Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il caso del giorno è, inutile dirlo, la Virtus che non porterà Boniciolli ad Avellino. Quest’oggi il numero iperbolico di 28 testate giornalistiche nazionali (contando ovviamente solo la carta stampata) titolavano a quattro colonne sulle decisione del patron Sabatini di recarsi in Irpinia senza il proprio allenatore, compresi quotidiani insospettabili come il Corriere dell’Umbria, il Biellese o il Corriere Adriatico. Un ritorno mediatico imponente, ecco quello che ne è venuto fuori, e probabilmente era proprio questo l’intendimento del numero 1 bianconero. Il perché, sinceramente, non ci è dato saperlo. Permetteteci però un aneddoto: 10 anni fa Avellino fu l’unica piazza che tributò un’autentica standing ovation alla Virtus vincitrice sui padroni di casa. In dieci anni qualcosa può essere cambiato, ma non così tanto, ed è quindi probabile che, con Boniciolli al seguito, domani non sarebbe successo proprio niente. La partita da giocare, a questo punto, assume sinceramente un significato minore, ed anche questo pensandoci è un mettere le mani avanti: dovesse perdere la Virtus, insomma, tutti penserebbero ad un clima insostenibile, quando magari andrà invece in tutt’altro modo. La Fortitudo ospita al Paladozza in posticipo l’imbattibile Siena: è certo che i biancoblù ci proveranno, a fare l’impossibile sgambetto, ma, complici anche troppi infortuni, è più che probabile che il tutto si trasformerà presto in un allenamento di alto livello. Ferrara va invece a Milano, e nonostante l’ovvia difficoltà gli uomini di Valli tenteranno comunque il colpaccio, perché la corsa verso la salvezza per gli estensi è ancora lunga ed irta. E’ ferma infine la Lega Due per la disputa della Coppa di Lega, che vede Reggio Emilia unica nostra rappresentante regionale insieme a Varese, Soresina e Veroli.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.