Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Virtus-Caserta è davvero una di quelle partite che possono cambiare una stagione. Innanzitutto per il momento storico attraversato dai bianconeri: dopo il naufragio della Final Eight di coppa Italia, aver vinto all’ultimo secondo in casa contro Pesaro, con tanto di contorno di polemiche per un finale incentrato su fischiate in effetti abbastanza casalinghe, è stato semplicemente un brodino, caldo e rinfrancante ma di certo non risolutivo. Ecco, quindi, come Caserta sia la giusta occasione per cambiare marcia: la formazione campana è reduce dalla doppia impresa di aver sconfitto prima i campioni d’Italia di Siena e poi i turchi del Galatasaray direttamente a casa loro, a Istanbul, vittoria questa che ha donato ai casertani il passaggio ai quarti di finale di Eurocup. Non bastasse, la Pepsi in classifica insegue di due sole lunghezze le V nere: il che significa che un eventuale sacco della Futurshow Station per Caserta equivarrebbe a compiere un salto epocale in classifica, balzando in una sola sera dal 9° addirittura al 4° posto. Per questo sarà da tenere d’occhio pure la differenza canestri tra le due squadre: all’andata, ed eravamo in novembre, Koponen e compagni si imposero in terra campana di 8 lunghezze, tesoretto questo di straordinaria importanza per i bianconeri, da difendere strenuamente per continuare la propria corsa verso le posizioni più alte. A margine del match, ma mica poi tanto, va segnalato pure che Caserta potrà contare stavolta su un appoggio non indifferente: la Fossa dei Leoni della Fortitudo, storicamente gemellata con la tifoseria casertana, sarà presente a Casalecchio in gran numero, donando così, ad una partita già di per sè basilare, una sorta di aria di derby che renderà il match ancora più unico.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.