Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

C’è grande fermento in casa Virtus: la società in questo momento è infatti impegnata su più fronti. Davanti a tutto ovviamente c’è il mercato: in entrata presto ci sarà il sostituto del fuggiasco Marcelus Kemp, ma anche in uscita c’è movimento, con il giovane Riccardo Moraschini in partenza verso una squadra di Lega Due per fare esperienza. Situazione, questa, sulla quale si sta parecchio dibattendo: ieri il g.m. Faraoni ha dichiarato che se il ragazzo potrà avere minutaggio importante verrà tenuto qui, se invece con l’arrivo del nuovo straniero dovessere perdere possibilità, la volontà della società è quella di non penalizzarlo, con la convinzione che tre o quattro mesi di prestito in un campionato minore, dove possa giocare parecchio, lo aiuterebbero a maturare. Il discorso non farebbe una grinza, se in effetti non cozzasse un poco con le stimmate della squadra più giovane del campionato di cui la società giustamente si vanta. In effetti, se Moraschini dovesse partire, il team bianconero conterebbe solo su un paio di giovani, che sarebbero Martinoni e Gailius (entrambi, tra l’altro, ad andamento fortemente ondivago), perché Koponen, nonostante i suoi 23 anni, ha già comunque alle spalle grandissima esperienza. In altre parole, la momentanea cessione di Moraschini (che comunque non è che fin qui abbia fatto esattamente faville) farebbere perdere l’etichetta di squadra più giovane al team bianconero. Che al momento è fortemente attiva sul mercato in entrata: per il posto di Kemp il candidato numero 1 a questo punto è KC Rivers, che l’anno scorso ha fatto piuttosto bene a Treviso, dopo essere stato prelevato a stagione in corso da Latina, in Legadue. Rivers ora viaggia a 15 punti di media partita a Roanne, prima in classifica in Francia, squadra dalla quale sta tentando di liberarsi con l’aiuto del suo agente: la cosa potrebbe forse concretizzarsi già oggi. L’ultima faccenda sulla quale è attiva la Virtus è infine quella relativa al Paladozza: ieri è si è tenuto l’incontro tra Sabatini e il subcommissario Formiglio, nel quale il numero 1 bianconero ha ribadito la richiesta di giocare i playoff al PalaDozza, confermando anche la disponibilità a subentrare nella gestione dell’impianto qualora Sacrati venisse estromesso. Entro qualche settimana si conosceranno le reali possibilità che la vicenda possa andare in porto.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.