Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Una sconfitta che non fa male, anche se arrivata per effetto di pisolino schiacciato nell’ultimo quarto. La Virtus di Boniciolli, dopo cinque vittorie su cinque, incassa il primo ko nel girone di Eurochallenge, dov’era già certa del primato e dunque del passaggio del turno. A Samara finisce 72-70, in una partita che le V nere hanno affrontato senza Boykins e senza Arnold, diventato papà del piccolo Aaron J..

Partita sempre in equilibrio: 17-14 al termine del primo quarto, 34-34 all’intervallo, dopo un secondo periodo in cui la Virtus ha toccato il massimo svantaggio (25-19 dopo 13′) ma ha saputo rimettere subito le cose a posto al cambio di campo, prima di provare addirittura l’allungo in avvio di terzo periodo. Parziale di 7-0 e punteggio sul 34-41 con una tripla di Koponen, vantaggio diventato anche di 11 lunghezze dopo 26′ (37-48 con due liberi di Ford).

La squadra di Boniciolli è arrivata all’ultimo quarto con 8 punti di dote (45-53 alla fine del terzo quarto), ma li ha bruciati nel giro di tre minuti sciagurati in attacco (54-55), fino al sorpasso firmato da uno scatenato Perry (61-59 a 6′ dalla fine). Il testa a testa finale ha trovato un canestro di Perry e due liberi di Demeshkin a regalare la sicurezza ai padroni di casa (72-68 a 11 secondi dalla sirena).

Per la Virtus 22 punti di Chiacig con 7 rimbazi, 17 punti di Langford (con 6 rimbalzi). Da segnalare anche i 7 punti, ma con 8 rimbalzi difensivi, di Koponen. Per Samara, 30 punti di Perry, mattatore nel secondo tempo.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.