Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

UNA VIRTUS spezzata in tre tronconi quella di ieri. Il gruppone guidato da Pasquali, dal ritorno dal ritiro toscano, ha fatto tappa per uno scrimmage con la Carmatic che sta preparando la sua stagione in LegaDue. Earl Boykins era invece impegnato nei suoi primi palleggi in bianconero all’Arcoveggio. Petteri Koponen, infine, ha avuto il primo impatto con il basket che lo attende da ottobre, in maglia virtussina. Nella sconfitta della sua Finlandia contro l’Italia (88-80 il finale del match di qualificazione agli Europei) la stellina finnica, prima scelta della Nba, è stato con Mottola, ex Fortitudo, il migliore in campo della sua nazionale. Giustificando, in un incontro ufficiale a livello continentale, le attenzioni di tanti club nei confronti di un playmaker di soli vent’anni.
Il regista fortemente voluto da Claudio Sabatini e che ha firmato per la V Nera un quadriennale, è stato il secondo marcatore della Finlandia con 14 punti, aggiungendo al suo tabellino anche 2 rimbalzi e un assist. Koponen ha messo in mostra il suo basket molto lineare, da playmaker puro: uno stile quasi scolastico, probabilmente nato nelle palestre universitarie della sua esperienza giovanile. Accanto a uno come Boykins imparerà a dare più fantasia al suo gioco.

CARATTERE, comunque, sembra averlo già adesso visto che da solo , a un minuto dalla sirena finale di Italia-Finlandia, ha segnato 5 punti di fila (una tripla e due tiri liberi) che hanno reso roventi, sull’84-78 gli ultimi palloni della sfida. Renato Pasquali dovrà però attendere ancora qualche giorno prima di avere a disposizione il suo giovane regista: Koponen sarà veramente bianconero solo a metà settembre, al termine delle qualificazioni europee.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.