octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Australia Covid-19: Sydney si apre e inizia a convivere con il coronavirus nel “Freedom Day”

Le cose sono cambiate lunedì quando Sydney, la città più grande dell’Australia e capitale del Nuovo Galles del Sud, è emersa da un rigoroso blocco imposto a giugno per contenere l’epidemia nella regione del Delta.

McTighe si è detta “eccitata” di ricominciare la sua vita e vedere i suoi cari, ma è preoccupata per ciò che la presenza di Covid-19 nella comunità potrebbe significare per la città di 5,3 milioni di persone.

“Penso che finché tutti non avranno una migliore comprensione di questa cosa e di come cambia costantemente, dovremmo preoccuparci”, ha detto.

Per più di 18 mesi, l’Australia si è isolata dal mondo, ha chiuso i confini e imposto rigidi blocchi per arginare l’epidemia di Covid-19 nel tentativo di arginare il virus.

Ora, l’Australia sta emergendo da La cosiddetta “grotta” e prova a conviverci.

Da lunedì, i residenti di Sydney completamente vaccinati, che costituiscono oltre il 70% degli adulti della città, possono tornare a ristoranti, bar e palestre – e molti come McTighe possono ora riunire i propri cari in un hospice dopo mesi di separazione.

Ma tutta questa libertà guadagnata duramente avrà un costo: i modelli nazionali suggeriscono che Sydney vedrà migliaia di nuove infezioni e morti inevitabili.

Rimangono interrogativi su come il sistema ospedaliero gestirà qualsiasi ondata di nuovi casi, l’impatto su coloro che sono a rischio e quanto velocemente Sydney possa adattarsi alla convivenza con il Covid.

Quello che accadrà dopo sarà fondamentale sia per la città che per l’Australia. Ma anche altri paesi senza Covid nella regione dell’Asia del Pacifico guarderanno da vicino per vedere se Sydney può riuscire a mantenere il numero di casi e decessi abbastanza bassi da evitare il sovraffollamento degli ospedali, consentendo comunque la ripresa del lavoro e la continuazione della vita delle persone. .

Fine zero covid

Per il primo anno della pandemia, l’Australia è stato uno dei pochi paesi principali a tenere sotto controllo il Covid-19, con rigide restrizioni alle frontiere, quarantene obbligatorie e blocchi temporanei.

Ma a giugno, un’epidemia nella regione del Delta di Sydney si è rapidamente diffusa nella vicina Victoria e nell’Australian Capital Territory (ACT).

I ritardi nel rilascio della vaccinazione in Australia, dovuti in parte alle scarse forniture, hanno reso la popolazione vulnerabile, costringendo le autorità a imporre blocchi locali.

Analisi: l'Australia ha battuto il mondo con il suo blocco Covid.  Ora è profondamente diviso su come riaprire

Ha detto Marie-Louise McLaws, professore di epidemiologia delle malattie infettive presso l’Università del New South Wales (Università del New South Wales).

Con l’aumento del numero dei casi, è diventato chiaro che tenere le persone in casa non è sostenibile, per motivi economici e sanitari, e le autorità australiane hanno escogitato un piano per vaccinare il paese fuori dalla pandemia.

READ  Scuola residenziale in Canada: i funzionari scoprono centinaia di tombe senza nome nell'ex scuola residenziale indiana Marivalval

Una volta risolti i primi problemi di approvvigionamento, il programma di vaccinazione ha iniziato ad andare oltre la linea di fondo.

La scorsa settimana, il Nuovo Galles del Sud è diventato il primo stato a raggiungere l’obiettivo della doppia vaccinazione del 70%. Altri stati dovrebbero raggiungere quel numero nelle prossime settimane ed entro la fine dell’anno l’intero paese dovrebbe aprirsi.

Ma gli esperti avvertono che non è privo di potenziali rischi e alcune persone si assumono più rischi di altre.

riapertura dell’australia

Il piano di riapertura dell’Australia si basa sui tassi di vaccinazione per adulti complessivi di ciascuno stato, ma le statistiche sulle vaccinazioni non sono distribuite uniformemente.

Secondo i dati del governo, in alcune aree della periferia di Sydney, i tassi di vaccinazione completa raggiungono il 30%.

Anche i popoli indigeni nello stato sono dietro i numeri in tutto lo stato. Ad esempio, a partire dal 6 ottobre, meno della metà della popolazione indigena di età pari o superiore a 15 anni nella costa centrale del Nuovo Galles del Sud aveva ricevuto due dosi del vaccino. Questo è un problema perché gli indigeni hanno generalmente più problemi di salute cronici rispetto agli altri indigeni, il che li espone a un rischio maggiore di sviluppare complicanze da Covid.

Anche i giovani sono una preoccupazione. Nel NSW, solo il 58% delle persone di età compresa tra 16 e 29 anni è stato completamente vaccinato, il livello più basso in qualsiasi fascia di età oltre alle persone di età compresa tra 12 e 15 anni, a cui sono state vaccinate solo di recente.

I clienti fanno la fila per entrare in un negozio a Sydney l'11 ottobre, dopo più di 100 giorni di chiusura.

McLaws dell’Università del New South Wales ha affermato che è probabile che i giovani siano tra i primi a sfruttare le offerte di riapertura delle libertà, quindi assicurarsi che siano completamente vaccinati è particolarmente importante.

L’ho paragonato a macchie di fuoco secco che, se ignorate, potrebbero alla fine portare a un incendio boschivo. “Voi giovani, accendono il fuoco, e poi quei gruppi a rischio … sono i vulnerabili, gli indigeni e in generale le aree regionali fuori dalle grandi città”, ha detto.

I severi controlli alle frontiere e le misure di quarantena dell’Australia hanno permesso al paese di evitare il caos che altri paesi hanno vissuto nel 2020, quando i casi di Covid sono passati dagli ospedali a unità mediche improvvisate.

Tuttavia, nonostante 18 mesi di preparazione, i gruppi sanitari hanno avvertito che il sistema ospedaliero del NSW potrebbe non essere in grado di far fronte a un’ondata di nuove infezioni.

Il volo di ritorno da Qantas stabilisce un record mondiale di volo

Il mese scorso, la NSW Nurses and Midwives Association ha esortato il governo statale ad aumentare i livelli di personale, citando ricerche che dimostrano che il sistema era sotto pressione anche prima della recente epidemia di Covid-19.

READ  La Cina orientale si prepara al tifone Infa dopo le inondazioni nel Paese centrale

E giovedì, dopo che il nuovo primo ministro del New South Wales ha annunciato un piano di riapertura più rapida, Omar Khurshid, presidente dell’Australian Medical Association, ha esortato le autorità a non essere “sconsiderate”.

“I risultati finali dell’apertura troppo rapida o troppo presto saranno morti evitabili e reimposizione di chiusure e altre restrizioni – cose che nessuno nel NSW vuole vedere”, ha affermato in una nota.

“Sydney deve cogliere questa opportunità per mostrare al resto del Paese come convivere con il COVID proteggendo la salute e l’assistenza sanitaria”.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha affermato che gli stati del Paese hanno 18 mesi per prepararsi ai casi di Covid più elevati e “la pianificazione è buona”.

Ha anche esortato gli australiani a svolgere un ruolo nell’alleviare la pressione del regime.

“Dove non ci sono casi, o se ce ne sono 500, o davvero 1.500 al giorno. La cosa migliore che puoi fare per supportare gli infermieri e tutto il personale ospedaliero è farsi vaccinare”, ha detto.

Un medico somministra il vaccino Pfizer a un cliente presso il centro di vaccinazione Belmore Sports Ground il 3 ottobre a Sydney, in Australia.

Dare un “buon esempio”

L’Australia ha iniziato la transizione da zero Covid alla convivenza con il virus con un alto tasso di vaccinazione, ma non è il primo paese della regione a farlo.

A giugno, il governo di Singapore ha annunciato che si concentrerà sulla riduzione dei casi gravi di Covid-19 e sulla riduzione dei ricoveri ospedalieri piuttosto che dei tassi di infezione. Singapore ha uno dei tassi di vaccinazione più alti al mondo: l’83% della sua popolazione totale è completamente immunizzata.

Ma dopo aver iniziato ad allentare le restrizioni, Singapore ha visto i casi di Covid-19 salire ai suoi numeri più alti dall’inizio della pandemia. All’inizio di ottobre, il Paese ha reimposto alcune restrizioni per frenare l’aumento dei contagi e allentare la pressione sul sistema sanitario.

Nell’ultima settimana, il numero di persone autorizzate a riunirsi è stato ridotto da cinque a due, il lavoro da casa è diventato la norma e le lezioni sono state sospese o spostate online per gli studenti di età inferiore ai 12 anni.

Anche l’Australia si aspetta che il numero di casi aumenti, e questo è inevitabile poiché le persone iniziano a mescolarsi, anche se seguono altri consigli sulla salute pubblica, compreso l’uso di maschere.

Il premier del New South Wales Dominic Beirut ha ricevuto un taglio di capelli l'11 ottobre, dopo che le restrizioni relative al Covid-19 sono state allentate nello stato.

Il modello nazionale del Doherty Institute prevede che con “misure parziali di salute pubblica” e un tasso di raddoppio delle vaccinazioni del 70%, i numeri potrebbero salire a 385.000 casi e 1.457 decessi in sei mesi, più del bilancio totale dell’Australia sull’intera pandemia. Ha aggiunto che una maggiore vigilanza può portare a una diminuzione di questi numeri.

READ  La scoperta dei telefoni di nove attivisti del Bahrein hackerati con lo spyware NSO | i due mari

Prima della riapertura, i leader australiani erano desiderosi di preparare i propri cittadini a ulteriori morti, definendolo il costo di un ritorno alla normalità.

Ma come Singapore, l’Australia non ha escluso di reintrodurre restrizioni più severe se i casi aumentano troppo rapidamente.

Oltre a Singapore e Australia, Nuova Zelanda, Thailandia e Vietnam hanno tutti parlato di abbandonare la strategia di eradicazione della malattia. In alcuni di questi luoghi, ciò ha già suscitato preoccupazione: in Nuova Zelanda, i commentatori hanno sollevato la preoccupazione che la mossa potrebbe significare un disastro per i più vulnerabili del paese.

Gli esperti hanno affermato che i paesi della regione guarderanno a Sydney per vedere come ha riaperto e per imparare dai suoi errori.

La Nuova Zelanda abbandona la strategia zero-covid perché la variabile delta si rivela difficile da eliminare

E non solo altri paesi: Morrison è desideroso di andare avanti rapidamente con la riapertura a livello nazionale e altri stati e territori australiani seguiranno da vicino il NSW.

Victoria, il secondo stato più grande dell’Australia, sarà probabilmente il prossimo stato a riaprire più tardi ad ottobre.

Paul Griffin, direttore delle malattie infettive presso Matter Health Services, ha affermato che altri governi sarebbero particolarmente interessati a come il sistema sanitario di Sydney continua dopo la riapertura.

“Non credo che i numeri dei casi saranno la metrica principale”, ha detto. “Penso che sarebbero segni di malattia significativa, ricoveri in terapia intensiva e, naturalmente, il tasso di mortalità”.

Ha detto che se gli ospedali fossero sopraffatti dalle infezioni e non fossero in grado di svolgere in sicurezza i normali servizi, sarebbe una “bandiera rossa”.

McTeigh, che ha sede a Sydney, ha affermato di ritenere ancora che il blocco originale fosse necessario e non si aspettava che le riaperture fossero necessariamente fluide: potrebbe esserci un picco nei casi e una reimposizione delle restrizioni, ha affermato.

Ma per ora, ha detto, è molto entusiasta di vivere di nuovo una “vita normale”.

“Puoi vedere una piccola luce alla fine del tunnel.”