septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Burning Bridges: i paesi si rifiutano di giocare ai “trucchi” italiani nella competizione europea di bridge

Le squadre di bridge dell’UE si sono rifiutate di giocare contro l’Italia.

Sono attualmente in corso le partite di qualificazione per la Coppa dei Campioni, con ciascuna delle 30 nazioni europee partecipanti che devono affrontarsi.

Tuttavia, riporta il Daily Telegraph, ciascuno dei paesi partecipanti si è rifiutato di giocare in Italia a causa dell’arrivo di Pulvio Fontoni.

La Scozia è stata la prima nazione a rifiutarsi di giocare contro l’Italia, e altre nazioni hanno subito seguito l’esempio.

La squadra professionistica italiana di bridge Fulvio Fantoni, 57 anni, (imbrogliata) si è aggiunta alla propria squadra, presumibilmente truffata da altre nazioni europee durante la competizione

La rabbia che circonda la partecipazione del 57enne alle qualificazioni deriva dalle accuse mosse contro di lui e il suo partner del Campionato Europeo 2014, Claudio Nunes, 53 anni.

Sul ponte, due squadre di due giocatori si sfidano e i partner non conoscono la forza delle mani dell’altro.

Tuttavia, la coppia, che all’epoca erano i primi due giocatori, fu accusata di stabilizzare la carta su cui stavano giocando per indicare che mancava una delle carte, il re o una delle carte più alte. Regina

Il ballerino Maaijke Mevius Fantoni e Nunes posizionano le loro carte orizzontalmente o verticalmente – la causa contro la coppia si approfondisce quando una coppia appare nel tentativo di segnalare la presenza o l’assenza di una carta di alta qualità.

Parlando all’epoca, Simon Barb di English Bridge Education and Development ha detto: “Solo i migliori giocatori possono sfuggire al barare – solo i migliori giocatori possono catturarli”.

Inizialmente ha cercato di dire di essere stato temporaneamente oscurato durante l’incidente, ma le indagini sull’incidente hanno trovato colpevoli la European Bridge League (EBL), la Federazione Italiana Bridge (FIGB) e il contratto statunitense Bridge League.

La coppia è stata bandita dal gioco nel 2016, ma il divieto è stato revocato un anno dopo, dopo che si erano appellati per il fatto che la relazione tra loro non era stata dimostrata.

Tuttavia, The Telegraph ha citato un partecipante alle qualificazioni di quest’anno dicendo: “Questo è scandaloso. C’è una convinzione diffusa tra i membri della comunità di Bridge Playing che non dovrebbe essere qualificato per giocare. ‘

Le suore (nella foto) inizialmente hanno cercato di affermare che l'incidente è stato temporaneamente oscurato durante l'incidente, ma le indagini sull'incidente hanno trovato colpevoli la European Bridge League (EPL), la Federazione Italiana Bridge (FIGP) e il contratto statunitense Bridge League.

Le suore (nella foto) inizialmente hanno cercato di affermare che l’incidente è stato temporaneamente oscurato durante l’incidente, ma le indagini sull’incidente hanno trovato colpevoli la European Bridge League (EPL), la Federazione Italiana Bridge (FIGP) e il contratto statunitense Bridge League.

L’Italia ora perderà due partite chiave se altre nazioni manterranno il loro boicottaggio, perché non otterranno alcun punto di qualificazione.

Nessun paese si è ufficialmente rifiutato di giocare contro l’Italia perché comporterebbe la propria squalifica e perderebbe invece le partite per errori procedurali come l’assegnazione di un’ingiunzione.

Parlando del boicottaggio della sua squadra all’inizio di questa settimana, il capitano dell’Italia Alberto Forgucci ha dichiarato: “L’umiliante boicottaggio contro la nazionale italiana continua. Questo comportamento è stato organizzato da una piccola società amatoriale di bridge in associazione con un consorzio che ha risorse limitate.

READ  Il Giro de Italia entusiasma i sognatori

Allo stesso modo, il nostro gioco mentale di rappresentare l’Italia come ricompensa per aver vinto il campionato a squadre nel 2019 e non aver rispettato tutti i giocatori dilettanti.

Ha spiegato nel comunicato che l’ammissione di Fontoni è arrivata dopo che il sesto giocatore originario dell’Italia ha dovuto lasciare per impegni di lavoro.

Forcucci ha aggiunto: “Tutta la comunità Bridge e gli esperti britannici dovrebbero condannare il boicottaggio per essersi rifiutati di competere con la squadra amatoriale”.

Nonostante il boicottaggio, il membro EBL ha affermato che l’Italia potrebbe offrire un posto di qualificazione in base al modulo precedente.

Tuttavia, hanno convenuto che questa particolare situazione potrebbe rivelarsi complicata perché non si era mai verificata prima.