septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Blinken afferma che gli Stati Uniti sono preoccupati per il crescente arsenale nucleare della Cina

Il Segretario di Stato americano Anthony Blinken parla dei programmi di rifugiati per gli afghani che hanno aiutato gli Stati Uniti durante un briefing presso il Dipartimento di Stato a Washington, DC, USA, 2 agosto 2021.

Brendan Smilofsky | Reuters

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato venerdì che il massimo diplomatico statunitense ha espresso preoccupazione ai ministri degli esteri del sud-est asiatico per il crescente arsenale nucleare della Cina.

Il Segretario di Stato Anthony Blinken ha delineato per il Forum regionale dell’ASEAN, un incontro online di oltre 20 paesi, un elenco del comportamento provocatorio della Cina.

Riferendosi alla Repubblica popolare cinese, il portavoce dello stato Ned Price ha dichiarato: “Il segretario ha anche notato profonda preoccupazione per la rapida crescita dell’arsenale nucleare della RPC, il che evidenzia come Pechino abbia deviato nettamente dalla sua strategia nucleare decennale basata sulla linea di fondo .di deterrenza.”

Il rapporto del mese scorso dell’American Federation of Scientists Ha concluso che Pechino stava costruendo più di 100 silos missilistici nella regione dello Xinjiang, sollevando interrogativi sulle ambizioni nucleari della Cina.

Politica CNBC

Maggiori informazioni sulla copertura politica della CNBC:

Lo Stockholm International Peace Research Institute stima che la Cina possieda circa 350 Armi nucleari nel mondo, che è una frazione dei 5.550 di proprietà degli Stati Uniti e di 6.255 di proprietà della Russia.

Blinken ha anche avvertito di un regime militare violento in Birmania e di violazioni dei diritti umani in Tibet, Hong Kong e Xinjiang.

Lo scorso mese , L’amministrazione Biden ha avvertito le aziende Le relazioni con Hong Kong e Xinjiang sono un rischio normativo sistemico poiché la Cina continua a limitare le libertà politiche ed economiche nella regione.

READ  20 aziende di carne e prodotti lattiero-caseari emettono più gas serra di Germania, Gran Bretagna e Francia | industria della carne

Blinken ha anche invitato la Cina a fermare il suo comportamento provocatorio nelle acque fortemente contese del Mar Cinese Meridionale.

Il Mar Cinese Meridionale, che ospita più di 200 appezzamenti di terra, è la porta d’accesso alle rotte marittime globali dove transitano ogni anno quasi 4 trilioni di dollari di scambi. Più di 1 trilione di dollari è legato al mercato statunitense. Il mare ospita anche circa $ 2,6 trilioni di petrolio e gas offshore recuperabili.

Cinque pretendenti – Cina, Malesia, Filippine, Taiwan e Vietnam – occupano quasi 70 scogliere e isolotti contesi nel Mar Cinese Meridionale. Nel corso degli anni, i pubblici ministeri hanno costruito e ampliato quasi 90 avamposti su queste caratteristiche controverse, secondo una ricerca compilata da CSIS Asia Maritime Transparency Initiative.

Molteplici rivendicazioni sovrane sovrapposte hanno portato la terra a essere sede di avamposti militari. Pechino ha la parte del leone in queste attrazioni, con circa 27 in tutta la regione.

L’interesse di Pechino nello sviluppo della terra attraverso il Mar Cinese Meridionale non è affatto nuovo.

La Cina ha acquisito per la prima volta Fiery Cross Reef e Subi Reef nel 1988 e da allora le ha dotate di porti in acque profonde, hangar per aerei, strutture di comunicazione, uffici amministrativi e una pista di 10.000 piedi.