octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

3 morti a Beirut negli scontri per le indagini sull’esplosione

Beirut (AFP) – Almeno tre persone sono state uccise e diverse altre ferite giovedì durante una protesta a Beirut organizzata dal gruppo armato Hezbollah e dai suoi alleati contro il giudice principale che ha indagato sulla massiccia esplosione avvenuta lo scorso anno nel porto della città, secondo il National agenzia di stampa. .

La sparatoria tra cecchini, pistole, kalashnikov e giochi di ruolo è stata una pericolosa escalation di tensione per le indagini locali.

L’eco degli spari si è sentito nella capitale, sul posto sono accorse le ambulanze e le sirene hanno suonato. Cecchini sparati dagli edifici. I proiettili sono penetrati nelle finestre degli appartamenti della zona. Un funzionario della sicurezza, che ha parlato a condizione di anonimato, ha detto che quattro granate sono atterrate vicino a una scuola privata francese, Frer El Chebbak, provocando il panico.

Gli studenti hanno affollato i corridoi centrali con le finestre aperte per evitare troppo impatto, in scene che ricordano la guerra civile del 1975-1990.

Il potente gruppo di Hezbollah e i suoi alleati, che hanno chiesto la destituzione del giudice Tariq Bitar, hanno indetto una protesta davanti al Palazzo di Giustizia.

Non è stato subito chiaro cosa abbia causato la sparatoria, ma la tensione era alta lungo l’ex prima linea della guerra civile tra le regioni musulmane sciite e quelle cristiane.

Le forze cristiane libanesi di destra hanno mobilitato i loro sostenitori mercoledì sera dopo che Hezbollah e i suoi alleati hanno chiesto una manifestazione al Palazzo di Giustizia, situato in un quartiere cristiano. I video che circolano sui social media mostrano sostenitori delle forze cristiane libanesi che marciano per le strade portando grandi croci.

READ  Pompeo afferma di non aver mai visto mancare il whisky, indizi sull'incompetenza del Dipartimento di Stato

Un giornalista dell’Associated Press ha visto un uomo sparare con una pistola durante la manifestazione, così come uomini armati che sparavano contro i manifestanti da un balcone di un edificio. Almeno due uomini sono stati visti feriti e sanguinanti. L’esercito si è schierato pesantemente e ha inviato pattuglie nella zona per cercare i militanti dopo lo scontro a fuoco tra la parte musulmana e quella cristiana nella capitale.

In una dichiarazione, il primo ministro Najib Mikati ha invitato alla calma e ha esortato le persone a “non essere trascinate in una guerra civile”.

Centinaia di tonnellate di nitrato di ammonio immagazzinate in modo improprio in un magazzino portuale sono esplose il 4 agosto 2020, uccidendo almeno 215 persone, ferendone migliaia e distruggendo parti dei quartieri vicini. È stata una delle più grandi esplosioni non nucleari della storia e si è aggiunta alla devastazione di un paese già in preda alle divisioni politiche e al collasso economico e finanziario senza precedenti.

Bitar, il secondo giudice a guidare la complessa indagine, ha dovuto affrontare una feroce opposizione da parte del potente Hezbollah del Libano e dei suoi alleati che lo accusano di aver scelto i politici da interrogare, la maggior parte dei quali sono alleati di Hezbollah.

Nessuna accusa è stata ancora intentata contro alcun funzionario di Hezbollah nei 14 mesi di indagine.

La sparatoria è continuata anche dopo che le forze dell’esercito si sono dispiegate nella zona giovedì e si è sentito uno scontro a fuoco sopra le loro teste. Residenti e civili della zona stavano schivando per evitare la sparatoria, alcuni gridando: “Alcuni martiri a terra!” La gente ha tirato fuori dalla linea di fuoco un uomo che era stato colpito e apparentemente caduto. Altri hanno tirato fuori un altro cadavere.

READ  Il nuovo primo ministro giapponese Kishida inizia in modo difficile il ballottaggio

Poi l’esercito ha iniziato a sparare sulla folla. Presto le strade divennero deserte, con solo il rumore dei proiettili. I negozi hanno chiuso i battenti.

Lo scontro armato potrebbe far deragliare il governo di un mese del primo ministro Najib Mikati ancor prima che iniziasse ad affrontare la crisi economica senza precedenti in Libano.

La sessione del governo di mercoledì è stata annullata dopo che Hezbollah ha chiesto un’azione urgente del governo contro il giudice. Uno dei ministri alleati di Hezbollah ha detto che lui e altri membri del governo se ne sarebbero andati se Bitar non fosse stato rimosso.