Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Guardando le quote dei bookmakers verrebbe quasi da schierare in campo la Primavera, tenendo i titolari per le partite casalinghe con Lazio e Roma. La vittoria del Bologna è infatti data tra i 10 e i 12, il pareggio a 5 e quella dell’Inter poco sopra la parità, a 1.30. Si spera porti fortuna la visita che questa mattina il presidente Massimo Zanetti ha fatto alla squadra alla quale ha confermato la propria fiducia, indicando la salvezza come obiettivo e illustrando per il futuro come primo obiettivo la messa in ordine a posto i conti societari. Un portafortuna potrebbe pure essere il cambio della macchina del caffè in pullman, da Lavazza a Segafredo. Difficile, però, che in caso di sconfitta possa tornare quella precedente.Ma le difficoltà anche Malesani le conosce e sa che la squadra di Leonardo non è neppure lontana parente di quella che ha pareggiato al Dall’Ara all’apertura del campionato. Sono rientrati praticamente tutti e il carro armato che lo scorso anno ha vinto in Italia e fuori è pronto a ripartire e facendo bottino pieno, con due partite da recuperare, potrebbe anche pensare ad una clamorosa rimonta sul Milan.Unico vero assente Samuel, per il resto Maicon e Chivu sono gli esterni difensivi, con Cordoba e Lucio centrali, in mezzo al campo stazionano capitan Zanetti, con Cambiasso e Thiago Motta che proteggono e spingono i tre giocatori più avanzati, con Stankovic dietro a Eto’o e Milito.Ma i 1200 tifosi del Bologna non andranno a San Siro consapevoli che la loro squadra sarà la vittima sacrificale e sono pronti a fare da spalla a quella che Malesani ha definito una “guerriglia” all’Inter. Cioè non affrontare i nerazzurri a viso aperto, ma cercare di impedire loro la manovra per poi lanciare Ramirez o Di Vaio per ficcanti contropiedi. Sarà importante, anche se sulla carta la differenza è immensa, che Garics e Rubin coprano a dovere le fasce, da dove, spesso, nascono le azioni più pericolose.In casa Bologna tutti recuperati eccetto Moras, Meggiorini e Morleo e squadra che sarà schierata esattamente come con il Bari, anche se sarà davvero difficile pensare di poter fare la partita come al san Nicola. Importante, comunque, il pieno recupero di tutti i protagonisti, da Di Vaio a Britos fino a Portanova, in settimana tutti con piccoli problemi fisici. A centrocampo si spera che Della Rocca senta uno stimolo ancora superiore davanti a mostri sacri come i nerazzurri mentre Mudingayi e Perez sappiano utilizzare nel migliore dei modi la loro prestanza fisica, senza esagerare perché è possibile che in casa l’Inter possa essere tutelata.Poi, ha ragione Malesani, non ci si deve accontentare della prestazione e soprattutto bisogna in ogni modo cerare di fare punti. Ma se non venissero difficilmente ci saranno rimpianti.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.