octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Borse asiatiche rimbalzano, dollaro in rialzo contro yen Da Reuters

© Reuters. FOTO FILE: Le persone che indossano maschere protettive, in mezzo all’epidemia di coronavirus (COVID-19), riflettono su una lavagna elettronica che mostra i prezzi delle azioni giapponesi al di fuori di un broker a Tokyo, Giappone, 5 ottobre 2021. REUTERS/Kim Kyung-Hoon

di Wayne Cole

SYDNEY (Reuters) – Le azioni asiatiche sono aumentate lunedì grazie ai guadagni in Cina che hanno anche aiutato i futures sulle azioni statunitensi a compensare le perdite iniziali, mentre i rendimenti più elevati dei Treasury hanno spinto il dollaro a un massimo di quasi tre anni contro lo yen giapponese.

Entrambi i futures Nasdaq sono in ribasso di circa lo 0,1%, ma sono ben al di sopra dei minimi iniziali. I futures EUROSTOXX 50 sono scesi dello 0,1% e i futures sono stati liquidati.

I prezzi del petrolio hanno esteso la loro traiettoria al rialzo, con guadagni in tutto il complesso energetico che si sono aggiunti alle preoccupazioni per l’inflazione.

“I rendimenti obbligazionari continuano a salire, le aspettative di inflazione sono in aumento e l’inasprimento monetario in varie forme sta diventando più diffuso”, hanno affermato gli analisti dell’ANZ in una nota.

“La carenza globale di chip si estenderà al prossimo anno, aggiungendo incertezza a recuperi irregolari”, hanno affermato. “Aggiungendosi alla carenza di energia, il panorama economico è materialmente più sobrio rispetto all’ottimismo che ha accompagnato le prime fasi della ripresa globale”.

Tuttavia, un aumento dell’1% dell’indice azionario cinese ha contribuito a stabilizzare l’umore e il più ampio indice azionario MSCI Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è aumentato dello 0,7%.

Il calo dello yen ha fornito una spinta positiva che ha invertito le sue perdite iniziali per salire dell’1,7%, sebbene l’Australia fosse ancora in calo dello 0,4%.

READ  Difficoltà per le vacanze: i prezzi degli alberi di Natale e delle decorazioni stanno aumentando

La stagione degli utili inizia negli Stati Uniti questa settimana e probabilmente porterà storie di interruzioni dell’offerta e aumento dei costi. Il rapporto JPMorgan (NYSE:) di mercoledì, seguito dal rapporto BofA, Morgan Stanley (NYSE 🙂 e Gruppo di città (NYSE 🙂 giovedì, Goldman venerdì.

L’accento sarà posto anche sull’inflazione statunitense e sui dati sulle vendite al dettaglio e sui verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve che dovrebbero confermare il tapering della discussione di novembre.

Sebbene i numeri chiave dei posti di lavoro negli Stati Uniti di venerdì siano stati deludenti, ciò è stato in parte dovuto alla riapertura dei problemi nell’istruzione statale e locale mentre l’occupazione nel settore privato è stata più piatta.

Infatti, con una carenza di manodopera che ha portato il tasso di disoccupazione al 4,8%, gli investitori erano più preoccupati per i rischi di inflazione salariale e per l’impennata dei rendimenti dei Treasury.

I rendimenti dei titoli a 10 anni sono stati scambiati all’1,62%, dopo aver registrato un balzo di 15 punti base la scorsa settimana nel più grande aumento da marzo.

Le obbligazioni sono state vendute anche in Asia ed Europa, con i rendimenti a breve termine in Gran Bretagna ai massimi da febbraio 2020.

Gli analisti della Bank of America hanno avvertito che l’impulso inflazionistico globale sarà esacerbato dai costi energetici con il petrolio che probabilmente supererà i 100 dollari al barile a causa della scarsa offerta e della riapertura della forte domanda.

I vincitori in un tale scenario sarebbero beni reali, immobili, materie prime, volatilità, liquidità e mercati emergenti, mentre le obbligazioni, il credito e le azioni ne risentirebbero negativamente.

Bank of America ha raccomandato le materie prime come copertura e dette risorse rappresentavano il 20-25% dei principali indici azionari nel Regno Unito, in Australia e in Canada; 20% nei mercati emergenti; 10% nell’Eurozona e solo il 5% negli Stati Uniti, Cina e Giappone.

READ  FTC avvia un'indagine sull'acquisizione di Amazon MGM: Report

Il dollaro è stato sostenuto poiché i rendimenti statunitensi hanno superato quelli di Germania e Giappone, portandoli al livello più alto dalla fine del 2018 sullo yen a 112,41.

L’euro ha oscillato a $ 1,1572, dopo aver toccato il livello più basso dal luglio dello scorso anno a $ 1,1527 la scorsa settimana. Il prezzo si è attestato a 94,158, lontano dal recente massimo a 94,504.

Un dollaro forte e rendimenti più elevati hanno pesato sull’oro, che non offre un rendimento coerente, e lo ha lasciato marginale a 1.760 dollari l’oncia.

I prezzi del petrolio sono di nuovo in aumento dopo essere aumentati del 4% la scorsa settimana al livello più alto in quasi sette anni. [O/R]

È salito di 91 centesimi a $ 83,30, mentre è aumentato di $ 1,13 a $ 80,48 al barile.