septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Borse asiatiche in preda al panico per l’improvviso calo dell’oro

SYDNEY (Reuters) – Le borse asiatiche hanno oscillato lunedì a causa di forti perdite dei prezzi dell’oro e del petrolio, mentre il dollaro ha tenuto vicino ai massimi di quattro mesi dopo che un rapporto positivo sull’occupazione negli Stati Uniti ha alzato i rendimenti obbligazionari.

Il sentimento è stato scosso dall’improvviso calo dell’oro poiché una rottura di $ 1.750 ha interrotto le vendite di stop-loss lasciandolo a un minimo di $ 1.684 l’oncia. L’ultimo calo è stato del 2,2% a $ 1.723.

Il greggio Brent è in calo di quasi il 2% per i timori che lo spread della variabile delta possa smorzare la domanda di viaggi.

Le festività a Tokyo e Singapore hanno portato a condizioni di trading pessime, lasciando il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia Pacifico al di fuori del Giappone in calo dello 0,1%.

Il Nikkei giapponese è chiuso, ma i future vengono scambiati appena al di sotto della chiusura di venerdì. I futures Nasdaq sono scesi dello 0,5% e i futures Standard & Poor’s 500 sono scesi dello 0,3%.

I dati sul commercio cinese durante il fine settimana sono stati rilasciati al di sotto delle aspettative, anche se i dati previsti per lunedì mostreranno che l’inflazione non è un ostacolo a ulteriori politiche di stimolo.

Il Senato degli Stati Uniti era più vicino all’approvazione di un pacchetto infrastrutturale da trilioni di dollari, sebbene un legislatore repubblicano abbia bloccato il voto domenica.

Gli investitori stavano ancora valutando se il forte rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti di venerdì avrebbe avvicinato la Federal Reserve all’abbandono dello stimolo.

“Non c’è molto disaccordo su un annuncio di tapering in arrivo tra settembre e dicembre, seguito da un vero e proprio tapering tra novembre e gennaio”, ha affermato Rodrigo Cattrell, chief FX analyst di NAB.

READ  L'aumento dei casi di COVID-19 ha smorzato la fiducia dei consumatori statunitensi, i prezzi delle case registrano guadagni record

Tuttavia, il ritmo del tapering è ancora elevato e deciderà quando arriverà l’effettivo aumento dei tassi, ha affermato. La Fed attualmente acquista beni per 120 miliardi di dollari al mese, quindi un taglio di 20 miliardi di dollari porrebbe fine al programma in sei mesi, mentre l’approccio del tapering da 10 miliardi di dollari richiederebbe un anno.

La prevalenza variabile del delta potrebbe portare a un declino più lungo poiché i casi negli Stati Uniti tornano ai livelli visti nell’aumento dello scorso inverno con oltre 66.000 persone ricoverate in ospedale.

Anche i dati sull’IPC di luglio in uscita questa settimana dovrebbero confermare che l’inflazione ha raggiunto il picco, con i prezzi delle auto usate finalmente in calo dopo enormi guadagni.

Ci sono quattro funzionari della Fed che parlano questa settimana e senza dubbio offriranno la loro opinione sul tapering.

Nel frattempo, le azioni sono state principalmente sostenute da una forte stagione degli utili negli Stati Uniti. Gli analisti di BofA hanno notato che le società S&P 500 stavano registrando una sovraperformance del 15% sugli utili del secondo trimestre con il 90% che lo riportava.

“Tuttavia, le società a scopo di lucro hanno visto reazioni smorzate ai prezzi delle loro azioni il giorno dopo che i guadagni sono stati rilasciati e gli errori sono stati puniti”, hanno scritto in una nota.

La guida è più forte della media, ma le stime di consenso per la crescita a due anni suggeriscono un rallentamento a causa delle preoccupazioni macroeconomiche.

Gli indicatori finanziari si sono rafforzati venerdì poiché una curva dei rendimenti ripida ha beneficiato degli utili delle banche, penalizzando anche il settore tecnologico poiché le valutazioni salgono alle stelle.

READ  Casa 'Little Slice Of Hell' sotto contratto con offerta in contanti, fuori mercato - CBS Denver

I rendimenti statunitensi a 10 anni sono aumentati dell’1,30% sulla scia del rapporto sull’occupazione, dopo aver toccato il livello più basso da febbraio della scorsa settimana all’1,177%.

Questo balzo ha dato al dollaro un ampio impulso e ha riportato l’euro a 1,1744 dollari, il minimo da aprile. Allo stesso modo, il dollaro è salito a 110,28 yen, scendendo dal minimo della scorsa settimana di 108,71.

Ciò ha portato l’indice della valuta statunitense a 92,882 e più vicino al picco di luglio di 93,194.

I prezzi del petrolio sono ulteriormente scesi dopo aver subito il più grande calo settimanale in quattro mesi a causa dei timori che le restrizioni ai viaggi dovute al coronavirus potrebbero minacciare le prospettive rialziste della domanda. [O/R]

Il Brent è sceso da $ 1,30 a $ 69,40 al barile, mentre il greggio statunitense ha perso $ 1,29 a $ 66,99.

A cura di Shree Navaratnam

Disclaimer: Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore e potrebbero non riflettere le opinioni di Kitco Metals Inc. L’autore ha compiuto ogni sforzo per garantire l’accuratezza delle informazioni fornite; Tuttavia, Kitco Metals Inc. non può. Né l’autore garantisce questa accuratezza. Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è una sollecitazione a condurre alcuno scambio in materie prime, titoli o altri strumenti finanziari. Kitco Metals Inc. non accetta L’autore di questo articolo sarà responsabile per perdite e/o danni derivanti dall’uso di questa pubblicazione.