Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

In attesa di vedere finalmente in pista Chris Heinrich – il lungo si unirà oggi al gruppo dopo l’infortunio – Franco Marcelletti sorride per quanto di buono mostrato dalla sua truppa nella sfida di ieri sera con il Banco di Sardegna, sconfitto con il punteggio di 94 a 82. Un successo che vale alla Trenkwalder la vittoria nella finalina di consolazione del torneo «Carrara» di Pistoia. Un successo arrivato grazie a una buona prova corale con qualche, sorprendente, acuto di Andrea Ancellotti.
«Nella semifinale del torneo di sabato – commenta l’allenatore Franco Marcelletti pochi minuti dopo la conclusione della partita di Pistoia – avevamo giocato contro Livorno, una squadra già completa e già rodata. Rispetto a noi ha potuto giocare parecchie gare a pieno organico e questo in campo s’è visto. Quella gara però ci è servita per crescere tanto che con Sassari, che è pure una buona squadra, abbiamo fatto un bel passo avanti».
Quanto stanno pesando le tante assenze nel reparto lunghi a questo punto della preparazione?
«Il mio obiettivo è di creare un buon gioco d’insieme con chi ho a disposizione, quando anche gli altri si inseriranno procederò a integrarli negli equilibri di squadra».
Quando confida di recuperare i tanti infortunati?
«Già oggi Chris Heinrich potrà riprendere ad allenarsi assieme al gruppo. In giornata, poi, Filippo Masoni si sottoporrà a una visita specialistica che potrà chiarire quando potremo riaverlo in squadra. Il giorno successivo, invece, sarà Nicolò Melli a essere visitato. Anche nel suo caso speriamo vivamente che tutti i problemi fisici siano superati, in modo tale da poterlo riavere presto con noi».
A quando, invece, il rientro di Luca Infante dall’esperienza azzurra?
«Giovedì Luca chiuderà la bella e importante esperienza con la nazionale maggiore e potrà riprendere ad allenarsi con la squara».
Nella sfida di ieri con Sassari, il giovane Andrea Ancellotti non ha fatto rimpiangere i tanti lunghi assenti…
«Andrea sta crescendo e nella gara giocata contro il Banco di Sardegna ha davvero giocato bene, concludendo in doppia doppia (10 punti e 10 rimbalzi nei 35’ giocati, ndr). Sabato aveva subito un po’ troppo la fisicità dei lunghi livornesi, ieri invece è andata decisamente meglio e ha potuto esprimersi al meglio sul campo. Ma la sua prova non è l’unica che mi ha soddisfatto in pieno».
A chi si riferisce nello specifico?
«Abbiamo chiuso la partita con ben cinque giocatori in doppia cifra (Ancellotti, Fultz, Young, Carra, Vay, ndr). Ed è questo che mi fa pensare positivo riguardo al futuro. La mia intenzione è di creare una squadra vera ed equilibrata che in attacco non dipenda da nessuno in particolare, ma nella quale tutti all’occorrenza possano prendersi importanti responsabilità».

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.