Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La Virtus ha vinto ma non ha convinto nel senso che ha fatto molta fatica per vincere contro una Snaidero ordinata in attacco e chiusa a riccio in difesa. Caja ha fatto ricorso alla zona 1 – 3 – 1 che ha confuso le ideee virtussine. I bolognesi, partiti benissimo (18 – 4) sono stati raggiunti e superati dagli ospiti nel 2.o quarto. Grazie alle invenzioni di Boykins sono tornati in vantaggio anche in doppia cifra ma sono sempre stati ripresi dagli avversari che più volte si sono riportati a -5. Purtroppo per loro tiri sbagliati seguiti da triple bolognesi hanno vanificato i loro sforzi. Il punteggio finale tuttavia è bugiardo perché gli ospiti hanno sempre fatto sentire il fiato sul collo ai bianconeri.

Comunque qualche giocatore della Virtus non ha reso al massimo, qualcuno per problemi di condizione fisica mentre qualcun altro per approccio mentale sbagliato alla partita. E’ un errore pensare di averla vinta dopo solo 5 minuti di gioco.
Vale comunque la pena di segnalare che ci sono due Virtus: quando in campo c’è Boykins è tutta un’altra cosa. Velocità e vasta gamma di soluzioni. Con Koponen la squadra è lenta, prevedibile e si sente insicura. Pasquali dovrà riflettere in vista di avversari più impegnativi.

A parziale scusante va detto comunque che siamo all’inizio del campionato e che anche altre squadre blasonate fanno fatica a vincere (vedi Siena e Roma). Vedremo più avanti.

Partita:

Quintetti: Pasquali manda in campo il solito quintetto formato da:Boykins, Langford, Righetti, Arnold e Ford. Caja risponde con: Jackson, Anderson, Torres, Ortner e Di Giuliomaria.

Primo quarto: Virtus subito avanti con 5 su 5 al tiro in attacco. Udine è lenta, prevedibile e anche un po’ timorosa. A metà periodo Bologna è avanti 18 – 4 grazie ai passaggi di Boiykins ed ai canestri di Arnold e Ford. Pasquali mette in campo Vukcevic, Giovannoni e Koponen. Caja chiama time out e striglia i suoi. Si riprende a giocare e gli ospiti sono più veloci, incisivi e stretti in difesa. Grazie a Romero recuperano e rientrano in partita. Il periodo finisce sul 22 – 19.

Secondo quarto: Anderson martella da tre il canestro bolognese, la Virtus diventa lenta in attacco e molle, troppo molle in difesa. Caja toglie dal gioco un nervoso Di Giuliomaria che recrimina vivacemente in panchina. I friulani con un gioco ordinato e con un pick’n roll molto ben eseguito passano addirittura in vantaggio al 12.esimo minuto e allungano con Anderson e Torres fino al + 5 (26 – 31) coadiuvati da un ottimo Romero che in area si fa sentire. Pasquali non ci sta e tira via un impalpabile (fino a quel momento) Koponen e rimette il suo “folletto”. La Virtus ha un soprassalto e recupera con lo stesso Boykins e Arnold. Pari a quota 35 e poi i bolognesi allungano fino al 44 – 37 del riposo.

Ripresa: Vukcevic con una delle poche triple realizzate dai virtussini porta la sua squadra al + 10 ma Jackson, Antonutti e Romero dimezzano lo scarto. Bologna proprio non riesce a scrollarsi di dosso gli avversari. Nuova fatica di Boykins per un nuovo + 12 ma sulla sirena D’Ercole realizza per il 65 – 55 di fine quarto.

Ultimo quarto: la Virtus tiene il vantaggio con Langford anche se Righetti litiga con il canestro mentre Torres e D’Ercole sono precisi. Caja punta sulla zona 1 – 3 – 1 che blocca i bolognesi e Udine è di nuovo a -5 grazie a una tripla di Torres. Boykins, Langford e finalmente Righetti provano a respingere gli assalti udinesi. A due minuti dalla fine Antonutti sbaglia due liberi e Blizzard mette la tripla: 83 – 70. La partita è praticamente finita e i padroni di casa marameldeggiano aumentando il divario fino al 91 – 74.

Valutazioni:

Per la Virtus: MVP (28) e miglior realizzatore Arnold (16 punti). Miglior rimbalzista Ford (12) che ha anche rifilato 4 stoppate. Buona prestazione di Blizzard, Boykins, Langford e Vukcevic. Da rivedere Righetti e Koponen.

Per la Snaidero: MVP (28) e miglior realizzatore Torres (23 punti); miglior rimbalzista Romero (13). Buona prova di Jackson e D’Ercole.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.