Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_virtus_20151005.mp4

Una Virtus come tutti la vorrebbero. Attenta, aggressiva, sempre a caccia di un avversario più forte. Mai fuori partita e tanto cinica da mettere il KO del 10-0 quando mancano quattro minuti dalla fine.Alla fine il 69-65 su Venezia vale la gioia di un pubblico che con 5820 spettatori ha pressochè riempito l’Unipol Arena visti che i lavori che stanno iniziando ha ridotto la capienza del palasport, che al termine diventerà il secondo in Europa per capienza. Dal meno otto al più quattro, con il capitan Ray fino a quel momento assente in fase realizzativa e Simone Fontecchio a litigare con il canestro, fino a quel momento 2 su 12, che hanno preso le misure e si sono caricati i compagni sulle spalle, arrivando ad una vittoria meritata e voluta fino all’ultimo secondo. Fino a lì le Vnere avevano costruito la loro rincorsa su Pittman. Il centro ha cominciato il campionato alla grande con 19 punti e nove rimbalzi, diverse azioni da tre punti e una presenza sempre dominante sia in attacco che in difesa. Poi certo, non tutto è andato per il verso giusto, anche perchè Venezia per 35’ ha difeso benissimo. Williams e Odom, soprattutto il primo, sono ancora due oggetti misteriori. E questa squadra sembrerebbe avere meno punti nelle mani rispetto all’anno scorso – almeno negli esterni – dato che Williams di sicuro non è un realizzatore alla Hazell. Tra quelli che sembrano già pienamente integrati c’è Michele Vitali, che ha dato il suo contributo specie in fase difensiva, mentre le condizioni di Alla Ray e Gaddy possono solo migliorare, così come Cuccarolo, in campo per soli quattro minuti, ma ancora lontano dalle sue prestazioni migliori. Sotto tono anche Valerio Mazzola: subito due triple, per lui, poi sparisce un po’, sbagliando anche un paio di rigori più facili da buttare dentro che fuori. In difesa però c’è, e nel finale Valli lo mette nello “special team” difensivo.
Dopo questa ottima prestazione contro una delle principali candidate alla vittoria scudetto la società ha riaperto la campagna abbonamenti: il dato a ieri era decisamente negativo con 2280 tessere, quasi 300 in meno rispetto allo scorso anno. L’aumento dei prezzi ha portato ad incassare il 14% in più rispetto alla passata stagione, ma ora l’obiettivo è quello di riavere il grande pubblico non solo nelle partite di cartello e prestazioni come queste sono il viatico migliore.
Sentiamo Giorgio Valli
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_valli_20151005.mp4

Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.