agosto 4, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Coesistenza con COVID-19: Israele cambia strategia con l’arrivo della versione Delta

  • Il ritorno delle mascherine al chiuso in Israele
  • La variabile delta ha causato lesioni
  • Israele persegue una strategia di “repressione soft”
  • Mira alla minima interruzione della vita quotidiana

GERUSALEMME (Reuters) – Quattro settimane fa, Israele celebrava il ritorno alla normalità nella sua battaglia contro il COVID-19.

Dopo che una rapida campagna di vaccinazione ha portato a una diminuzione dei casi e dei decessi di coronavirus, gli israeliani hanno smesso di indossare mascherine e hanno abbandonato tutte le regole di distanziamento sociale.

Poi è arrivata la variante delta più contagiosa, un aumento dei casi che ha costretto il primo ministro Naftali Bennett a reimporre alcune restrizioni COVID-19 e a ripensare la strategia.

Nell’ambito di quella che definisce una politica di “repressione morbida”, il governo vuole che gli israeliani imparino a convivere con il virus, includendo il minor numero possibile di restrizioni ed evitando un quarto blocco nazionale che potrebbe danneggiare ulteriormente l’economia.

Con la maggior parte degli israeliani in gruppi ad alto rischio ora vaccinati contro il COVID-19, Bennett conta su un minor numero di persone rispetto a prima di ammalarsi gravemente quando le infezioni aumentano.

“L’attuazione della strategia comporterà l’assunzione di alcuni rischi, ma in generale, compresi i fattori economici, questo è l’equilibrio necessario”, ha affermato Bennett la scorsa settimana.

L’indicatore principale che guida il movimento è il numero di casi gravi di COVID-19 in ospedale, attualmente circa 45. L’attuazione comporterà la sorveglianza delle infezioni, l’incoraggiamento delle vaccinazioni, test rapidi e campagne di informazione sulle mascherine.

La strategia ha messo a confronto i piani del governo britannico per riaprire l’economia inglese dal blocco, anche se Israele è in procinto di ripristinare alcune restrizioni mentre Londra rimuove le restrizioni.

READ  Donna ferma il ladro di scoiattoli che usa la vaselina per nutrire gli uccelli: "Sono troppo avidi"

Le restrizioni reintrodotte includono l’uso obbligatorio di maschere per il viso al chiuso e la quarantena di tutte le persone che arrivano in Israele.

La strategia di Bennett, come quella del governo britannico, è stata messa in discussione da alcuni studiosi.

Sharon Alroy-Presse, capo della sanità pubblica presso il Ministero della Salute israeliano, ha dichiarato domenica alla radio Kan che il Ministero della Salute israeliano chiedeva maggiori pressioni per fermare l’infezione.

“È possibile che non ci sarà un aumento significativo del numero di persone gravemente malate, ma il costo di un tale errore è ciò che ci preoccupa”, ha affermato.

Ma molti altri scienziati sono di supporto.

“Sono molto favorevole all’approccio di Israele”, ha affermato Nadav Davidovich, direttore della School of Public Health presso l’Università Ben-Gurion di Israele, descrivendolo come un “percorso d’oro” tra l’allentamento delle restrizioni britanniche e paesi come l’Australia che adottano una linea più dura.

Il virus non si ferma

L’ultimo blocco di Israele è stato imposto a dicembre, circa una settimana dopo l’inizio di quello che è stato uno dei programmi di vaccinazione in più rapida crescita al mondo.

Il numero di nuove infezioni giornaliere da COVID-19 è di circa 450. La variante delta, identificata per la prima volta in India, rappresenta circa il 90% dei casi.

“Stimiamo che non raggiungeremo ondate così alte di casi gravi come nelle precedenti ondate”, ha detto la scorsa settimana il direttore generale del Ministero della salute, Nachman Asch. “Ma se vediamo che il numero e il tasso di casi gravi sta minacciando il sistema (sanitario), dovremo compiere ulteriori passi”.

READ  Alabama Kay Ivy firma un disegno di legge che vieta i passaporti per il vaccino COVID

Circa il 60% della popolazione israeliana di 9,3 milioni ha ricevuto almeno un’iniezione del vaccino Pfizer/BioNtech. Domenica, il governo ha iniziato a offrire una terza dose alle persone con un sistema immunitario indebolito.

Ran Palisser, presidente del gruppo di esperti del governo su COVID-19, ha affermato che Israele ha avuto una media di circa cinque casi gravi di virus e un decesso al giorno nell’ultima settimana, dopo due settimane senza decessi correlati al COVID-19.

Riferendosi all’effetto della variabile delta, ha affermato che il comitato consiglia cautela sulla rimozione delle restrizioni.

“Non abbiamo abbastanza dati dal nostro focolaio locale per essere in grado di prevedere con precisione cosa accadrà se lo lasciamo andare”, ha detto Paliser.

Alcuni studi hanno dimostrato che sebbene il vaccino Pfizer/BioNTech sia più efficace contro la variante delta, è inferiore a quello di altri ceppi di coronavirus.

Critiche di alcuni scienziati per Pfizer (PFE.N) E BioNTech SE ha affermato che chiederà ai regolatori statunitensi ed europei di autorizzare dosi di richiamo per evitare un aumento del rischio di infezione sei mesi dopo la vaccinazione. Leggi di più

Israele non ha fretta di accettare il filmato pubblico di supporto, dicendo che non ci sono ancora dati chiari che dimostrino che è necessario. Fornisce l’approvazione solo caso per caso per le persone con sistema immunitario compromesso.

Le autorità stanno anche valutando di consentire ai bambini sotto i 12 anni di ricevere il vaccino caso per caso se hanno condizioni di salute che li mettono ad alto rischio di gravi complicazioni se contraggono il virus.

READ  I ministri prenderanno la decisione di allentare il blocco dell'Inghilterra il 14 giugno

Asch ha affermato che “solo poche centinaia” dei 5,5 milioni di persone vaccinate in Israele hanno successivamente contratto il COVID-19.

Prima dell’arrivo della variante delta, Israele stimava che il 75% della popolazione avrebbe dovuto essere vaccinato per raggiungere “l’immunità di gregge”, il livello al quale viene vaccinata una popolazione sufficiente per poter fermare efficacemente la diffusione della malattia. La soglia stimata è ora dell’80%.

Questi dati assicurano che i medici rimangano preoccupati.

“…il virus non si fermerà. Si sta evolvendo, è la sua natura. Ma è nostra natura sopravvivere”, ha affermato il dott. Gadi Segal, capo del reparto di coronavirus presso lo Sheba Medical Center vicino a Tel Aviv.

Scritto da Maya Lobel. Montaggio di Jeffrey Heller e Timothy Heritage

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.