septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Angelina Jolie parla di Harvey Weinstein, tutore della custodia con Brad Pitt – The Hollywood Reporter

Angelina Jolie Affronta le accuse di abusi che ha commesso contro Brad Pitt durante una battaglia per la custodia e parla pubblicamente della sua decisione di lavorare con lo stupratore condannato ed ex produttore cinematografico Harvey Weinstein dopo un incontro negli anni ’90 che ora dice “traffico aggirato”.

in un custode intervistare Sul suo nuovo libro Conosci i tuoi diritti e rivendicaloPer la cui pubblicazione la Jolie ha collaborato con Amnesty International, l’attrice tocca una serie di questioni tra cui il suo lavoro con gli sfollati in Siria, Sierra Leone, Iraq e Afghanistan e il suo divorzio da Pitt, che secondo lei l’ha lasciata “in frantumi”.

Ma Jolie ha detto che parte della sua decisione di lavorare al libro è arrivata dopo un’esperienza negli Stati Uniti che ha avuto con i suoi figli, prima di parlare più apertamente di una battaglia per la custodia con Pete, ammettendo che era “ancora nella mia situazione legale” e “Non posso parlarne.”

“Non sono il tipo che prende decisioni come quelle che dovevo prendere alla leggera. Mi ci è voluto molto per trovarmi in una situazione in cui sentivo il bisogno di separarmi dal padre dei miei figli”, dice Julie a un certo punto.

Dopo aver dichiarato di aver giurato di tacere sulla questione dell’affidamento, l’attrice ha “annuito” alla fine [to the Guardian reporter over Zoom] Ha sottolineato che molte delle dichiarazioni che ha fatto si riferiscono al suo divorzio e alle accuse di violenza domestica prima della sua partecipazione che teme per la sicurezza dei suoi figli. “Sì, alla mia famiglia, Julie ha risposto a tutta la mia famiglia.

READ  Il chitarrista si dimette dai Mumford & Sons per parlare liberamente di politica

Mentre si dice che vada avanti e indietro sul fatto che si senta a suo agio a parlarne, alla fine Jolie dice che vuole che la sua famiglia guarisca e che tutti si facciano avanti, incluso Pete. “Non è che io voglia davvero parlare di qualcosa, perché voglio solo che la mia famiglia guarisca. E voglio che tutti vadano avanti, tutti noi, compreso il loro padre. Voglio che guariamo e siamo in pace. Lo faremo sempre essere una famiglia”.

Durante l’intervista ad ampio raggio, Jolie ha anche parlato della sua esperienza di lavoro con Weinstein e delle molestie sessuali che ha dovuto affrontare, entrando più nel dettaglio delle sue dichiarazioni originali fatte in ottobre 2017 Il New York Times Rapporto, che l’attrice ha affermato durante il suo lancio giocare con il cuore Alla fine degli anni ’90, un ex produttore di Hollywood caduto in disgrazia le fece avances indesiderate in una stanza d’albergo, che lei rifiutò.

Jolie ha detto in una dichiarazione che ha inviato via email a volte.

In quale custode In un’intervista, ha detto che le donne spesso minimizzano le aggressioni se scappano da loro. “Se ti porti fuori dalla stanza, pensi che ci abbia provato ma non l’ha fatto, giusto? La verità è che provare e provare è un’aggressione.”

Ha continuato spiegando che i “risultati” di Weinstein sono andati oltre i “passaggi” e ha dovuto fuggire fisicamente da loro. Julie dice che era anche qualcosa che Pete sapeva. “Sono rimasto lontano e ho avvertito le persone. Ricordo di aver detto a Johnny… [Lee Miller]Il mio primo marito, che era bravissimo, a spargere la voce tra gli altri uomini – non lasciare che le ragazze vadano da sole con lui. mi è stato chiesto di fare il pilota, ma ho detto di no perché era coinvolto. Non ho mai più condiviso o lavorato con lui. È stato difficile per me quando Brad lo ha fatto”.

READ  The Weeknd acquista 70 milioni di dollari di proprietà immobiliari di Bel Air

Come sottolinea l’articolo, Pete, che attualmente lavora come produttore Lei dissefilm su Il New York Times I corrispondenti Megan Toohy e Judy Kantor e la loro mostra storica 2017 – recitano in loro Bastardi senza gloriaFilm di Quentin Tarantino del 2009 distribuito e cofinanziato da The Weinstein Company. Secondo Jolie, avrebbe anche contattato la produttrice, contro la sua volontà, per lavorare al thriller Uccidili in silenzioDistribuito da The Weinstein Company. in un Intervista di settembre 2019 alla CNN, ha parlato del confronto con Weinstein dopo che il produttore ha fatto progressi verso l’allora fidanzata di Pete, Gwyneth Paltrow.

Quanto a come Julie e Pitt – che hanno finito? divorzio Nel 2019, lavorando al lavoro dell’attore con Weinstein, Jolie ha dichiarato: “Abbiamo combattuto per questo. Certo che fa male”.

Il giornalista di Hollywood I rappresentanti hanno contattato Pete per un commento.