Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

di Jack Bonora
C’erano dubbi? Neanche uno! La lettera del Presidente della Virtus Alberto Marchesini è chiarissima: Sabatini ci sarà anche il prossimo anno e con un ruolo tutt’altro che defilato. In pratica in prima linea a livello operativo e comunicazionale, come è sempre stato nel decennio. Del resto il mittente definisce l’operato di Claudio, in questi anni, assolutamente rimarchevole e chiara la volontà dei soci della Fondazione, a partire dal Presidente Francesco Bertolini, di non privarsene. Vabbè, la lettera è uno sperticarsi di lodi, pur evidenziando, ma con moderazione, qualche esternazione dettata prettamente dall’amore per la Virtus. Posizione rispettabilissima, da qualcuno legittimamente non condivisibile, ma meglio parlare della sostanza. Chi pensava di toglierselo di torno si rassegni, come capitava ai democristiani con Fanfani, non a caso soprannominato, per la sua modesta statura “Rieccolo”. Se volete vedere la Virtus, insomma, accettate il fatto che l’Amministratore delegato sarà sempre Sabatini, se poi, per non vedere lui, siete disponibili a rinunciare alla vostra passione, fate pure. Adesso, però, tocca a Claudio proporre un comportamento che lo faccia entrare non solo nelle grazie dei soci, ma anche in quelle dei tifosi, che, onestamente, sono un po’ logorati da questo decennale rapporto. Succede nella vita, nei rapporti di coppia e nello sport: la cosa bella è che a volte si può recuperare. Quello che emerge, ed è più che positivo,dalle parole di Marchesini, è che una Virtus da serie A1, da primi 10 posti, la prosshttp://www.gazzetta.it/ima stagione ci sarà. Ed è opportuno ricordare che i 13 soci li ha trovati “Sabba”. Come, peraltro, ha trovato tanti sponsor in questi anni che hanno permesso alla società di rinascere e di vivere. Detto ciò, occhio che i crediti finiscono, anche se sono corposi: il pubblico non può più accettare una gestione ambientale e tecnica come quella di quest’anno. Purtroppo se ne accorgerà in sede di rinnovo degli abbonamenti e starà a lui recuperare i tifosi persi come fu capace di fare nel 2003. E’ un po’ come quando un amore non funziona più e bisogna essere in grado di ricreare le emozioni dei primi incontri. Tocca a Claudio presentarsi da chi ha la Virtus nel cuore con un mazzo di rose in mano…

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/virtus_20130410.mp4
Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.