò da solo. Ha segnato sulla sinistra di Gianluigi Donarumma, chiudendo una partita disastrosa in una partita turbolenta per un giocatore che aveva fatto da cronometro per l’umore della Spagna il mese scorso.

Così Jorkinho iniziò il suo lungo cammino. Sapeva cosa stava per fare. I fan davanti a lui, congiungendo le mani in preghiera, sapevano cosa avrebbe fatto. Simon sapeva cosa stava per fare. Manderà l’Italia alla finale di Euro 2020. Solo perché sai cosa sta per succedere non significa che non puoi farci nulla.