Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Di Jack Bonora

La Virtus tifava Virtus. Nel senso che quella di Bologna tifava per quella di Roma, perchè l’uscita dai play off di Cantù permetteva di dare il via, ufficialmente, alla trattativa con Bruno Arrigoni, G.M. designato. In realtà era in corso da un po’, adesso siamo veramente ad un passo dalla firma del contratto, tanche se Villalata ci ha assicurato che fino a martedì l’incontro decisivo non ci sarà.. L’idea sarebbe quella di confermare Poeta e, se si calasse l’ingaggio, anche Gigli: il problema è che per passare da Roma a Bologna se lo dimezzò… In più dobbiamo considerare che è reduce da ottime stagioni e ha svariate richieste. Se l’asse play- pivot restasse si tratterebbe, e sarebbe lavoro di Arrigoni, di pescare degli stranieri di qualità a poco prezzo. E’ stata sempre la sua specialità, a patto, però, che i pagamenti siano regolari, perchè puoi prendere chi vuoi, ma se non gli arriva il bonifico difficilmente darà l’anima. Più che mai se è americano, fedele al motto “no money, no play”. Non mi permetto di dire che ci siano stati problemi sui versamenti degli stipendi, però, purtroppo, l’atteggiamento di alcuni giocatori, e pure qualche comportamento, lo ha fatto pensare. Oltretutto i suddetti non si sono risparmiati quando c’era da andare in giro per i locali bolognesi a raccontare di pendenze, per questo suggerisco a Villalta non solo puntualità, ma pure invito alla discrezione, nella malaugurata ipotesi che emergessero problematiche. Perchè non è folle far capire ai propri collaboratori che, di questi tempi, può succedere che uno sponsor non paghi. In Fortitudo l’importante è che paghi Romagnoli, sennò il progetto va a farsi benedire e non dai preti della S.G….
Intanto è slittata la firma di Dante Anconetani, che dovrà, dovrebbe, fate voi, diventare Presidente. Se ne riparlerà ad inizio settimana, certo pensare che è stato presentato in pompa magna quasi un mese fa… Forse la cosa più normale era quella di fargli firmare il contratto e poi presentarlo alla stampa, ma, a questo punto, è il problema minore. Quello più grosso è sperare che Giulio vada pesantemente in tasca, perchè se parliamo di DNB ci vogliono non meno di 300000 euro. Tra parentesi pensare di fare un campionato di seconda fascia si può anche accettare, con del coraggio, ma si può, di secondo piano proprio no. Quindi sarebbe opportuno costruire un roster da promozione e, logicamente, costa. Io continuo a scommettere, e spero di sbagliarmi, che Romagnoli non spenderà gli 800000 euro ipotizzati da Calamai per una Lega due silver e nemmeno i 500000 per una DNA. Ho pure molti dubbi sui 300000… Posso, invece, pensare, che quella cifra possa essere recuperata tra abbonamenti e sponsor. Marco, peraltro, è bravissimo a trovarne: non è un caso che le sue trasmissioni televisive siano strapiene di interruzioni pubblicitarie. Credo vada coinvolto non solo in un ruolo di garante, ma anche in quello di procacciatore di lusso: perchè, oggi, nel basket, contano solo due cose, chi trova i soldi e chi li mette. Ecco, credo sia più facile che li trovi Calamai piuttosto che li metta Romagnoli.

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_virtus_20130607.mp4
Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.