Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Più che la prima settimana di allenamento, quella passata dalla Trenkwalder è sembrata una settimana in trincea, dove il conto dei «caduti» è cresciuto in maniera esponenziale. Settimana tutt’altro che facile per Marcelletti e il suo staff, che hanno dovuto fare i conti con una serie di problematiche che hanno colpito il reparto lunghi, costringendo la società a tornare sul mercato.
Al principio di tutto fu la nazionale, che dopo aver reso orgogliosa la società biancorossa per essersi avvalsa del talento di Melli e Campani, li ha restituiti entrambi spossati e con un infiammazione al tendine rotuleo del ginocchio sinistro. Anche la nazionale maggiore ha contribuito a «rubare» uomini a Marcelletti, arruolando Luca Infante tra i 15 azzurri impegnati nelle qualificazioni ai prossimi campionati europei. Se tre assenze sembravano poche, la sfortuna ha deciso di portare a termine il lavoro. Il nuovo acquisto Chris Heinrich si è fratturato l’alluce destro, mentre il giovane Ancelotti si è fermato a causa di un problema alla schiena.
«Se c’è bisogno io sono pronto a giocare anche da centro». La battuta fatta da Matteo Maestrello il giorno del raduno sembrava a quel punto trasformarsi in una necessità, e nonostante il talento e la buona volontà del giocatore la società ha deciso di tornare sul mercato dei free agent per cercare un paio di giocatori di ruolo pronti a trasferirsi in prova: Vay e Skornik. Entrambi resteranno a Reggio almeno fino a metà settembre.
Un po’ di sereno inizia per fortuna a intravedersi all’orizzonte: Melli e Campani stanno recuperando la condizione, e anche dall’America giungono buone notizie. Alvin Young tornerà oggi o al più domani, e si unirà al gruppo a partire dal giorno seguente il suo arrivo.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.