Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Virtus a Kiev, stasera, per il turno finale della Top 16 di Eurochallenge. Inutile ricordare che la squadra di Matteo Boniciolli ha complicato di parecchio la propria situazione nella coppa continentale perdendo mercoledì scorso in Germania con l’Oldenburg, squadra dalla quale i bianconeri già le avevano buscate all’andata e che, per assurdo, sinora ha raccolto punti solamente contro le V nere, perdendo da tutte le altre formazioni. Di là ci sarà il Kiev, già matematicamente qualificato per i quarti di finale della coppa ma ovviamente intenzionato a chiudere in testa il girone, cosa che le regalerebbe non solo prestigio ma anche e soprattutto un incrocio ben più abbordabile nel successivo turno. In caso di sconfitta invece la Virtus, per passare comunque, dovrebbe sperare che l’Oldenburg non vinca in Turchia sul parquet del già eliminato Galatasaray: siamo quindi al puro esercizio formale, la realtà è che una sconfitta a Kiev oggi significherebbe l’addio ai sogni europei bianconeri. Vincendo, viceversa, per Boykins e compagni sarebbe primo posto certo, visto il successo già ottenuto nella gara di andata. Sembrerà probabilmente esagerato, ma quella di stasera per la Virtus è la madre di tutte le partite stagionali: dopo la sconfitta della finale di coppa Italia, ed un campionato che sembra irreversibilmente nelle mani capaci e sicure di Siena, se i bianconeri dovessero fallire pure l’obiettivo europeo la stagione prenderebbe davvero una brutta piega. Fatto, questo, che sarebbe oltremodo grave a causa del costo di questa squadra, maggiore di quello della stessa Siena. Per questo, e per mille altri motivi, oggi in casa Virtus è accettabile un solo risultato, e cioè la vittoria in Ucraina.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.