octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Cambiamento climatico: l’UE presenta un pacchetto ambizioso mentre si raffredda sui combustibili fossili

Il pacchetto di misure mira a trasformare radicalmente il più grande blocco commerciale del mondo. Tocca quasi ogni area dell’attività economica, dal modo in cui i cittadini riscaldano le loro case e si spostano, alla totale interruzione delle pratiche di produzione.

L’Unione Europea il mese scorso ha sancito per legge il suo obiettivo di ridurre le emissioni del 55% entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990, ma mercoledì ha presentato il potente programma in 10 fasi, intitolato “Fit for 55”, una tabella di marcia su come raggiungere il suo riduzione.

Mercoledì, in una conferenza stampa a Bruxelles, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che l’Europa è diventata il primo continente con un'”architettura inclusiva” che soddisfa le sue ambizioni climatiche.

“Abbiamo l’obiettivo, ma ora stiamo fornendo la tabella di marcia per come possiamo raggiungerlo”, ha detto.

“Sappiamo, ad esempio, che la nostra attuale economia dei combustibili fossili ha raggiunto i suoi limiti. E sappiamo che dobbiamo passare a un nuovo modello alimentato dall’innovazione, con l’energia pulita che si muove verso un’economia circolare”.

Sebbene il pacchetto sia audace, gli attivisti per il clima hanno criticato l’obiettivo del 55% per non essere abbastanza forte da impedire che le temperature globali salgano a 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali, che secondo gli scienziati è necessario per evitare gli impatti più gravi del cambiamento climatico .

L’Unione europea rappresenta circa l’8% delle emissioni mondiali di carbonio dai combustibili fossili. Contenere l’aumento delle temperature richiederà un’azione decisa da parte delle principali economie, tra cui Stati Uniti e Cina, i due maggiori emettitori di carbonio al mondo.

È anche improbabile che il piano verrà eseguito nel modo previsto da von der Leyen e dai suoi colleghi commissari. In primo luogo, deve passare attraverso l’intero processo legislativo dell’UE, che può richiedere diversi mesi o addirittura anni. Dovrà essere letto, modificato e approvato dai legislatori del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Unione europea, il forum in cui i leader eletti di ciascuno Stato membro discutono di tali questioni.

READ  Razzi lanciati dal Libano contro Israele, Hezbollah rivendica la responsabilità

Cos’altro c’è nella tabella di marcia?

I piani – che fanno parte del più ampio Green Deal di von der Leyen, un punto chiave dell’agenda 2019-2024 della Commissione – sono mirati specificamente ai trasporti, sia personali che commerciali, attraverso l’isolato.

Von der Leyen ha annunciato che le auto con motori a combustione, ad esempio, non saranno più prodotte all’interno del blocco a partire dal 2035. Saranno offerti incentivi finanziari ai paesi che sostituiranno i combustibili convenzionali con un’alternativa sostenibile nel settore dell’aviazione e della navigazione.

I limiti di carbonio proposti imposterebbero tariffe su determinati beni prodotti al di fuori del blocco, a seconda della loro impronta di carbonio, e li sottoporrebbero agli stessi standard già esistenti per i beni prodotti all’interno dell’UE.

I piani mirano a dissuadere le aziende dell’UE dall’importare materiali più economici da luoghi in cui gli standard ambientali sono inferiori. Nell’implementazione iniziale, i settori interessati includeranno cemento, ferro e acciaio, alluminio, fertilizzanti e, soprattutto, elettricità.

L’aliquota fiscale più bassa sulla benzina e sul carburante sarà aumentata di ampi margini, così come le tasse sul cherosene.

Un altro pilastro chiave del pacchetto di mercoledì è la chiusura del sistema di scambio di quote di emissione (ETS) dell’Unione europea, il primo e più grande mercato del carbonio al mondo.

Istituito nel 2005, ETS opera limitando le emissioni di carbonio alle società all’interno dell’Unione Europea che sono autorizzate a produrre ogni anno. Se la società finisce, viene multata. Possono anche acquistare “stanziamenti” da altri nell’ETS ed estendere le quote non utilizzate. Nel tempo, il tetto fissato da ETS diminuisce nell’intero mercato del carbonio.

Von der Leyen, che ha presentato il pacchetto, ha affermato che le misure, che costerebbero 500 miliardi di euro “a livello della sola Europa”, creerebbero anche “incentivi finanziari per il settore privato, a complemento” dell’ambizione generale dell’UE.

READ  Elezioni in Perù: i sostenitori dei candidati rivali sciamano nelle strade in mezzo a discussioni sul risultato | Perù

È realistico?

È probabile che ci sia opposizione a molte delle proposte all’interno dell’UE. Funzionari dell’UE hanno ammesso alla CNN che anche convincere il corpo dei commissari ad accettare ciò che von der Leyen ha presentato mercoledì è stata una lotta.

Alcuni Stati membri sono più poveri di altri, il che significa che la transizione verso gli obiettivi di Bruxelles è più difficile, mentre altri Stati membri hanno economie costruite su industrie che producono intrinsecamente più emissioni.

Sarà anche politicamente difficile, poiché gli Stati membri sono attualmente divisi su molte altre questioni europee – dallo stato di diritto ai diritti umani – e probabilmente utilizzeranno questo dibattito sui cambiamenti climatici come alternativa ad altre classi in corso.

I diplomatici dell’UE hanno detto alla CNN che si aspettano l’opposizione di paesi come la Polonia e l’Ungheria, che sono attualmente coinvolti con la Commissione europea, ma anche di paesi ricchi e potenti come la Germania, che ha una storia mista di cambiamenti climatici a causa della sua grande base manifatturiera.

Ma ci sono anche molti eurodeputati che credono che le proposte non siano sufficienti. Se il consiglio riduce il testo iniziale di von der Leyen per placare gli Stati membri avversari, c’è anche la possibilità che l’opposizione parlamentare cresca.

“Le proposte avanzate dalla Commissione ritardano l’azione più dura per il clima fino al 2030”, ha affermato Michael Bloss, eurodeputato tedesco che partecipa al gruppo verde del parlamento.

“Nella loro proposta, le quote gratuite all’industria termineranno solo nel 2036, la tassa sul cherosene sarà pienamente attuata dal 2030 e il motore a combustione interna sarà gradualmente eliminato solo nel 2035. Sebbene sia tecnicamente ed economicamente fattibile attuare queste politiche prima , in questa Figura, il Green Deal non sarà sufficiente per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.”

READ  Il Primo Ministro afferma che gli incendi in Grecia sono un grave disastro ambientale

Dall’altra parte del dibattito, deputati come Gunnar Beck – che rappresenta l’Alternativa di destra per la Germania (AfD), il più grande partito di opposizione tedesco – affermano che, pur non sostenendo la necessità di affrontare il cambiamento climatico a livello globale, potrebbero posizione dell’Unione europea può avere effetti negativi.

“Anche se l’UE diventasse a emissioni zero, altri paesi in via di sviluppo aumenteranno rapidamente le loro emissioni. Ciò che farà è deteriorare la posizione competitiva delle aziende dell’UE e indebolire ulteriormente la ripresa economica dell’UE”, ha affermato.

Se i negoziati continueranno per anni, von der Leyen e i suoi alleati potrebbero non essere vicini alla conclusione dei negoziati, poiché i loro termini scadranno nel novembre 2024.

Sebbene il cambiamento climatico non verrà eliminato dall’agenda dell’UE in tempi brevi, la composizione politica del blocco potrebbe cambiare drasticamente in quel momento. Ci sono elezioni in Germania e Francia che potrebbero scuotere entrambi i paesi nel prossimo anno e, dopo la pandemia, la direzione politica del futuro dell’UE è incerta.