septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Alyssa Clark ha corso 95 maratone in 95 giorni

Quando Alyssa Clark ha iniziato a correre maratone quotidiane all’inizio del 2020 come modo per affrontare i blocchi di COVID-19, non aveva intenzione di stabilire un record mondiale.

L’insegnante di liceo e corridore professionista di 28 anni viveva in Italia, dove suo marito era assegnato alla Marina degli Stati Uniti, quando è iniziata la pandemia.

“Quando abbiamo iniziato a entrare nelle fasi dell’autoisolamento, non mi aspettavo che ci sarebbe stato impedito di correre o camminare fuori”, ha detto Clark a TODAY Health, aggiungendo che con la diffusione del virus Corona nel nord Italia, il governo aveva preso misure rapide” e “misure necessarie per mantenere il resto al sicuro”. “Siamo passati dall’essere in grado di viaggiare, correre, camminare liberamente e rimanere confinati nelle nostre case, e possiamo viaggiare solo da e per il lavoro, fare la spesa o in ospedale”.

Clark, che è stata una velocista sin dai tempi del liceo, ha assistito all’annullamento di tutte le gare che aveva in programma di correre.

“Mi sono allenato per queste gare tutto l’inverno e mi sentivo molto preparato per la competizione, quindi sentivo di aver bisogno di qualcosa per testare la forma fisica che avevo sviluppato”, ha detto.

Dopo aver parlato con il suo allenatore, Clark ha corso la sua prima maratona il 31 marzo 2020 sul tapis roulant.

“Alcune restrizioni avrebbero dovuto essere revocate il 14 aprile, quindi ho pensato di correre circa 15 maratone”, ha spiegato Clark. “Ma quando è stato esteso al 1 maggio, il gioco era attivo”.

In Italia, i blocchi hanno continuato a estendersi e Clark ha continuato a operare. Secondo il Guinness World Records, completa la maggior parte delle sue corse al mattino, iniziando intorno alle 7:30 del mattino e terminando a mezzogiorno.

READ  Perché i Patriots e i Rams hanno dovuto cambiare le condizioni commerciali per Sony Michel?

“Non l’ho mai corso pensando che avrei corso 100 maratone”, ha detto, aggiungendo che sa che il record di maratone consecutive è di 60. “Quindi ho preso ogni maratona come un regalo e non l’ho mai data per scontata”.

Alyssa Clark ha iniziato a correre maratone quotidiane per testare la sua forma fisica durante i blocchi COVID-19 in Italia.Per gentile concessione di Alyssa Clark

Il 10 maggio 2020, le sanzioni italiane sono state revocate e Clark, che si sentiva ancora bene, ha iniziato a correre fuori, ma aveva le sue regole.

“(Ho detto) non metterei un peso sul sistema medico con le mie maratone”, ha detto. “Ho assolutamente smesso di causare lesioni o malattie.”

Sean Anthony, un chirurgo ortopedico specializzato in medicina sportiva al Mount Sinai di New York, ha detto a TODAY Health che c’è un “rischio maggiore di lesioni” con la corsa frequente, perché non c’è abbastanza tempo per riprendersi.

“Le maratone e le ultramaratone mettono a dura prova il corpo”, ha detto Anthony a TODAY, aggiungendo che muscoli, tendini, legamenti e cartilagine sopportano tutti il ​​peso maggiore. “Durante l’allenamento, oltre a correre la maratona stessa, c’è una rottura muscolare che richiede il processo di recupero dopo la corsa”.

Nel bel mezzo delle maratone quotidiane, il marito di Clark è stato resettato e la coppia è tornata negli Stati Uniti. Durante il pendolarismo internazionale, ho percorso miglia intorno a una base aerea in Germania, Virginia, Carolina del Sud e Florida, percorrendo 26,2 miglia giornaliere registrate da Garmin.

“Non mi sono mai arreso”, ha detto Clark a TODAY. “Ho anche cercato di celebrare i traguardi nelle maratone e nelle maratone che sono importanti. Ascoltare gli altri ispirati dalle maratone è stato molto motivante per me per andare avanti”.

READ  Fernando Tates Junior segna 3 partite casalinghe contro il terzino D

All’inizio di luglio, Clark si stabilì nella sua nuova casa a Panama City, in Florida, e iniziò a sentirsi male.

“Il mio petto era molto stretto e ho perso l’appetito”, ha detto. “Ero molto determinato che se mi fossi esposto a qualche tipo di rischio per la salute a lungo termine – e questo avrebbe incluso un onere per il sistema sanitario – avrei finito”.

Dopo la 95a Maratona, il viaggio di Clark si è concluso quando le è stato diagnosticato il COVID-19.

“Ero triste che fosse finita, ma non ero delusa perché non erano 100”, ha detto. “L’ultima volta che ho completato, ho corso con mio marito. Ha corso con me le ultime 4 o 5 miglia… ha finito come ha iniziato, senza troppa fanfara”.

Anthony ha detto a TODAY che la diagnosi di Clark non è fuori dall’ordinario.

“Il sistema immunitario è anche influenzato dalla corsa intensa ed è soppresso, quindi i corridori e gli atleti d’élite sono più suscettibili a raffreddori e infezioni”, ha spiegato. “Sottolinea l’importanza di un adeguato riposo e recupero dopo un intenso esercizio fisico”.

Lo specialista del Monte Sinai ha detto che di solito raccomanda da 7 a 10 giorni di recupero dopo periodi prolungati.

“Vuoi dare ai muscoli e a tutto il corpo il tempo di riprendersi”, ha detto Anthony.

L’11 agosto 2021, dopo aver presentato una “grande serie di documenti per renderlo ufficiale”, Clarke è stata nominata detentrice del Guinness World Record per le donne. La maggior parte dei giorni consecutivi di corsa su una distanza di maratona, titolo precedentemente detenuto dalla britannica Alice Birch con 60 maratone.

“Non ho mai pensato di stabilire un record”, ha detto dalla sua nuova casa a Monterey, in California. “Speravo solo di ispirare le persone a fare un passo avanti rispetto a quanto pensavano possibile. Penso che sia davvero importante, soprattutto per le ragazze più giovani, avere dei modelli da imitare… Spero che questo disco sia qualcosa che prima o poi dopo”.

READ  Il futuro contatto dovrebbe essere elettrico?