Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

E’ deluso Nicolò Melli, analizzando la sconfitta della Trenkwalder sul campo della Prima Veroli: «Il mio rammarico più grande è che non abbiamo adottato la mentalità giusta – commenta il baby biancorosso – Avevamo iniziato bene il nostro match, ma dopo essere andati in vantaggio nel primo e nel secondo quarto, abbiamo assunto un atteggiamento sbagliato: ci siamo affidati troppo al nostro talento e ci siamo rilassati. La rimonta di Veroli ha fatto trasparire tutti i nostri difetti: tattici e di atteggiamento, di mentalità».
A cosa è dovuto il crollo nel finale di gara?
«Eravamo in vantaggio di dieci punti e a quel punto è stato come se avessimo vinto la partita: abbiamo mollato, facendo rientrare in partita Veroli. Le cause di questa sconfitta sono certamente psicologiche, è un problema di testa. Spinta dal loro pubblico Veroli ci ha creduto, è tornata in partita e alla fine ha raccolto un successo importante».
Quando vedremo il miglior Melli?
«Sto lavorando duramente per ritornare in forma, dopo un mese e mezzo di stop. Ho 17 anni e recuperare per me non è un problema, quindi più che fisicamente devo ritrovarmi psicologicamente».
La Trenkwalder ha il mal di trasferta?
«Lontano da Reggio non riusciamo a rendere come quando giochiamo in casa: la squadra ha un po’ una doppia faccia ma stiamo lavorando duro per evitare che episodi del genere si ripetano. Siamo consapevoli che con questa mentalità non si va da nessuna parte e il gruppo deve ritrovarsi già dal prossimo match contro Casale Monferrato. Come organico siamo molto forti, possiamo ambire a vincere qualcosa di importante, ma dobbiamo lavorare sotto il punto di vista mentale».

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.