Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

PRENDE dei fischi dal suo pubblico (3.600 i tifosi dichiarati) e una sberla dall’Oldenburg la Virtus, complicandosi non poco la vita in Eurochallenge, allontanatasi dal primo posto del girone e anche dal secondo, per ora. Matata da una rocambolesca tripla di Je’Kel Poster allo scadere, che ha fissato sul tabellone un gelido 81-82. Tiro della disperazione? Non proprio, era il secondo possesso consecutivo per i tedeschi, che hanno dominato a rimbalzo (30-40) prendendone 8 in attacco nell’ultimo quarto e guadagnandosi, coi doppi possessi, il meritato trionfo. Passaggio a vuoto per la Virtus, che ha avuto tutto il secondo tempo per regolare la questione, ha dovuto anche inseguire, ma pareva averla vinta quando a 10″ sull’80-79 Boykins aveva scippato Perkovic. Earl ha fatto 1/2 dalla lunetta, poi l’ultima frittata, di gruppo, che non è stata evitata dalla zona precedente, ne’ dai 20 punti (4/4, 3/4) di Keith Langford. Brutto affare, anche perché è stata una prestazione non supponente, ma comunque superficiale nell’approccio. Cominciata nel primo tempo, a spasso per la difesa bianconera (concesso il 64% da 2) che non s’è applicata come doveva, incassando 15 punti (a 11) nei primi 5’30” prima di cominciare a reagire. Koponen, Ford e un discreto inizio di Terry (7 punti subito) hanno guidato i primi attacchi, senza però fare il break. Continuando sulle punte, ha trovato buona ispirazione Langford, che ha piazzato tre bombe nel secondo periodo, che hanno spostato gli equilibri in favore dei bianconeri, targati BolognaFiere per la coppa, che però non sono andati oltre a un +8 (48-41) a qualche secondo dall’intervallo. Un fatturato poco convincente, nella forma e nei fatti, per andare in fuga. Boniciolli non dispera. «Eravamo un po’ stanchi dopo domenica: ci ha punito il 59% ai liberi, troppo scarso per prendere slancio. Ma c’è il ritorno per rimediare». Adesso l’Eurochallenge s’impenna, martedì prossimo ancora alla Futurshow Station arriva BC Kiev, a punteggio pieno, che ha travolto (95-62) a domicilio il Galatasaray ormai fuori dai giochi. Non si potrà certo far passerella.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.