diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Carmen Mola, l’autrice del famoso thriller spagnolo, ha rivelato di essere 3 uomini

Viene rivelato che lo scrittore del thriller spagnolo è Three Men.

Gli sceneggiatori televisivi Agustin Martinez, Jorge Diaz e Antonio Mercero hanno lanciato la bomba dietro lo pseudonimo Carmen Mola Gli è stato consegnato il prestigioso premio letterario Planeta da 1,2 milioni di dollari davanti al re di Spagna Felipe VI a Barcellona venerdì.

«Carmen Mola non è, come tutte le bugie che diciamo, una professoressa universitaria», ha detto Diaz dopo aver accettato il premio, in Financial Times. “Siamo tre amici che un giorno di quattro anni fa hanno deciso di unire il nostro talento per raccontare una storia”.

Jorge Diaz, Agustin Martinez e Antonio Mercero hanno chiarito di essere dietro l’alias Carmen Mola.

Notizie stampa Europa tramite Getty Images

Nelle interviste precedenti, Mola è stata ritratta come una madre sposata di tre figli, una professoressa universitaria sulla quarantina di Madrid, che studia di giorno, scrive thriller orribili di notte e vuole stare lontana dai riflettori.

Come Mola, gli uomini hanno venduto oltre 400.000 copie della loro serie di romanzi violenti e sanguinosi incentrati sull’ispettore di polizia Elena Blanco pubblicata da Penguin Random House. Hanno ricevuto il Premio Planeta per il loro libro inedito «The Beast» su un serial killer a Madrid nel 1834 che ha colpito il colera. Planeta pubblicherà il nuovo lavoro.

I critici hanno accusato gli uomini di usare il finto personaggio femminile per scopi di marketing. Beatriz Gimeno, ex direttrice dell’Istituto per le donne in Spagna, ha criticato il trio definendolo «truffatori» per aver utilizzato il profilo falso «per attirare lettori e giornalisti».

«Non ci siamo nascosti dietro una donna, ci siamo nascosti dietro un nome» Dillo a Mercero El País. «Non so se uno pseudonimo femminile venderebbe più di uno pseudonimo, non ne ho idea, ma ne dubito».