mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Benjamin Netanyahu ‘vicino alla contrattazione’ nel processo per corruzione | Benjamin Netanyahu

L’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu Si dice che sia sull’orlo di un patteggiamento nel suo processo per corruzione, uno sviluppo che potrebbe significare una fine inaspettatamente rapida alla sua turbolenta carriera politica e capovolgere ancora una volta la politica israeliana.

israeliano I media di domenica sono stati dominati dalla notizia che Netanyahu, capo del partito Likud e leader dell’opposizione da quando è diventato È stato estromesso lo scorso anno da 12 anni al governo, ho raggiunto conversazioni avanzate con l’ufficio del procuratore generale.

Nell’accordo riportato, Netanyahu si dichiarerà colpevole di due accuse di violazione della fiducia, che porteranno a una pena detentiva sospesa e ad alcuni mesi di carcere che saranno convertiti al servizio alla comunità.

Il principale punto critico rimasto sembra essere l’insistenza del procuratore generale, Avichai Mandelblit, sull’accusa di corruzione morale – una dichiarazione ufficiale che Netanyahu cerca disperatamente di evitare perché potrebbe escluderlo dalla vita politica per sette anni.

L’ex primo ministro è sotto processo per aver scambiato un trattamento preferenziale con un’importante compagnia di telecomunicazioni israeliana in cambio di articoli positivi sul suo sito di notizie Walla. È anche un imputato in un secondo caso di accuse di richiesta di copertura positiva e un terzo sostiene di aver ricevuto regali per centinaia di migliaia di dollari da ricchi amici.

Il 72enne ha rifiutato le richieste di dimettersi dopo essere stato incriminato nel 2019, utilizzando la piattaforma come primo ministro per attaccare ripetutamente le forze dell’ordine, i media e i tribunali per condurre una «caccia alle streghe» contro di lui.

Il suo processo è iniziato ufficialmente nel 2020 mentre il paese è stato coinvolto in una crisi politica durata due anni, durante i quali si sono svolte quattro elezioni, con gli elettori bloccati sulla leadership e sull’incriminazione di Netanyahu.

READ  Le fiamme divorano le torri più alte di Milano; I residenti sono stati evacuati

Si prevedeva che il procedimento contro di lui sarebbe durato per anni, ma con il mandato di Mandelblit come procuratore generale che scade alla fine di questo mese e il suo sostituto è improbabile che dia la priorità ai casi di Netanyahu, il team legale dell’ex primo ministro sembra aver deciso che la finestra di patteggiamento dell’accordo si sta chiudendo.

Secondo quanto riferito, il giudice capo della Corte Suprema in pensione Aharon Barak, un alleato di lunga data di Netanyahu, ha agito da collegamento tra l’ex primo ministro e i pubblici ministeri. Parlando al sito di notizie Ynet, ha detto del suo ruolo nei negoziati: «Dal mio punto di vista, questo è un atto d’accusa e un processo unico, che sta causando una spaccatura nella nazione. Nel tentativo di ricucire la spaccatura, un appello l’affare è l’opzione migliore. Questa posizione è positiva e vitale per lo Stato di Israele.» «.

Un patteggiamento in cui Netanyahu è bandito dalla politica per diversi anni metterà effettivamente fine alla sua carriera.

Scaterebbe anche una lotta per la leadership del Likud, che potrebbe risuonare in modi inaspettati. Il Likud potrebbe entrare in una guerra interna per l’elezione di un nuovo presidente, ostacolando i suoi tentativi di destabilizzare la coalizione di governo giurata lo scorso giugno.

Tuttavia, se il partito può concordare in modo completo su un nuovo leader, elementi di destra nella coalizione di governo potrebbero prendere in considerazione l’idea di eliminare l’attuale accordo a favore di un governo più coeso politicamente con la nuova presidenza del Likud al suo timone.

READ  La Francia vieta i viaggi non essenziali con il Regno Unito a causa dell'aumento di Omicron

Il quotidiano Yedioth Ahronoth di domenica ha citato una fonte del Likud dicendo che Netanyahu, che ha tenuto segreti i colloqui sugli accordi al suo partito, è «passato a un livello inferiore».

Ha detto che l’ex primo ministro era «meno concentrato e meno concentrato, non ha partecipato molto alle riunioni plenarie della Knesset e ha annullato le riunioni di fazione. L’unica cosa che ha fatto è stata attaccare i membri anziani del partito e pubblicare video infantili su TikTok. Questo non è modo di guidare l’opposizione».

Oltre a concludere un accordo con l’accusa di corruzione, Netanyahu sta anche valutando un fascicolo Compromesso in una causa per diffamazione contro il suo predecessore Come Primo Ministro Ehud Olmert.

Il leader del Likud ha chiesto 837.000 NIS (£ 197.000) a Olmert per le accuse fatte nelle interviste secondo cui Netanyahu, sua moglie Sarah e suo figlio maggiore Yair – che sono anche personaggi pubblici di destra – sono malati di mente.

Il giudice Amit Yariv ha suggerito in un’udienza la scorsa settimana che Olmert ha affermato che i suoi commenti erano un’opinione piuttosto che un fatto: un compromesso che un portavoce della famiglia Netanyahu ha ritenuto accettabile, sebbene non vi fosse alcuna indicazione immediata che Olmert li avrebbe accettati.

Con l’eccezione di Netanyahu, Olmert è l’unico primo ministro israeliano ad essere processato con l’accusa di corruzione. È stato condannato nel 2015 e ha scontato due terzi della sua pena detentiva di 27 mesi per frode.