Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

E’ una giornata nella quale si accavallano molte voci. Alcune positive e altre decisamente meno. Quelle positive vengono dall’associazione calciatori, dove viene confermato che i tesserati del Bologna non metteranno in mora il Bologna per il pagamento degli stipendi arretrati fino al 19 dicembre, giorno in cui Intermedia si è data la scadenza per salvare il Bologna. E dunque qualche giorno in più per lavorare per la salvezza della squadra ci sarebbe. Le notizie negative vengono in primis dal fatto che domani arriverà il primo dei tre punti di penalizzazione dopo che sarà stato sentito l’amministrato delegato sul mancato pagamento dell’irpef, mentre a febbraio dovrebbero arrivare i due punti per gli stipendi. Su questo tema registriamo l’ennesima dichiarazione di Marras secondo il quale tra venerdì e lunedì, sia lui che Porcedda stanno lavorando con altre banche per ottenere il saldo degli stipendi, ma oramai questa sembra davvero una telenovela senza fine.
Sul fronte societario le ipotesi sono tante. Questa mattina a Futurshow Station è stato accennato ad una teoria che se provata sarebbe gravissima. Il fatto che dalle casse societarie sarebbero stati tolti 3 milioni da Porcedda che così si sarebbe coperto della cambiale lasciata in mano ai Menarini e ben sette dalla stessa famiglia Menarini. Nello stesso momento la situazione è questa: Marras non è potuto partire per Londra ma sta seguendo tre piste. La prima è quella della Gazprom Bank, colosso russo della finanza mondiale, il secondo è un gruppo pakistano, il terzo un gruppo russo diverso dal primo. Tutti si sono detti molto interessati alla società. Molto più concretamente in casa, cioè sotto le due torri, ci sono due anime, quella silenziosa e di cui nulla si sa legata alle società facenti capo a Intermedia, in cui si dice stia lavorando Alfredo Cazzola, che comunque continua a negare tutto, mentre l’altra, di cui si conosce molto è quella legata a Claudio Sabatini. Ieri sera il patron della Virtus ha cenato in un noto locale della città con Longo, quindi ha sentito diverse persone e oramai si può avere un’idea chiara dei compagni di viaggio. Da Marchesini, da sempre suo amico, a IGD, il forte gruppo immobiliare legato alle COOP, da Cerasarda, sponsor del Bologna, ad almeno un istituto di credito cittadino che ha dichiarato la propria disponibilità a collaborare con lui. Inoltre, ma qui, le certezze finiscono, c’è il fondo Barklay’s. Il referente afferma di avere 20 milioni pronti a sostenere entrambe le cordate e di essere stato contattato da entrambi i gruppi. Il puzzle è davvero complicato da ricostruire, anche perché, tutti negano tutto, ma considerando le cifre sempre più alte che ogni giorno sembrano utili alla salvezza del Bologna, il barometro non pende certo dalla parte del bel tempo.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.