septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

20 aziende di carne e prodotti lattiero-caseari emettono più gas serra di Germania, Gran Bretagna e Francia | industria della carne

Venti aziende zootecniche sono responsabili di più emissioni di gas serra rispetto a Germania, Gran Bretagna o Francia e ricevono miliardi di dollari in sostegno finanziario per farlo, secondo un nuovo rapporto di attivisti ambientali.

L’allevamento di bestiame contribuisce in modo significativo alle emissioni di carbonio, con l’allevamento di animali che rappresenta il 14,5% delle emissioni globali di gas serra. Rapporti scientifici hanno scoperto che i paesi ricchi hanno bisogno Sconti enormi Nel consumo di carne e latticini per far fronte all’emergenza climatica.

Tra il 2015 e il 2020, le aziende globali di carne e prodotti lattiero-caseari hanno ricevuto più di 478 miliardi di dollari di sostegno da 2.500 società di investimento, banche e fondi pensione, la maggior parte dei quali situati in Nord America o in Europa, secondo il Atlante della carne, che è stato compilato da Friends of the Earth e dall’establishment politico europeo, Heinrich Böll Stiftung.

Con questo livello di sostegno finanziario, il rapporto stima che la produzione di carne potrebbe aumentare di altri 40 milioni di tonnellate entro il 2029, raggiungendo i 366 milioni di tonnellate di carne all’anno.

Sebbene la stragrande maggioranza della crescita si sarebbe verificata nel sud del mondo, i maggiori produttori che continueranno sono Cina, Brasile, Stati Uniti e membri dell’Unione Europea. Entro il 2029, questi paesi potrebbero ancora produrre il 60% della produzione mondiale di carne.

In tutto il mondo, tre quarti dei terreni agricoli vengono utilizzati per allevare animali o colture per nutrirli, afferma il rapporto. “Solo in Brasile, 175 milioni di ettari sono dedicati all’allevamento”, una superficie approssimativamente uguale “all’intera superficie agricola dell’Unione europea”.

Il rapporto afferma che tre quarti dei terreni agricoli in tutto il mondo vengono utilizzati per allevare animali o colture per nutrirli. Foto: Atlante della carne 2021 / OCSE, FAO

Il rapporto rileva anche un continuo consolidamento nel settore della carne e dei latticini, con le imprese più grandi che acquistano imprese più piccole e riducono la concorrenza. L’impatto rischia di mettere sotto pressione modelli di produzione alimentare più sostenibili.

Per stare al passo con questo [level of animal protein production] Il rapporto rileva che la zootecnia industriale è in aumento e continua a spingere i modelli sostenibili fuori dal mercato.

Gli attivisti hanno affermato che il recente interesse delle società di proteine ​​animali per le alternative alla carne non è stato ancora risolto.

“Questo è tutto a scopo di lucro e in realtà non affronta i problemi fondamentali che vediamo nell’attuale dieta incentrata sulle proteine ​​animali che stanno avendo un impatto devastante sul clima e sulla biodiversità e danneggiano le persone in tutto il mondo”, ha affermato Stanka Becheva. Con lui lavora un attivista nel campo dell’alimentazione e dell’agricoltura amici della terra.

La linea di fondo, ha detto Bacheva, è che “dobbiamo iniziare a ridurre il numero di animali da mangiare sul pianeta e stimolare modelli di consumo diversi”.

Ha affermato che è necessaria una maggiore regolamentazione anche per l’industria della carne, “per assicurarsi che le aziende paghino per i danni che hanno fatto lungo tutta la catena di approvvigionamento e per ridurre al minimo ulteriori danni”.

Sul fronte degli investimenti, Bshiva ha affermato che le banche e gli investitori privati, nonché le banche di sviluppo come la Banca mondiale e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, devono smettere di finanziare progetti di produzione di proteine ​​animali su larga scala e intensivi.

In risposta al rapporto, Paolo Patrono, vice segretario generale dell’Associazione europea dell’industria di trasformazione della carne (CLITRAVI), ha dichiarato: “Non crediamo che nessun settore alimentare sia più o meno sostenibile di un altro. Ma ce ne sono di più o modi meno sostenibili per produrre alimenti vegetali o animali e ci siamo impegnati a rendere la produzione di proteine ​​animali più sostenibile.

“Sappiamo anche che il gas serra medio [greenhouse gas] Le emissioni dell’UE dal bestiame sono la metà della media mondiale. La media globale è di circa il 14% e la media dell’UE è del 7%”.

In Inghilterra e Galles, la National Farmers’ Union ha fissato un obiettivo per accesso zero netto Emissioni di gas serra in agricoltura entro il 2040.

Iscriversi per Aggiornamento mensile degli animali d’allevamento Per una carrellata delle migliori storie di agricoltura e cibo in tutto il mondo e tieni il passo con le nostre indagini. Puoi inviarci le tue storie e idee a [email protected]

READ  Il primo ministro neozelandese Ardern riceve un'iniezione di vaccino COVID "indolore"