octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Capo del Ministero della Salute: Sembra che la quarta ondata del virus Corona in Israele stia per finire

Il direttore generale del ministero della Sanità, Nachman Asch, ha dichiarato venerdì che Israele sembra avvicinarsi alla fine della quarta ondata del virus COVID-19 iniziata alla fine di giugno.

“Penso che siamo sulla strada di un vero atterraggio [in infection]Ash ha detto a Radio 103 FM. “Penso che la quarta ondata stia volgendo al termine.”

Tuttavia, ha osservato che con la riapertura delle scuole dopo una pausa durante le festività ebraiche, i tassi di infezione potrebbero aumentare di nuovo. “È difficile da prevedere, e questa è sicuramente una delle nostre preoccupazioni nelle prossime settimane”, ha detto.

Venerdì, i dati del governo hanno fissato il tasso di riproduzione di base per il virus, che misura la sua trasmissione, a 0,72. Qualsiasi numero superiore a 1 indica che l’infezione è in aumento, mentre un numero inferiore a questo livello indica che l’epidemia è in calo.

C’erano 607 pazienti elencati in gravi condizioni venerdì, il numero più basso visto dalla fine di agosto.

Il direttore generale del ministro della Sanità Nachman Asch partecipa a una conferenza stampa sul coronavirus a Gerusalemme, 29 agosto 2021 (Olivier Fitoussi/Flash90)

Il bilancio delle vittime dall’inizio della pandemia è salito a 7.761, con nove nuovi decessi per COVID-19 registrati giovedì.

Allo stesso tempo, i dati del ministero hanno mostrato che giovedì sono state diagnosticate 4.313 nuove infezioni, continuando la lenta tendenza al ribasso. Anche il tasso di positività al test è diminuito, registrando il 3,81%.

Domenica, quasi due milioni di israeliani perderanno il loro corridoio verde, principalmente perché non sono stati vaccinati con una dose di richiamo COVID-19. Allo stesso tempo, la polizia intensificherà l’applicazione del documento di prova del vaccino nelle riunioni nelle città con alti tassi di infezione.

READ  Il capo scienziato della NASA andrà in pensione nel 2022

Il cambiamento di politica è arrivato nel corridoio verde quando i funzionari sanitari hanno stabilito che gli anticorpi COVID-19 diminuisce Diversi mesi dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino.

Israele, il primo paese a offrire ufficialmente una terza dose, ha iniziato la sua campagna di richiamo COVID-19 il 1° agosto, inizialmente rivolta alle persone di età superiore ai 60 anni. e soprattutto chi ha ottenuto il secondo colpo almeno cinque mesi fa.

Un uomo riceve una dose di vaccino contro il COVID-19 in una struttura di servizi sanitari temporanei a Gerusalemme, 30 settembre 2021 (Yonatan Sindel/Flash90)

Il passaporto è valido solo da una settimana dopo aver ricevuto l’ultima dose richiesta e per sei mesi dopo. Il documento, che viene mantenuto da coloro che sono stati vaccinati o guariti dal COVID-19, consente l’accesso a molti luoghi ed eventi pubblici, inclusi ristoranti e musei.

Giovedì, circa 78.000 israeliani hanno ricevuto una dose di richiamo, la più alta dose giornaliera dall’inizio di settembre. Ma con il cambiamento che inizia domenica, non riceveranno il loro Green Pass fino a giovedì della prossima settimana.

Un pass verde temporaneo può essere ottenuto anche attraverso un test virus negativo, che deve essere pagato a meno che l’individuo non abbia i requisiti per la vaccinazione.

Una donna mostra il “corridoio verde” mentre arriva in un teatro a Gerusalemme il 23 febbraio 2021 (Yonatan Sindel/Flash90)

Inoltre, fino al 16 ottobre, i redentori hanno diritto solo a un Green Pass, valido per sei mesi dalla ricezione della conferma ufficiale del recupero da COVID-19, secondo quanto riportato dalla radio pubblica Kan.

Dal 17 ottobre, coloro che si stanno riprendendo dal virus, sulla base di una PCR o di un test sierologico, e che successivamente ricevono una singola dose di vaccino, manterranno la loro carta verde fino al 31 marzo 2022. Successivamente, il Ministero della Salute riesaminerà quelli casi, ha detto.

READ  Ho allergie o COVID-19?

I pazienti guariti che hanno ricevuto almeno due dosi del vaccino hanno diritto a un Green Pass che sarà valido per sei mesi dalla ricezione della conferma ufficiale del recupero da COVID-19.

I bambini fino a 12 anni e tre mesi di età, che non hanno diritto a un vaccino in questo momento e che sono stati ufficialmente confermati per essersi ripresi da COVID-19, hanno diritto a un Green Pass che sarà valido per sei mesi dalla data di data di certificazione.

In precedenza, tutti i beneficiari erano ammissibili.

Secondo i dati del ministero diffusi venerdì, più di 6 milioni di israeliani hanno ricevuto almeno una dose del vaccino COVID, 5,6 milioni hanno ricevuto due dosi e 3,4 milioni hanno anche ricevuto una dose di richiamo.

Con circa 1,9 milioni di israeliani che perdono l’accesso al Corridoio Verde, centinaia di agenti di polizia applicheranno le linee guida in vari luoghi pubblici, a partire dai luoghi con i più alti tassi di infezione, riporta Channel 12.

La rete ha affermato che i funzionari verificheranno se i proprietari di attività e gli organizzatori di eventi scansionano i codici QR del Green Pass per i partecipanti, anziché mostrare semplicemente ai partecipanti il ​​certificato.

Gli agenti di polizia applicano i regolamenti COVID-19 a Gerusalemme, 11 agosto 2021 (Olivier Fitoussi/Flash90)

In precedenza non era necessario scansionare il codice QR. A partire da domenica, ogni volta che viene presentata una corsia verde, è necessario scansionarla e mostrarne l’identificazione accanto.

Anche il governo di alto livello sul coronavirus si riunirà domenica per la prima volta in un mese, il giorno dopo polemica pubblica Tra il primo ministro Naftali Bennett e i funzionari sanitari.

READ  L'equipaggio di SpaceX Inspiration4 ottiene le ali degli astronauti

In un briefing con i giornalisti israeliani a New York, Bennett ha accusato gli esperti medici che consigliavano al governo di “non vedere il quadro generale” e ha sottolineato che non sono loro a prendere le decisioni finali, ma è il governo.

Il primo ministro Naftali Bennett (a destra) e il ministro della Sanità Nitzan Horowitz partecipano a una conferenza stampa presso il centro di vaccinazione Maccabi a Holon, 29 giugno 2021 (Marc Israel Sellem/Pool/Flash90)

Il ministro della Sanità Nitzan Horowitz ha definito i commenti “non necessari e deplorevoli”, mentre Asch ha affermato che le parole erano inaspettate e “spiacevoli”.

Bennett incontrò Giovedì, con i massimi funzionari sanitari, hanno pubblicato una lettera congiunta che sembrava segnare la fine della discussione. L’emittente pubblica Kan ha riferito venerdì che le due parti avevano concordato di pubblicare informazioni future sulla politica COVID anche in dichiarazioni congiunte.