Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

di Jack Bonora
Renato Villalta va giù duro: “in casa mia le condizioni le detto io!”. Giustissimo, ma poi ci mette un attimo a fare retromarcia, perchè, sa che la Virtus è legata a Poeta da un biennale da 220000 euro. Addirittura lo considera l’uomo che partendo dalla panchina diverrebbe il valore aggiunto tanto cercato. Il bello è che Peppe, seppure a malincuore, potrebbe pure starci, perchè rimarrebbe nella città che tanto ama, prenderebbe l’intero ingaggio e poi si divertirebbe a vedere Bechi che, all’atto di dare fiato al play straniero, si troverebbe a decidere se far entrare lui o Imbrò… Matteo è bravo, ma è un 94 e, per ora, tra lui e Peppe c’è un divario. Ci sono società interessate a Poeta, ma l’offerta oscilla sui 150000 euro, la differenza chi la mette? La V nera, chiaro, ma si può rinunciare al play della Nazionale e buttare fuori dalla finestra 70000 euro l’anno? Ecco, allora, che Villalta, e non solo lui…, ci ripensa. Non si può fare come Sabatini che metteva fuori squadra gente da 300000 euro a stagione, si può solo provare a metterli in panchina sperando che se ne vadano indignati. E se, invece, di indignarsi, si allenano con serietà e sono, logicamente, meglio del ragazzino designato a essere il vice play titolare? Ovvio che con un titolare da 100000 dollari e un cambio da 40000 si spende meno, ma prima di fare una scelta e comunicarla ai 4 venti, sarà il caso di ragionare sul fatto che c’è un tesserato con un pluriennale pesante in mano?

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_basket_20130701.mp4
Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.