Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Si è conclusa la stagione delle amichevoli per la Trenkwalder, che dopo diversi tornei estivi vede avvicinarsi l’inizio della stagione ufficiale. Sino a questo momento la squadra merita una piena sufficienza: è vero che i risultati spesso non hanno sorriso alla truppa di Marcelletti, ma non si può non tenere in conto che l’inizio della stagione sia stato caratterizato dalle tante, troppe assenze. Il coach ha a disposizione la squadra completa da nemmeno una settimana, ed è doveroso concedere ancora tempo. Ovviamente non troppo: la Reyer Venezia è dietro l’angolo.
LA FORTITUDO. La prima uscita ufficiale della squadra biancorossa è stata contro la Fortitudo, al termine del ritiro a Castelnovo Monti. E’ stato forse il match maggiormente caratterizzato dalle assenze in casa Trenkwalder, dal momento che mancavano contemporaneamente Melli, Infante, Campani ed Heinrich, a cui si aggiunge Fultz. Pesante passivo a parte, la prova (a cui hanno recitato un ruolo importante i due stranieri in prova, Skornik e Vay), ha messo in luce in particolare i giovani della squadra, oltre al talento in regìa di Carra e Masoni. Il tutto, ovviamente, contro una squadra di caratura internazionale.
IL TORNEO DI PISTOIA. Luci e ombre nel primo quadrangolare stagionale. La squadra di Marcelletti esce sconfitta dalla prima partita contro Livorno, per 72-62. C’è il ritorno in squadra di Fultz, ma si ferma per infortunio Masoni. Mattatori dell’incontro gli americani Young e Smith, autori rispettivamente di 18 e 14 punti, che però non bastano a sconfiggere la truppa di Dell’Agnello, comunque reduce da un precampionato più rodato.
Nella finale per il terzo e quarto posto, la Trenkwalder sfodera una prestazione d’orgoglio e si impone contro Sassari per 94 a 82. Un successo arrivato grazie ad una buona prova corale con qualche acuto del giovane Andrea Ancellotti. A corredare il tutto, ben cinque giocatori arrivati in doppia cifra. Un bel passo in avanti.
IL TORNEO DI IMOLA. Proseguono i passi in avanti. Nel torneo di Imola i biancorossi affrontano i padroni di casa dell’ex Pugi e il risultato (69-54) sottolinea il rientro di due giocatori importanti come Heinrich ed Infante, rispettivamente reduci da un infortunio e dall’esperienza in nazionale. I due sono stati i migliori realizzatori dopo Young (che ha messo a segno 16 punti) e insieme hanno totalizzato ben 34 punti e giocato un alto minutaggio. Un bel segnale.
Nella finale per il primo e il secondo posto la Pallacanestro Reggiana esce invece sconfitta sul filo di lana dall’Edimes Pavia (dove milita l’ex Marigney). A parte le disattenzioni nei secondi finali che sono costate il trofeo, la squadra ha iniziato a «conoscersi» e le prestazioni dei singoli non tradiscono mai: sugli scudi Young e Smith. In particolare quest’ultimo riceve l’elogio dal coach Marcelletti.
L’ARMANI JEANS. La passerella in casa per presentarsi ai tifosi vede la sfida all’Armani Jeans, in occasione della «Trenkwalder Cup». Marcelletti sfoggia tutta l’artiglieria pesante, dal momento che sono ritornati disponibili anche Melli e Masoni. La squadra tiene testa ai più titolati lombardi e si arrende soltanto nel finale, perdendo di una lunghezza. Migliore in campo è stato eletto Briant Smith, autore di una partita ricca di sacrificio ma importante anche in fase realizzativa (18 punti per lui).
IL TORNEO DI PAVIA. Dopo i segnali di ripresa recentemente mostrati, la squadra «crolla» nell’ultimo quadrangolare prima dell’inizio del precampionato. La Trenkwalder infatti inanella due sconfitte consecutive, rispettivamente contro la Vanoli Soresina e contro la Fastweb Casale. In quest’ultima sfida i biancorossi perdono ai supplementari (64-62) e pagano una cattiva gestione della palla, ma il coach si dice soddisfatto: la difesa continua a rispondere bene, si è fatta sentire la fatica per i troppi impegni ravvicinati (tre partite in tre giorni).

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.