octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Apple ha realizzato più entrate di gioco nel 2019 rispetto a Nintendo, Sony e Microsoft messe insieme

Foto: Nintendo Live

La fiorente posizione di Nintendo nel mercato dei videogiochi è una buona notizia per i fan di lunga data dell’azienda giapponese. Dopo aver superato la tempesta dell’era Wii U, la strategia “ibrida” rifocalizzata di Nintendo ha dato i suoi frutti così bene che Switch rimane uno dei prodotti tecnologici più in voga sul mercato, anche dopo più di quattro anni di vendita. Questa settimana, l’azienda rilascia un file Interruttore OLED, un aggiornamento iterativo che dovrebbe aumentare le vendite di hardware mentre ci avviciniamo al 2022.

Tuttavia, un recente rapporto di Il giornale di Wall Street Mette in prospettiva il successo di Nintendo. Secondo l’agenzia di stampa, i dati pubblicati nell’ambito dell’ultimo esperimento antitrust di Apple hanno rivelato che nel 2019 ha realizzato più profitti operativi dai giochi rispetto a Nintendo, Microsoft, Sony e Activision Blizzard messi insieme.

Il totale è stato di ben 8,5 miliardi di dollari, anche se vale la pena notare che Apple ha affermato che i margini operativi discussi durante il processo non erano corretti e quindi il numero è troppo alto. Anche se lo si considera, è chiaro che Apple produce una buona quantità di giochi, il che è ironico se si considera che non ne realizzano nessuno.

Il numero impressionante è generato dal 30% che Apple ottiene da tutti gli acquisti digitali tramite il suo App Store, utilizzato su milioni di dispositivi in ​​tutto il mondo, inclusi iPhone, iPad e laptop. Anche Nintendo contribuisce a questo numero, come molti dei suoi giochi – Super Mario Rune Animal Crossing: Pocket Camp e Pokemon GO (Nintendo è un proprietario parziale di The Pokémon Company) – Disponibile su iOS.

READ  Il prossimo evento Galaxy Unpacked di Samsung è l'11 agosto

Vale la pena notare che il “limite” delle vendite digitali di Apple si crede sia lo stesso di quello di Nintendo sull’eShop, e resta inteso che il proprietario della piattaforma deve prelevare una quota da ogni vendita effettuata sulla propria piattaforma. La differenza qui, ovviamente, è che mentre Nintendo ha venduto un ottimo pezzo 90 milioni di switch negli ultimi 4 anniApple ha venduto 196,9 milioni di iPhone solo nel 2020. Il numero di dispositivi iOS in uso attivo oggi farebbe impallidire completamente la base di installazione di Switch, il che è un profitto sbalorditivo che Apple può ottenere dai giochi.

La posizione di Apple era recentemente sfidato Da Epic Games, il produttore di È un gioco elettronico, Quale Ha intentato una causa contro AppleSostiene di monopolizzare il modo in cui il software viene venduto sui suoi dispositivi costringendo sviluppatori ed editori a utilizzare il suo sistema di acquisto in-app. Fortnite è gratuito e conta sugli acquisti in-app per realizzare un profitto, acquisti soggetti allo sconto del 30% di Apple.

Nell’esperimento, Apple ha sottolineato il fatto che i proprietari di altre piattaforme, come Google e Microsoft, utilizzano esattamente lo stesso sistema. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Yvonne Gonzalez Rogers è stato per lo più d’accordo, ma ha anche ordinato che Apple consenta agli sviluppatori di offrire metodi di pagamento all’interno delle proprie app, metodi di pagamento che eluderebbero l’App Store di Apple ed eviteranno un taglio del 30%.

Ciò significa che giochi come Fortnite possono generare milioni per i loro editori iOS senza dare un centesimo ad Apple, e questo potrebbe portare a Ramificazioni a lungo termine Per i possessori di altre piattaforme, inclusa Nintendo.

READ  La regione di Donkey Kong del Super Nintendo World potrebbe essere già in costruzione