Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display


rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/virtus_20130311.mp4
Prima uscita per la Virtus di Luca Bechi questa sera alle 20,30 all‘Unipol Arena con la Juve Caserta.

Società, peraltro, appena rilevata da un bolognese, e fortitudino, qual‘è Gianluca Galimberti. Per lui è un derby, per Sabatini no, ma una partita da vincere si. D“accordo che Biella continua a perdere, e del resto a Varese ci stava, e che lo scontro diretto è a favore, ma qualche risultato positivo bisognerà pur centrarlo. Purtroppo non ci sarà il play titolare Peppe Poeta, la regia sarà affidata al giovanissimo Imbrà, classe 1994 ma testa da altra carta d“identità e ad Hasbrouck, classe 1986 e testa da altra carta d“identità, ma a scendere… E“ da mesi che sta letteralmente prendendo in giro i tifosi bolognesi e questa sera, nel caso decidesse di giocare ancora in pantofole, meriterebbe solo pesanti fischi. Poi, se ha voglia di spiegare con chiarezza il motivo per il quale fornisce prestazioni indegne lo dica, sennà torni il giocatore di inizio stagione: perché deve essere chiaro che Kenny non è scarso, tira indietro. Magari l‘arrivo di un nuovo allenatore lo stimolerà a fare sul serio e non è affatto detto che non giovi anche a Smith che, attualmente, è poco più che una macchietta. Qualche bomba, due urli con gli arbitri e una difesa che non farebbe neanche Michele Misseri da Avetrana con se stesso… Pullen non è ancora a disposizione ed è un peccato, perché il ragazzo in Italia ha viaggiato a 16 punti di media e il suo apporto sarebbe stato importante. Non resta che aggrapparsi a Sua Maestà Angelo Gigli, alle scorribande dei ragazzini e, proponiamo tutte le riserve del caso, ad un ipotetico ritrovato orgoglio dei due americani. Dall‘altra parte c“è un gruppo che, con l‘arrivo di Galimberti, ha recuperato parte delle spettanze e ritrovato fiducia nel futuro, non solo per la stagione 2012-2013 ma anche per quella successiva. Sotto le plance c“è lo scomodissimo Akindele, supportato dall‘ex virtussino Michelori, fuori due “mani calde“? come Mordente e Maresca. In assoluto l‘ottimo Pino Sacripanti allena non solo giocatori ma uomini, che dopo appena 15 giorni di preparazione si sono sentiti dire il più classico “Bambole, non c“è una lira“?. Nonostante cià hanno proposto un ottimo girone di andata e pare proprio che desiderino proseguire sulla falsariga. Ai virtussini “superstiti“? il compito di fargli capire che a Bologna non possono vincere. Il pubblico sosterrà fino all‘ultimo la sua squadra, a patto che nessuno si astenga dalla lotta, sennà, come diceva Alberto Sordi nel mitico “Presidente del Borgorosso“?, è un gran figlio, con quel che segue….

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.