septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Azione regionale per il clima a Milano

Questo è un anno importante nella storia della crisi climatica. Sullo sfondo di inondazioni, incendi e temperature da record, abbiamo finalmente riconosciuto che il cambiamento climatico dipende da qui. Ad agosto il Comitato governativo sui cambiamenti climatici (IPCC) Ha pubblicato il loro rapporto evidenziando che il cambiamento climatico è diffuso, rapido e rapido. Questo è terrificante, ma è molto deprimente considerando gli sforzi individuali per ridurre l’impatto delle attività umane sul nostro ambiente, biodiversità, comunità, accesso all’acqua e cibo. Semmai, il rapporto dell’IPCC sottolinea che quello che stiamo facendo non basta.

Allo stesso tempo, ci sono state risposte locali Spesso si concentra sulla riduzione dei gas serra, Che è tutt’altro che la nostra unica preoccupazione. Invece, dobbiamo adattarci all’inevitabile cambiamento climatico. Come conferma il rapporto dell’IPCC, assistiamo a cambiamenti irreversibili nelle inondazioni, innalzamento del livello del mare, acidificazione del mare e altro, con impatti secondari del cambiamento climatico come un aumento della migrazione causata da condizioni meteorologiche instabili. Gli scenari di quest’anno – e i limiti alla nostra risposta – mostrano che dobbiamo essere ancora più preparati per questi drammatici eventi meteorologici.

Una lotta efficace ai cambiamenti climatici funzionerà a livello internazionale, nazionale, regionale e locale. Il problema è che generalmente si ritiene che la lotta per il clima si svolga in conferenze internazionali più ampie. In effetti, c’è molto di più.

Allora, cosa è stato fatto a livello regionale? In questo articolo, guardiamo alla realtà della politica climatica locale – e prestiamo particolare attenzione all’esempio di Milano.

Sforzi internazionali per l’azione regionale per il clima

La politica climatica è spesso vista come dimostrazioni spettacolari o diplomazia tesa. La politica locale, nel frattempo, è considerata di breve durata, ninfa e indifferente al quadro generale. Entrambe le immagini sono false – quando entrambe le posizioni sono in contatto (e Per Contatto) In un intenso lavoro per prevenire il disastro climatico.

Ci sono molti esempi di questo. Un obiettivo globale di collaborazione con i governi regionali I governi locali per la sostenibilità (ICLEI), ONG internazionale che promuove lo sviluppo sostenibile. Hanno una rete di 2.500 governi locali e regionali dedicati allo sviluppo urbano sostenibile, attivi in ​​più di 125+ paesi, inclusa l’Italia. Il loro obiettivo è influenzare la politica di sostenibilità e promuovere l’azione locale.

READ  L'Italia si inginocchierà prima dello scontro con il Belgio come "simbolo di unità" - ma la nazionale "non supporta Black Lives Matter"

Un altro esempio di politiche e lavori incentrati sull’UE a livello regionale è il Gruppo europeo delle regioni. È all’interno del gruppo Commissione per l’ambiente, i cambiamenti climatici e l’energia (ENVE), Associato all’accordo dei sindaci, è un’iniziativa guidata dalle autorità locali e regionali nella lotta per migliori politiche climatiche ed energetiche.

Ma un grosso problema ostacola molte di queste commissioni, istituzioni e iniziative: non sono obbligatorie. Invece, si basano sull’idea che dovrebbe esserci una comprensione generale generale che il cambiamento climatico è qui e serio. Tuttavia, non possono fare molto per coinvolgere gli altri. Questa è un’altra discussione in arrivo Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) Succede a Glasgow nel novembre 2021.

Rivedere il clima

Questa primavera, Rivedere il clima -Un’organizzazione no-profit guidata da giovani che lavora per migliorare la comunicazione ambientale ha vinto la chiamata Ondata di cibo, Promosso dal Comune di Milano, per organizzare una serie di attività di strada per coinvolgere i cittadini locali in attività climatiche. Durante queste attività, ho avuto l’opportunità di intervistare Climate per un prossimo documentario sulla chiamata per il Chief Flexibility Officer del Comune di Milano, Piero Belisaro.

Piero è a capo di un ufficio unico: il Dipartimento per le Città Flessibili della Direzione per il Cambiamento Ambientale. Non troverete un tale ufficio in nessun altro comune d’Italia. “Questa iniziativa è nata dalle lotte studentesche che hanno portato alla dichiarazione di un’emergenza climatica comunale”, spiega Piero. Da allora, il suo dipartimento ha fatto molto. “Abbiamo lavorato per tassare i veicoli inquinanti che entrano nella città di Milano, aumentare i trasporti pubblici con l’elettricità e regolamentare per legge che ogni neonato debba piantare un nuovo albero”.

Un passo Studio raccolto dal comune, I milanesi ne sono particolarmente consapevoli Temi sui cambiamenti climatici e l’ambiente. Circa il 96% ritiene che il clima stia cambiando e il 95% sa che l’atmosfera inquinata influisce sui cambiamenti climatici. L’aria inquinata è infatti una delle maggiori preoccupazioni dei cittadini che vivono in questa metropoli.

READ  Abraham è venuto in Italia per trasferire 34 milioni alla Roma

Comunicare la crisi

“È importante comunicare le nostre decisioni”, spiega Piero. “Ma dobbiamo evitare di entrare in discussioni o critiche inutili. È impossibile accontentare ogni cittadino con i risultati. Ma stiamo lavorando per migliorare il benessere dei cittadini e dell’ambiente. Ad esempio negli anni ’90 avevamo 89 auto per ogni 100 persone, ora abbiamo 49 auto ogni 100 persone Abbiamo migliorato il traffico e le piste ciclabili.

Durante le epidemie pubblicate dal Comune di Milano, per sostenere il suo sforzo di informare la città del suo operato Una dichiarazione, Oltre 1.000 pagine, che descrivono i miglioramenti ambientali della città. In risposta, il pubblico può leggere, partecipare e commentare durante le sessioni in diretta con esperti comunali, per poi pubblicare eventuali commenti e correzioni sul portale ufficiale.

Questo lungo rapporto è un esempio di questi passaggi A cura del Comune Migliorando la qualità dell’aria, non solo riduciamo la quantità di CO2 che produciamo, ma riduciamo anche il nostro consumo di energia. Un altro progetto ambizioso ForestomiaSembra che entro il 2030 ci saranno 3 milioni di alberi nell’area metropolitana di Milano, circa un albero per cittadino. Inoltre, questo progetto contribuisce a ridurre l’inquinamento acustico riscontrato nelle aree urbane perché la presenza di aree verdi riduce il numero di auto circolanti ma esalta l’eventuale rumore.

Milano è un grande traguardo che include sforzi per comunicare le sue intenzioni ai suoi cittadini. Tuttavia, Piero è d’accordo sul fatto che potrebbe lasciare le persone non interessate all’argomento. “La comunicazione è cambiata. I cittadini ora possono cercare le loro informazioni online senza dover aspettare che i comuni li informino, come hanno fatto negli anni ’70. Ci deve essere una partnership, non solo interessi personali”.

Azione regionale: una svolta?

Il Città di Milano Unica città in Italia a raggiungere gli obiettivi fissati nell’Accordo di Parigi. Il cambiamento è possibile, ma c’è ancora molto da fare: c’è un maggiore senso di urgenza nell’essere così inattivi. Dagli anni ’90 Il Milan ha raddoppiato il numero di giorni consecutivi senza pioggia. Le recenti alluvioni in Germania e Belgio, nel frattempo, sono viste come un paradosso, dimostrazioni che dobbiamo prevenire anche eventi che non abbiamo mai visto prima. Il lavoro di Piero dimostra che dobbiamo farlo insieme.

READ  La povertà estrema dilaga in Italia a seguito della tragedia del COVID

Nonostante i numerosi sforzi a livello globale, non dobbiamo dimenticare che l’azione per il clima è essenziale a tutti i livelli. Questo non è un compito facile. Il cambiamento climatico influenzerà il modo in cui viviamo e accadrà ogni giorno. Serve un intervento regionale e come cittadini possiamo fare pressione sull’amministrazione locale.

Sostieni il nostro progetto indipendente!

La stampa italiana è nata dall’idea di due amici che credevano che in Italia non esistesse una fonte di informazione completa, profonda, in inglese. Sebbene alcune pubblicazioni facciano un ottimo lavoro, riteniamo che scrivere sulle ultime notizie o concentrarsi su aree di interesse specifiche richieda altri tipi di approfondimenti di qualità per comprendere meglio la complessità di un paese. Per i titoli dei nostri politici all’estero o per i classici cliché di viaggio. Per questo la stampa italiana è interessata a trattare le tematiche italiane in modo completo a lettori stranieri, professionisti, stranieri e giornalisti. Tuttavia, essendo appena agli inizi, abbiamo deciso di non scegliere alcun compenso, quindi ci autofinanziamo il progetto attraverso annunci, promozioni e donazioni. Ciò significa che quando lo sforzo è grande, possiamo certamente essere orgogliosi della nostra linea editoriale gratuita e gratuita. Ciò è possibile soprattutto grazie ai nostri lettori che speriamo possano ispirare i nostri articoli. Ecco perché ti chiediamo gentilmente di considerare il tuo importante contributo, che aiuterà a far crescere questo progetto – nella giusta direzione. Grazie.