septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Atleti-presidente olimpico italiano Jacobs esplose con sospetti di doping

Olimpiadi di Tokyo 2020 – Atletica leggera – 100 m maschili – Medal Festival – Stadio Olimpico, Tokyo, Giappone – 2 agosto 2021. Medaglia d’oro, Lamond Marcel Jacobs d’Italia sul palco REUTERS / Dylan Martinez

3 agosto (Reuters) – Il presidente del Comitato olimpico italiano (Coni) Giovanni Malago ha dichiarato martedì che lo scandalo doping che ha colpito il campione olimpico italiano dei 100 metri Lamont Marcel Jacobs è stato imbarazzante e spiacevole.

Jacobs ha vinto l’oro colossale domenica, stabilendo un tempo record europeo di 9,80 secondi nella finale showcase a Tokyo, anche se non è arrivato entro 10 secondi fino a quest’anno.

Tuttavia, il 26enne vincitore inaspettato ha scritto che il Washington Post “mette in dubbio l’improvviso ed enorme progresso della storia dell’atletica leggera”, citando precedenti casi di doping.

“Jacobs merita il beneficio del dubbio, ma questo non si applica al suo gioco”, ha aggiunto l’articolo.

Il Times ha scritto che la storia oscura dell’atletismo con il doping era “sospetto dell’arrivo di una nuova stella”.

Ma Malako esplose con qualsiasi suggerimento di fare un errore.

“I commenti di alcuni tuoi colleghi sono molto tristi e imbarazzanti sotto ogni punto di vista”, ha detto Malako Roy a Radio 1.

“Stiamo parlando di atleti che, in questo caso, sono sottoposti a test antidoping sistematici e quotidiani.

“Quando stabilisci un record nazionale o continentale, quel numero raddoppia, quindi ha detto che il numero di assegni è stato impressionante.

“È davvero spiacevole. Mostra come alcune persone non possono accettare il fallimento”.

Jacobs è stato uno dei tanti atleti di punta a indossare le nuove Running Spike con suole in carbonio che “migliorano le prestazioni” mentre vincono l’oro.

READ  Cosa devi sapere sul gelato Lokavoor in Italia

Gli atleti di Tokyo hanno elogiato la pista veloce, che ha stabilito record mondiali, continentali e nazionali dallo sprint alla media distanza.

Segnalato da Christian Ratnetz Alastair McKenzie Editing

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.