agosto 15, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Almeno due specie di ominidi vivevano nel sito di Laetoli 3,6 milioni di anni fa

Ingrandisci / Un parente umano ha lasciato queste cinque tracce in uno strato di sedimenti di 3,6 milioni di anni nel sito fossile di Laetoli in Tanzania.

Meknot et al. 2021

La prima prova che i parenti umani camminano su due piedi proviene da circa 70 impronte lasciate da almeno due Australopithecus afarensis Camminare attraverso la fine cenere vulcanica circa 3,6 milioni di anni fa. un. afarensis L’ominide era basso con una mascella inferiore prominente, che camminava eretta ma probabilmente trascorreva un po’ di tempo tra gli alberi; Il membro più famoso di questa specie è una donna fossilizzata ora chiamata Lucy.

Non lontano da questo sito, un’altra serie di impronte rivela che Lucy e i suoi parenti potrebbero aver vissuto accanto a un altro ominide, uno che si muoveva in modo molto diverso.

Impronte dimenticate

Quando le impronte furono individuate per la prima volta nel 1976, i paleoantropologi che le scoprirono dal cosiddetto sito A non erano sicuri di cosa fare. Mary Leakey, una paleoantropologa, ha suggerito che potrebbero essere le traiettorie degli ominidi, ma altri non ne erano così sicuri. Un antropologo ha persino suggerito che le tracce potrebbero essere state lasciate da un piccolo orso che camminava sulle zampe posteriori per alcuni passi.

Due anni dopo, Leakey e i suoi colleghi hanno scoperto il mio gruppo un. afarensis tracce al sito G; L’ormai famoso sentiero è stata una scoperta abbastanza eccitante da sopraffare completamente il Sito A. L’antropologo Ellison McNutt dell’Università dell’Ohio e colleghi hanno rivisitato il sito A e i suoi cinque monumenti utilizzando le osservazioni sul campo di Leakey e colleghi per trovare il sito (non è lontano da un percorso di elefanti altrettanto antico). Hanno scavato nuovamente le impronte, le hanno ripulite con cura e le hanno registrate utilizzando la fotogrammetria 3D, una tecnologia che utilizza immagini multidimensionali di un oggetto per mappare il corpo nello spazio tridimensionale.

READ  Avanza su un gigantesco razzo lunare SLS, un incontro ravvicinato con Ganimede e un episodio di un'eclissi di fuoco

Dopo aver misurato le impronte e confrontato con le tracce degli umani moderni, gli antichi ominidi amano un. afarensisE scimpanzé e orsi, McNaught e i suoi colleghi hanno concluso che le impronte appartenevano a ominidi, ma appartenevano a una specie diversa da Lucy e dai suoi parenti.

Non hai camminato su due gambe per una volta

McNutt e colleghi non sanno quale specie di ominidi possa aver lasciato le cinque impronte nel Sito A, né fanno ipotesi nel loro ultimo articolo sull’argomento. Tuttavia, le impronte forniscono alcuni indizi su come si muove un individuo e sull’aspetto dei suoi piedi. Tutti coloro che hanno lasciato impronte nel Sito A erano significativamente più bassi della media un. afarensisI piedi del trackmaker erano più larghi e diversi da quelli di Lucy e delle sue compagne.

A differenza degli alluci, gli alluci delle scimmie si attaccano di lato e si muovono più liberamente delle altre quattro dita, quasi come il pollice; un. afarensisGli alluci sono ancora notevolmente attaccati di lato, anche se non come quelli di una scimmia. Gli ominidi che hanno lasciato le tracce nel sito A hanno un alluce che sembra più un pollice che un dito del piede un. afarensis.

Ma mentre le scimmie possono piegare e arricciare i piedi nel mezzo, per una maggiore flessibilità durante l’arrampicata, un. afarensis I nostri piedi sembrano essere più solidi, come i nostri, che funzionano meglio per camminare. A giudicare dalle impressioni lasciate, gli ominidi probabilmente avevano un’area del piede più flessibile, simile a quella delle scimmie, rispetto a… un. afarensis.

«Almeno due specie di ominidi con piedi e andatura diversi coesistono a Latoli», scrivono McNut e colleghi. Questo tipo si stava adattando alla vita su due gambe più o meno nello stesso momento in cui Lucy e lei un. afarensis parenti, ma le sue impronte indicano che stava prendendo un diverso percorso evolutivo.

READ  La simulazione al supercomputer spiega l'enorme potenza di un buco nero jet - conferma la teoria della relatività generale di Einstein

(Sono entrato nello studio 2018 Maggiori dettagli sulla meccanica dei passi dei nostri primi parenti.)

Vai in questa direzione?

In generale, le impronte sembrano più fatte dal piede di uno scimpanzé che da un piede umano moderno, tranne per il fatto che i talloni sono troppo larghi per uno scimpanzé. E nonostante i suoi piedi da scimpanzé, gli ominidi in realtà non lo facevano Lui cammina Come una scimmia parlante.

Quando uno scimpanzé cammina su due gambe, l’ampia gamma dei fianchi mantiene le gambe divaricate. Di conseguenza, i passi degli scimpanzé sono più larghi e più corti dei passi umani. Ma gli ominidi del Sito A si muovevano in modo diverso, tagliando un piede davanti all’altro, come se cercassero di superare il test di sobrietà del dominio del Pliocene.

«L’andatura sembra alquanto tortuosa, con un piede che incrocia di fronte all’altro», scrisse Mary Leakey nel 1976. Pochi passaggi. Gli umani moderni non camminano molto spesso in questo modo; Di solito è un modo per ripristinare l’equilibrio dopo un viaggio (il tuo fedele giornalista ha subito lievi ferite solo cercando di replicarlo).

Se un ominide nel Sito A era in grado di camminare in questo modo, affermano McNaught e colleghi, doveva possedere uno o entrambi i tratti chiave che aiutano gli umani moderni a camminare eretti. Rispetto agli scimpanzé, i fianchi sono arrotondati o rivolti verso l’interno, in modo che ci muoviamo con le gambe più vicine. e Le nostre ginocchia sono angolate che mettono i nostri piedi al di sotto del centro della massa del nostro corpo. Quindi questi tratti sono apparsi in più di una specie 3,6 milioni di anni fa, anche se i loro piedi sembrano ancora molto diversi.