Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Quattrocento milioni di euro di costi in sei anni, ma solo il 20 per cento di spesa, perchè il resto sarebbero investimenti che porterebbero a Bologna un ritorno dal 1,2 miliardi a 2 miliardi di euro, con un intervento economico per il 70% a carico dei privati e solo al 30% pubblico, con una rivalutazione della città sia dal punto di vista turistico, che delle infrastrutture, divenendo un incredibile volano per la ripresa economica.
Sono questi i numeri del progetto di prefattibilità della candidatura bolognese alle Universiadi del 2019, il più grande evento sportivo dopo le Olimpiadi, che porterebbe per circa un mese in città e nelle altre quattro province interessate dall’evento 13.000 atleti, tecnici e dirigenti e circa 20.000 volontari. Questi i numeri illustrati questa mattina al CONI di Bologna dal presidente Renato Rizzoli, da Francesco Franceschetti, presidente del CUS, che entro il maggio 2013 dovrebbe presentare la candidatura ufficiale e da Giovanni Palazzi, presidente di Stage UP, che ha ricevuto dal mondo imprenditoriale e cooperativo il compito di illustrare il progetto

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.