septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Come fanno gli scienziati a prevedere le onde?

Il debutto del surf olimpico mostra che questi surfisti sono maestri poco conosciuti della scienza – climatologia, meteorologia e oceanografia per l’esattezza. Una variabile incontrollabile – il tempo – e determinata da un campo di gioco asimmetrico – l’oceano. È noto che i surfisti studiano entrambi in modo ossessivo. A che ora tira il vento: “Qual è la direzione del vento?”, ha detto Owen Wright, 31 anni, che gareggia per l’Australia. “Non ci limitiamo a guardare il tempo e diciamo ‘Oh, è bello e c’è il sole’ quando sappiamo che (il vento) potrebbe essere al largo. Non è mai come “Oh, sta piovendo”. Si tratta sempre di com’è fare surf. “Ai Giochi Olimpici, gli organizzatori si stanno preparando per almeno tre giorni di gara su otto giorni, che iniziano il 25 luglio. Le gare di surf vengono decise in un giorno e sulla base delle previsioni del tempo, dell’altezza delle onde, della direzione del vento, del movimento delle maree. , temperatura, Tra gli altri dati scientifici: “Tutti quelli che vanno nell’oceano, che tu sia un surfista o meno, sei un meteorologo e oceanografo”, ha detto Kurt Kurt, capo previsore di Surfline e meteorologo ufficiale del surf olimpico, ma il i numeri non possono fare a meno di suggerire.Per molti.I dati meteorologici sono solo una parte dell’equazione per valutare ciò che offrirà il Grande Oceano, che può variare da 30 minuti di calore a 30 minuti in competizione., chiamato break.Beach breaks— come il sito olimpico sulla spiaggia di Tsurigasaki, si verificano a causa di banchi di sabbia, che possono cambiare nel tempo o a causa di tempeste. Offre l’oceano. I surfisti devono rimanere preparati e monitorare costantemente le onde per ottenere le migliori ipotesi su quale onda cavalcheranno. “Come spesso arrivano le onde? Quante onde ci sono nel gruppo? Quale onda del gruppo presenta l’onda di maggior qualità? “” ha detto Richard Schmidt, un surfista professionista in pensione che ora gestisce una scuola di surf a Santa Cruz, in California. “La prima ondata del gruppo sarà un po’ instabile, ma la seconda e la terza sono un po’ più belle perché i massimi sono fissati dalla prima ondata del gruppo. Quindi stai osservando le onde da un po’ e sei gentile di sapere dove prendere prima le onde di qualità. Surfline, il servizio di previsioni del surf con sede negli Stati Uniti, è stato parte integrante della decisione dell’International Surfing Association di fare il primo debutto sportivo di questo sport a Tsurigasaki Beach, 90 miglia a est di Tokyo. Surfline ha studiato le condizioni locali dal 2015 e attualmente prevede grandi previsioni onde durante i giorni Il primo del periodo di competizione grazie alla produzione dell’uragano. Curti ha detto che sarà in spiaggia prima dell’alba alle 4 del mattino tutti i giorni per vedere e sentirsi a proprio agio. Termini. Consiglierà i funzionari dell’ISA, la direzione dei giochi olimpici Autorità e direttori dell’evento. La chiamata sarà fatta se il concorso si svolgerà sul posto ogni giorno verso le 7 del mattino, e i surfisti potrebbero essere tra le uniche persone desiderose di sentire una grande tempesta, anche se sperano in uragani, cicloni, e sistemi meteorologici tropicali che rimangono a centinaia di miglia al largo.La tempesta e la velocità con cui si sta muovendo, quindi decodificano per determinare quante miglia dista da una particolare spiaggia per determinare in quali giorni quelle increspature dovrebbero colpire la riva. Attualmente il clima è una grande vittoria per le Olimpiadi, dato che Tsurigasaki non è generalmente conosciuta per le sue onde forti.La spiaggia è famosa per il surf in Giappone, ma non è una località di livello mondiale come le Hawaii o Tahiti. Kurti ha detto che Tsurigasaki di solito offre condizioni di surf come quelle viste sulla costa della Carolina del Nord. Molti surfisti hanno espresso il timore che le loro apparizioni di livello mondiale sarebbero state indebolite da onde mediocri, sebbene Corte abbia respinto l’idea che i migliori atleti del mondo potessero essere delusi da uno sport così bello e sorprendente. “Prendono un’onda che il surfista medio potrebbe non surfare e la fanno sembrare incredibile”, ha detto Courty. “Penso che sia una grande opportunità per vedere il surf in qualsiasi condizione si presenti.”

READ  Nick Saban si rivolge ai tifosi prima della partita di Miss South

Il debutto olimpico del surf mostra che questi surfisti sono maestri sconosciuti della scienza: climatologia, meteorologia e oceanografia per l’esattezza.

I seri cacciatori di onde sono dipendenti dalla scienza atmosferica per impostazione predefinita perché ci sono pochi, se non nessuno, sport che dipendono da una variabile incontrollabile – il tempo – e definiti da un campo di gioco irregolare – l’oceano.

È noto che i surfisti studiano entrambi in modo ossessivo.

A che ora tira il vento: “Qual è la direzione del vento?”, ha detto Owen Wright, 31 anni, che gareggia per l’Australia. “Non ci limitiamo a guardare il tempo e diciamo ‘Oh, è bello e c’è il sole’ quando sappiamo che (il vento) potrebbe essere al largo. Non è mai come “Oh, sta piovendo”. Si tratta sempre di quelle che sembrano onde”.

Alle Olimpiadi, gli organizzatori si preparano per almeno tre giorni di gara su otto giorni, che iniziano il 25 luglio. Le gare di surf sono determinate per giorno, in base alle previsioni del tempo, all’altezza delle onde, alla direzione del vento, al movimento delle maree e alla temperatura, tra gli altri dati scientifici.

“Tutti coloro che vanno nell’oceano, che tu sia un surfista o meno, sei un meteorologo e meteorologo oceanico amatoriale”, ha affermato Kurt Kurt, capo meteorologo di Surfline e meteorologo ufficiale per il surf olimpico.

Ma i numeri possono solo dire molto. I dati meteorologici sono solo una parte dell’equazione per valutare ciò che offrirà il Grande Oceano, che può passare da 30 minuti di calore a 30 minuti di competizione.

Le onde sono create dal modo in cui i rigonfiamenti interagiscono con gli oceani inferiori dell’oceano, chiamati recessi. Le interruzioni della spiaggia – come il sito olimpico di Tsurigasaki Beach – sono causate da banchi di sabbia, che possono cambiare nel tempo oa causa di tempeste.

READ  GP d'Olanda F1: Kimi Raikkonen positivo al Covid-19, Robert Kubica in piedi

Il surf competitivo in poche parole consiste nel decidere quale onda prendere e quale movimento o movimenti sfruttano al meglio ciò che l’oceano ha da offrire. I surfisti dovrebbero essere preparati e tenere d’occhio le onde per avere un’idea migliore di quale onda cavalcheranno.

“Quante volte arrivano le onde? Quante onde ci sono nel gruppo? Quale onda del gruppo presenta l’onda migliore?” ha detto Richard Schmidt, un surfista professionista in pensione che ora gestisce una scuola di surf a Santa Cruz, in California. “La prima ondata del gruppo sarà un po’ instabile, ma la seconda e la terza ondata sono un po’ più fantastiche perché i picchi sono stabiliti dalla prima ondata del gruppo. Quindi guardi le onde per un po’ e sei bello vedere dove prendi prima le onde di qualità.”

Surfline, il servizio di previsione del surf con sede negli Stati Uniti, è stato parte integrante della decisione dell’International Surfing Association di organizzare le Olimpiadi di questo sport a Tsurigasaki Beach, 90 miglia a est di Tokyo. Surfline studia le condizioni locali dal 2015 e attualmente si aspetta grandi onde durante i primi giorni del periodo di competizione grazie a un uragano in arrivo.

Courtey ha detto che sarebbe stato in spiaggia prima dell’alba alle 4 del mattino tutti i giorni per vedere e sentire le condizioni. Consiglierà i funzionari dell’ISA, l’Autorità di gestione dei giochi olimpici e i gestori degli eventi. La chiamata per l’avanzamento del concorso verrà effettuata in loco ogni giorno entro le 7:00 circa

I surfisti potrebbero essere tra le uniche persone desiderose di ascoltare una grande tempesta, anche se sperano che uragani, tornado e sistemi meteorologici tropicali rimangano a centinaia di miglia al largo. Calcolano dove si verificherà una tempesta e quanto velocemente si sta muovendo, quindi decodificano quante miglia di distanza da una particolare spiaggia per determinare in quali giorni quelle increspature dovrebbero colpire la riva.

READ  Wimbledon 2021: Novak Djokovic dà il benvenuto al britannico Jack Draper

Il modo in cui il tempo si sta muovendo è una grande vittoria olimpica, dato che Tsurigasaki non è generalmente noto per le onde forti. La spiaggia è famosa per il surf in Giappone, ma non è una località di livello mondiale come le Hawaii o Tahiti. Kurti ha detto che Tsurigasaki di solito offre condizioni di surf come quelle viste sulla costa della Carolina del Nord.

Molti surfisti hanno espresso il timore che le loro apparizioni di livello mondiale sarebbero state indebolite da onde mediocri, sebbene Corte abbia respinto l’idea che i migliori atleti del mondo potessero essere delusi da uno sport così bello e sorprendente.

“Prendono un’onda che il surfista medio potrebbe non surfare e la fanno sembrare incredibile”, ha detto Courty. “Penso che sia una grande opportunità per vedere il surf in qualsiasi condizione si presenti.”