octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Alle Nazioni Unite, i disordini ad Haiti, l’Etiopia solleva preoccupazione globale

I discorsi possono essere scritti, ma l’Assemblea generale delle Nazioni Unite a volte può essere l’unica finestra diretta sulle sfide regionali di interesse globale.

Sabato, i leader mondiali hanno parlato a nome di alcuni dei conflitti più instabili e tesi di oggi. Questi includono la lotta dell’India sulla regione del Kashmir con l’amaro rivale Pakistan, la ricaduta delle crisi interne ad Haiti nella crisi dei migranti al confine tra Stati Uniti e Messico e domande sul ruolo del governo etiope nelle morti legate alla carestia nella regione del Tigray.

Il primo ministro di Haiti, Ariel Henry, non ha esitato ad affrontare i disordini nel suo paese a seguito del grande terremoto e dell’assassinio del suo presidente, Jovenel Moise, negli ultimi mesi – alludendo a rapporti secondo cui Henry potrebbe essersi implicato nell’omicidio senza affrontarlo direttamente.

“Voglio sottolineare qui, su questo podio, la mia determinazione a fare tutto ciò che è in mio potere per trovare collaboratori, complici e sostenitori di questo odioso crimine. Niente, assolutamente niente, nessuna manovra politica, nessuna campagna mediatica, nessuna distrazione, può scoraggiare me da questo.” L’obiettivo: rendere giustizia al presidente Moyes”, ha detto Henry in un discorso preregistrato.

“È un debito verso la sua memoria, la sua famiglia e il popolo di Haiti”, ha detto Henry. L’indagine giudiziaria procede con difficoltà. È un crimine transfrontaliero. E per questo, cerchiamo solennemente assistenza legale reciproca. È una priorità del mio governo per l’intera nazione. E poiché questo delitto non può restare impunito e chi sono i colpevoli, tutti i colpevoli devono essere puniti».

La dichiarazione arriva giorni dopo che Henry ha licenziato il procuratore generale che aveva chiesto a un giudice di incriminare Henry Nell’omicidio di Moise, che ha sconvolto il mondo e ha impedito al Primo Ministro di lasciare il Paese.

READ  Ecco le 10 migliori destinazioni balneari per investitori con un patrimonio netto elevato

I problemi di Haiti si sono estesi oltre i suoi confini, con migliaia di immigrati in fuga negli Stati Uniti. Questa settimana, l’inviato speciale dell’amministrazione Biden ad Haiti, Daniel Foot, si è dimesso per protesta Espulsioni statunitensi su larga scala di immigrati haitiani “disumani”. Foote è stato nominato a questa posizione solo nel mese di luglio, dopo l’assassinio.

Henry ha detto chiaramente che la disuguaglianza e il conflitto guidano l’immigrazione. Ma ha smesso di criticare direttamente Washington, il cui trattamento dei richiedenti asilo haitiani ha suscitato proteste.

Henry ha detto che gli esseri umani e i genitori con bambini sfuggiranno sempre alla povertà e ai conflitti. “La migrazione continuerà finché il pianeta avrà regioni ricche, mentre la maggior parte della popolazione mondiale vivrà in condizioni di povertà, anche estrema, senza alcuna prospettiva di una vita migliore”.

È stato un netto rifiuto del vice primo ministro etiope Demeke Mekonnen, che ha respinto le preoccupazioni umanitarie sul Tigray come parte di una “campagna di propaganda storta” nell’angolo assediato dell’Etiopia settentrionale.

“L’impresa criminale e i suoi promotori hanno creato e pubblicizzato immagini orribili di incidenti falsi. Come se la vera miseria della nostra gente non fosse abbastanza, le trame sono create per corrispondere non ai fatti ma agli stereotipi precostituiti”, ha affermato Mekonnen.

L’Etiopia ha dovuto affrontare le pressioni dell’ansia globale da quando le Nazioni Unite hanno avvertito Carestia in conflitto, definendola la peggiore crisi della fame del mondo in un decennio. Sono stati segnalati casi di fame da quando il governo a giugno ha imposto quello che le Nazioni Unite chiamano un “blocco virtuale degli aiuti umanitari”.

READ  Almeno 9 chiese canadesi sono state incendiate tra la rabbia degli indigeni nei collegi

Nel suo discorso di sabato, Mekonnen ha esortato la comunità internazionale a stare lontana dalle sanzioni, evitare interferenze e adottare un “approccio costruttivo” per le sue forze belliche della regione.

Meno di 10 giorni dopo aver minacciato gli Stati Uniti, ha affermato, “le prescrizioni e le misure punitive non hanno mai aiutato a migliorare le condizioni o le relazioni”. Per imporre sanzioni al primo ministro Abiy Ahmed e ad altri leader.

Nel frattempo, il primo ministro indiano Narendra Modi ha ampiamente evitato il conflitto regionale nel suo paese, riferendosi solo a quello che sembra essere un riferimento passeggero al Kashmir, incanalando i suoi commenti attraverso la lente della crisi afgana.

Modi, che ha trascorso parte della settimana incontrando funzionari statunitensi per rafforzare i legami nell’Indo-Pacifico, misurata nella sua risposta rispetto alla pungente – seppur prevedibile – retorica del primo ministro pakistano Imran Khan che è arrivata ore prima.

Modi ha invitato la comunità internazionale ad aiutare le donne, i bambini e le minoranze in Afghanistan e ha affermato che è imperativo che il paese non venga utilizzato come base da cui diffondere il terrore.

“Dobbiamo anche essere vigili e assicurarci che nessun Paese cerchi di trarre vantaggio dalla delicata situazione lì, e la usi come strumento dei propri interessi egoistici”, ha detto in un chiaro riferimento. Per il Pakistan, stretto tra Afghanistan e India.

Venerdì, Khan Ancora una volta, il governo di Modi ha etichettato il nazionalismo indù come “fascista” e ha criticato la repressione dell’India sul Kashmir, la regione contesa divisa tra ciascun paese ma rivendicata da entrambi.

Il governo indiano ha sollevato preoccupazioni Il caos lasciato dagli Stati Uniti sulla scia del ritiro militare degli Stati Uniti dall’Afghanistan andrebbe a beneficio del Pakistan e alimenterebbe la lunga insurrezione in Kashmir, dove i militanti hanno già un punto d’appoggio.

READ  L'Australia offrirà risarcimenti a una "generazione rubata"

____

Segui Sally Ho su Twitter all’indirizzo http://twitter.com/_sallyho