agosto 14, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Come è stata smantellata la democrazia a Hong Kong nel 2021

Gli studenti dell’Università di Hong Kong puliscono la statua del «Pilastro della vergogna», un memoriale per le vittime della campagna di Tiananmen del 1989, 4 giugno 2019 (Kin Cheung, Associated Press)

Tempo di lettura stimato: 4-5 minuti

HONG KONG – Mentre i giorni del 2021 scendono, così anche ogni traccia residua di democrazia a Hong Kong.

Mercoledì, un media audio pro-democrazia – una delle ultime voci apertamente critiche della città – è stato chiuso dopo Raid della polizia. All’inizio di dicembre, l’opposizione è stata squalificata dalle elezioni in base a una nuova legge che sottopone tutti i candidati a un test di lealtà. I monumenti che commemoravano le proteste di piazza Tienanmen del 1989 sono stati rimossi.

Più volte durante l’anno, le autorità cittadine e il governo centrale di Pechino hanno spazzato via quasi tutto ciò che il movimento per la democrazia aveva sostenuto. Gli attivisti sono fuggiti all’estero o sono stati rinchiusi in base a una rigida legge sulla sicurezza nazionale imposta alla città 18 mesi fa. I sindacati e altre organizzazioni indipendenti sono stati chiusi.

Quando Hong Kong una volta consentiva «l’opposizione aperta e la messa in discussione delle politiche di base e della legittimità del governo… qualsiasi discussione politica significativa ora avrà luogo tra una ristretta cerchia di lealisti del governo», ha affermato Kurt Tong, partner di Asia Group ed ex console degli Stati Uniti. Generale a Hong Kong e Macao.

I giorni in cui l’ex colonia britannica era considerata un baluardo della libertà stanno svanendo. Dopo essere tornato in Cina nel 1997, Hong Kong ha sperimentato una revisione del suo sistema politico e la soppressione dell’opposizione politica. Le autorità hanno cercato di reprimere il sentimento antigovernativo che ha portato a mesi di conflitti politici nel 2019.

L’esempio più recente è stato l’irruzione della polizia di Hong Kong mercoledì contro il notiziario online a favore della democrazia Stand News. Sette persone – tra cui due attuali ed ex redattori e quattro ex membri del consiglio di amministrazione, tra cui la cantante folk Denise Ho – sono state arrestate per presunta sedizione ai sensi di un’ordinanza dell’era coloniale.

E l’esecutore testamentario ha annunciato quel pomeriggio che avrebbe interrotto le sue operazioni.

La gente cammina con le candele per celebrare l'anniversario della repressione militare su un movimento studentesco pro-democrazia a Pechino, fuori dal Victoria Park di Hong Kong, il 4 giugno.
La gente cammina con le candele per celebrare l’anniversario della repressione militare su un movimento studentesco pro-democrazia a Pechino, fuori dal Victoria Park di Hong Kong, il 4 giugno (Foto: Ken Cheung, The Associated Press)

Stand News è il secondo media ad essere chiuso dopo essere stato preso di mira dalle autorità di Hong Kong. L’Apple Daily ha chiuso all’inizio del 2021 dopo che le autorità hanno fatto irruzione nei suoi uffici per la seconda volta e hanno congelato i beni di milioni di persone.

«La democrazia è sotto costante attacco da più di un anno a Hong Kong», ha affermato Luke de Pulford, coordinatore dell’Alleanza interparlamentare sulla Cina con sede a Londra, un gruppo di legislatori di paesi democratici concentrato sulle relazioni con la Cina. «Nessuna democrazia può funzionare senza una stampa libera».

«Se informazioni significative sull’amministrazione non possono essere rilasciate a Hong Kong o in Cina, penso che dobbiamo dire che le ultime vestigia di democrazia sono state spazzate via».

In una serie di tweet, l’attivista di Hong Kong Nathan Low ha invitato il mondo a «pubblicare su Hong Kong… (e) sui giornalisti coraggiosi che corrono così tanti rischi». Law, fuggito a Londra dopo l’introduzione della legge sulla sicurezza, ha affermato di temere un «effetto domino» che potrebbe portare alla chiusura di altri punti vendita.

Poco rimane del movimento democratico di Hong Kong. Più di 100 personaggi a favore della democrazia e altri sono stati arrestati ai sensi del Security Act, che punisce le azioni viste come separatiste o sovversive del governo di Hong Kong o cinese.

Ciò include 47 persone accusate di sabotaggio a febbraio per i loro ruoli in un’elezione primaria informale tenutasi nel 2020 per determinare i migliori candidati per partecipare alle elezioni legislative programmate.

Le autorità hanno accusato gli attivisti di sabotaggio, dicendo che avevano intenzione di ottenere la maggioranza e usarla per paralizzare il governo e alla fine costringere il leader di Hong Kong Carrie Lam a dimettersi.

Il governo ha rinviato le elezioni del 2020, citando i rischi per la salute pubblica da COVID-19. Poi, il governo centrale di Pechino ha annunciato all’inizio di quest’anno nuove leggi elettorali che hanno abbassato la proporzione dei seggi eletti direttamente a meno di un quarto e hanno chiesto a tutti i candidati di essere fedeli a Pechino.

I risultati erano prevedibili: all’inizio di questo mese, quando si sono finalmente tenute le elezioni, i legislatori pro-Pechino hanno ottenuto una vittoria schiacciante. Il più grande partito di opposizione della città, il Partito Democratico, non ha presentato un candidato per la prima volta dal passaggio di consegne del 1997.


Se non è stato possibile pubblicare informazioni significative sull’amministrazione di Hong Kong o in Cina, penso che dobbiamo dire che le ultime vestigia di democrazia lì sono state spazzate via.

– Luke de Pulford, Coordinatore dell’Alleanza interparlamentare sulla Cina, con sede a Londra


Anche diversi sindacati e organizzazioni a favore della democrazia sono stati sciolti quest’anno. Il più grande sindacato degli insegnanti della città è stato sciolto ad agosto a causa del clima politico e in seguito il più grande sindacato indipendente della città ha seguito l’esempio.

Anche il Civil Human Rights Front, un gruppo pro-democrazia che ha organizzato alcune delle più grandi proteste nel 2019, è stato sciolto dopo un’indagine della polizia ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale.

Anche altri attivisti per la democrazia sono stati arrestati per il loro coinvolgimento in proteste non autorizzate e per una fiaccolata a Tiananmen, bandita per due anni consecutivi. La maggior parte degli attivisti democratici della città sono dietro le sbarre o sono fuggiti all’estero.

Alla fine dell’anno, molte opere d’arte sono state rimosse per commemorare il massacro di Tiananmen.

Due giorni prima di Natale, l’Università di Hong Kong ha indicato i rischi legali nell’ordine di rimuovere il memoriale della Colonna della Vergogna, che raffigura un mucchio di corpi lacerati e contorti delle vittime di Tiananmen. Molte altre università hanno seguito l’esempio, eliminando le statue a favore della democrazia e le statue di Tiananmen.

Il Partito Comunista Cinese ha cercato a lungo di cancellare Tiananmen dalla coscienza pubblica sulla terraferma e di prevenire qualsiasi evento commemorativo. Ora sembra deciso a fare lo stesso a Hong Kong in nome della stabilizzazione della città.

Immagini

Storie correlate

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  Rusia y Ucrania vuelven a culparse mutuamente por la evacuación fallida de Mariupol