Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il bilancio di Boniciolli dice 3-0, ma dopo aver subito una pericolosa rimonta dai non fenomenali belgi dell’Ostenda, la risicata vittoria in vista della sfida contro Roma desta qualche dubbio nonostante il percorso netto sotto il nuovo coach. Il calo di concentrazione è stato lungo ed evidente, e se Boykins non crea in attacco spesso manca qualcosa. IL “QUALCOSA” che potrebbe dare con il suo ritorno Jamie Arnold, che fino ad ora ha giocato due quarti mostruosi (contro Udine ed Avellino) e poco altro; le potenzialità per fare bene ci sono, ma l’ex Maccabi ha destato diversi sospetti fra il pubblico, al quale non interessa il suo luminoso passato in gialloblu. Se la spinta offensiva è bassa (e la partenza di Blizzard potrebbe diminuirla ancora), il segnale positivo, anche secondo Boniciolli, è la difesa: da quando è arrivato la Virtus ha sempre tenuto gli avversari sotto quota 70, sintomo di eccellenza. Ma attenzione: se Ford non torna quello di inizio campionato, contro Roma ci potrebbero essere problemi soprattutto a rimbalzo; dopo che l’Ostenda ne ha presi 18 in attacco alla Futurshow Station (e non è la prima volta), il centro bianconero domenica dovrà affrontare uno specialista come Hutson. Boniciolli e Zorzi insomma devono insegnargli a stare un po’ più con la testa sulle piccole cose, che sono le uniche che mancano al miglior stoppatore della Lega. Intanto pare che molti club siano interessati a Blizzard. Il giocatore l’altro ieri ha confermato le sue volontà in un’intervista, lanciando una frecciata all’allenatore: «Non mi piace giocare poco: Boniciolli ha un suo progetto, e io non mi sento di esserne parte», ha detto. Per tutta risposta, dopo la partita di EuroChallenge il coach triestino ha messo da parte la diplomazia, ricordando che «quando Blizzard ha giocato 28′ contro Pesaro, la squadra ha perso di 34». Storie tese insomma fra i due, e un divorzio che ormai aspetta solo di essere ufficializzato in attesa di offerte. Sabatini vuole soldi (tanti) per dar via un comunitario che potrebbe far comodo a tanti in Italia ma anche fuori.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.