Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Boykins – voto 6 – (13pti, 5/6, 4/5, 0/2) – Croce e delizia come non mai: non si fa mettere i piedi in testa da Gardner, viaggia a 8 assist e quando è in campo, nel primo tempo, la squadra corre che è una meraviglia. Meno incisivo dopo, prima diventa matchwinner scippando il pallone quasi decisivo, poi sbaglia un libero che poteva dire +3. In mezzo, anche qualche altra sciocchezza a metà campo, figlio della voglia di correre anche quando non servirebbe.
Koponen – voto 5,5 – (7pti, 2/2, 1/1, 1/5) – Partenza al volo che fa credere ad una nuova euroimpresa, poi si trova immerso nelle sabbie mobili di rebus che non riesce a risolvere, restando impantanato fin troppo.
Righetti – voto 5 – (0pti, -, 0/1, 0/1) – Altra giornata di fumi attorno agli occhi, senza capire bene dove chiedere cittadinanza, sia davanti che dietro. Quasi scollegato in un mondo di black power.
Giovannoni – voto 5,5 – (6pti, 0/1, 3/7, 0/1) – Ancora un passo indietro ai suoi standard migliori, sbatte troppe volte la testa contro il muro.
Ford – voto 6 – (18pti, 2/6, 8/11, -) – Grande roba quando si tratta di farsi trovare in area a ricevere servizi in corsa che finiscono sempre a canestro, e grande roba quando si tratta di andare a stoppare qualsiasi cosa che gli passi vicino. Peccato che lo sfarfallare lo porti troppo spesso lontano dall’epicentro del match, lasciando quindi l’area sguarnita nei momenti topici. 5 stoppate, ma serviva forse qualche carambola in più.
Blizzard – voto 5 – Nemmeno tante colpe specifiche, ma quando va in campo (a metà ripresa) non trova sintonia con il resto della truppa.
Vukcevic – voto 5 – (0pti, -, -, 0/1) – Praticamente inutilizzato.
Langford – voto 7 – (20pti, 3/5, 4/4, 3/4) – Segna quasi tutto quello che gli passa per le mani, a volte sembrando di gomma. Di più, come si suol dire, non poteva fare.
Terry – voto 6,5 – (15pti, 1/2, 4/7, 2/5) – Utile prima di diventare importante, porta a casa 8 rimbalzi e si chiede dove siano i compagni nel finale.
Chiacig – voto 5,5 – (2pti, -, 1/3, -) – Meno funzionale di Ford nel concretizzare le bocce che gli arrivano.

OLDENBURG

Gardner – voto 5,5 – (7pti, 2/2, 1/5, 1/7) Moto scorreggetta che fa più caos che altro, prima di riesumarsi nel momento decisivo. Non l’ha vinta lui, però.
Foster – voto 7 – (18pti, 3/4, 3/9, 3/8) – Il gol finale che è virgola dorata ad una partita dove aveva fatto buone cose fin da subito, dando fastidi a tutti i tentativi di difenderlo.
Paulding – voto 6 – (14pti, 6/6, 1/3, 2/5) – Più cesello che altro, quando c’è bisogno si fa trovare, però.
Perkovic – voto 7 – (19pti, 6/8, 5/7, 1/4) – Quasi solitario nel suo cercar di prendere a sberle la Virtus quando tutto sembrava andargli storto, quando poi trova compagni che lo aiutano tutto diventa più rosa.
BoumtjeBoumtje – voto 7 – (13pti, 1/1, 6/6, -) – Doppia doppia quasi senza farsi notare, limitandosi – in stile Dawkins – a metterla da pochi centimetri. Serviva questo, lui lo ha fatto.
Pekovic – voto 5,5 – (3pti, -, -, 1/3) – Una tripla, poca personalità.
Majstorovic – voto 5,5 – (2pti, -, 1/1, -) – Una apparizione, tre falli, per una Oldenburg pressochè inesistente nella propria panchina.
Scekic – voto 6 – (6pti, -, 3/4, 0/1) – Mette un po’ di legna quando serve, unico della panca.

VERBA MANENT

Boniciolli – Congratulazioni ai nostri avversari, che non sono in testa al campionato tedesco per caso: solidi e ben allenati anche se forse tanti giocatori di questi non sono conosciuti. Non ho nulla da rimproverare ai miei, perché se vale la regola transitiva applicata per quel che concerne Milano, ovvero che hanno perso con noi perché stanchi dalla Coppa, questo vale anche per noi. 48 ore dalla partita di domenica, e lo abbiamo patito pur giocando anche bene: lo si è notato nella percentuale dei liberi, e non colpevolizzo Boykins per il finale, dato che tutti abbiamo sbagliato qualcosa. Penso comunque alla differenza canestri, e citando il maestro Messina questo è un pareggio, non ritenendo impossibile vincere di due a Oldenburg, quando Terry sarà più integrato e avremo maggiore freschezza. Sconfitta forse immeritata, con il canestro da 3 punti che non so quanto valido, ma è andata così: ora spero avremo l’incazzatura giusta per andare a Udine a giocare una partita importantissima e superare il momento. Ma nelle ultime tre partite ho avuto la sensazione che questa sia la squadra che voglio, combattiva, determinata, e dove tutti giocano per i compagni. I tanti rimbalzi concessi? Loro sono grandi e grossi, e quando dico queste cose qui a volte si ride.

Krunic – Felici per una vittoria ottenuta su un campo non facile, giocando bene, in controllo e facendo sempre le cose giuste. La chiave? I rimbalzi.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.