diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Brexit: la Francia sequestra la barca britannica mentre si intensificano le polemiche sui diritti di pesca

«A parte poche eccezioni, non tutti i porti francesi saranno disponibili per le navi britanniche», ha dichiarato il ministro francese per gli Affari europei, Clement Bonn, in un’intervista alla televisione francese CNEWS, riferendosi alle navi che scaricano pesce e prodotti agricoli.

Ha detto che circa tre o quattro porti sarebbero ancora aperti ai pescherecci britannici quando il blocco entrerà in vigore martedì, con il numero esatto fissato la prossima settimana, aggiungendo: «Non ci sarà tolleranza, nessuna clemenza».

Boone ha anche affermato che i controlli di sicurezza, iniziati mercoledì sera, avevano intercettato due navi britanniche che «non stavano rispettando le regole».

E il ministro del mare francese, Annick Girardin, aveva confermato in precedenza che due navi britanniche erano state arrestate e multate, e una di esse era stata dirottata in un porto francese.

La sua dichiarazione ha affermato che una delle barche non era nell’elenco approvato dall’UE dei pescherecci britannici e che il direttore del governo regionale ha «immediatamente emesso» un ordine per dirottare la nave verso il porto francese di Le Havre.

La Gran Bretagna ha detto che stava indagando sull’incidente. Il segretario all’Ambiente George Eustice, parlando alla Camera dei Comuni giovedì, ha affermato di aver visto rapporti secondo cui la nave sequestrata «era originariamente elencata e quindi sembra non essere nell’elenco», aggiungendo che questo era qualcosa che aveva chiesto ai suoi funzionari di » indagare». Urgentemente.»

Giovedì un portavoce del governo britannico ha dichiarato alla CNN di essere a conoscenza di «rapporti di attività di contrasto da parte delle autorità francesi» e di «esaminare urgentemente la questione».

La dichiarazione su Twitter afferma che l’altra barca è stata multata per non aver rispettato gli ordini per consentire alle autorità francesi di salire a bordo della nave per le ispezioni. Ulteriori ispezioni della gendarmeria navale francese non hanno riscontrato ulteriori violazioni delle norme sulla pesca.

READ  Metropolitana di Città del Messico: carenze di costruzione dietro il crollo fatale, afferma il rapporto

Le barche sono state fermate al largo di Le Havre nel Canale della Manica. Il comunicato afferma che le procedure legali potrebbero assistere alla pesca del primo peschereccio e alla confisca dell’imbarcazione stessa dietro pagamento di una cauzione, aggiungendo che «il capitano del peschereccio rischia sanzioni penali».

Le multe rappresentano l’ultima tornata di tensioni nelle lunghe controversie tra il Regno Unito e la Francia sui diritti delle navi francesi e britanniche di pescare nelle acque di ciascun paese. Dopo che la Gran Bretagna lascia l’Unione Europea.

Le ultime misure francesi arrivano in risposta al rifiuto del governo britannico di concedere licenze di pesca post-Brexit a molti pescatori francesi. Boone ha affermato che quasi la metà delle richieste francesi di pescare nelle acque britanniche è stata respinta; Un portavoce della Commissione europea ha detto ai giornalisti martedì che a partire dal 1 ottobre il Regno Unito ha concesso licenze a 15 delle 47 navi francesi più piccole che avevano chiesto di pescare nelle acque territoriali del Regno Unito.

Delle restanti navi, la Francia ha accettato di annullare gli ordini per 17 navi ritenute deboli come prova dell’attività di pesca pre-Brexit nelle acque britanniche, ha affermato il portavoce.

Una dichiarazione del governo francese ha affermato che «azioni mirate» contro il Regno Unito dal 2 novembre includeranno anche il rafforzamento delle procedure doganali e di screening sanitario, regolari controlli di sicurezza delle navi britanniche e il rafforzamento delle ispezioni dei camion che viaggiano da e verso il Regno Unito.

Pyon ha aggiunto che i «controlli sistematici» dei camion includeranno anche il loro carico utile, aggiungendo che questi non sono progettati «per interrompere il contatto e l’accesso, ma per essere molto severi per quanto riguarda le ispezioni».

READ  La tempesta tropicale Fred approda nella Repubblica Dominicana e potrebbe colpire la Florida alla fine di questa settimana

«Questa non è una guerra, ma una lotta», ha detto Girardin alla stazione radio francese RTL giovedì mattina. Una dichiarazione del governo afferma che è in preparazione una seconda serie di misure di ritorsione francesi, aggiungendo che «in questo contesto, la Francia non esclude un riesame delle forniture energetiche al Regno Unito».

«Ora dobbiamo parlare il linguaggio della forza perché… questo governo britannico capisce solo questo», ha detto Boone. «Non possiamo essere in un clima di fiducia con un vicino, un partner che non rispetta le regole».

Mercoledì, prima che le ultime misure fossero annunciate ufficialmente, il Regno Unito ha condannato le mosse proposte come «minacce» che erano «deludenti e sproporzionate».

Un portavoce del governo britannico ha dichiarato: «Le misure minacciate non sembrano essere compatibili con l’Accordo commerciale e di cooperazione (TCA) e con il diritto internazionale più ampio», aggiungendo che «se attuate, riceveranno una risposta adeguata e misurata».

Il Regno Unito ha dichiarato che trasmetterà le sue preoccupazioni alla Commissione europea e al governo francese.

Giovedì un portavoce della Commissione ha dichiarato in una dichiarazione che l’UE continuerà le discussioni sia con il Regno Unito che con la Francia per risolvere il problema.

L’Unione Europea ha sottolineato che «tutte le navi francesi che hanno diritto ad ottenere una licenza devono ottenerne una», secondo la nota.

Hanno anche sottolineato che «l’accordo di commercio e cooperazione con il Regno Unito è chiaro: le navi che hanno pescato in queste acque devono poter continuare».